814 Shares 9861 views

I costi variabili: esempio. I costi di produzione

le spese dell'impresa possono essere considerati nell'analisi da diverse prospettive. La loro classificazione è basata sulle caratteristiche diverse. Dal punto di vista dell'impatto costi di fatturato prodotto possono essere dipendenti o indipendenti l'incremento delle vendite. I costi variabili, un esempio della determinazione che richiede un attento esame, permettono il capo della società per la gestione di loro aumentando o diminuendo le vendite di prodotti finiti. Pertanto, essi sono importanti per la comprensione della corretta organizzazione delle attività di qualsiasi azienda.


caratteristiche generali

Variabili i costi aziendali (costo variabile, VC) sono quei costi che l'organizzazione cambia con l'aumento o la diminuzione della crescita delle vendite di questi prodotti. Per esempio, al termine della società, i costi variabili dovrebbero essere pari a zero. Enterprise di svolgere la propria attività in modo efficace, hanno bisogno di valutare regolarmente le prestazioni dei suoi costi. Dopo tutto, essi influenzano l'ammontare del costo dei prodotti finiti e fatturato.

Per costi variabili includere tali articoli.

  • Il costo di carico delle materie prime, energia, materiali, che sono direttamente coinvolti nella produzione di prodotti finiti.
  • Il costo di fabbricazione di prodotti.
  • Lo stipendio dei dipendenti, in funzione della realizzazione del piano.
  • Interessi attivi verso le attività di sales manager.
  • Tasse: IVA, sulla STS UST.

Capire i costi variabili

Per realizzare correttamente una cosa come i costi variabili, un esempio della definizione deve essere considerato in modo più dettagliato. Così, la produzione nello svolgimento dei suoi programmi di produzione passare una certa quantità di materiali che saranno effettuate prodotto finale. Tali costi possono essere attribuiti ai costi variabili diretti. Ma alcuni di loro dovrebbero essere separati. Fattori come l'elettricità, e possono essere attribuiti ai costi fissi. Se si sono presi in considerazione nel costo della zona di copertura, dovrebbero rientrare in questa categoria. Elettricità direttamente coinvolti nel processo di fabbricazione di prodotti, si riferisce ai costi variabili a breve termine.

Ci sono anche i costi, che dipendono turnover, ma non in modo direttamente proporzionale al processo produttivo. Questa tendenza può essere causato dalla mancanza di congestione (o in eccesso) Produzione mancata corrispondenza la sua capacità di progettazione.

Pertanto, per misurare l'efficacia della società nella gestione dei loro costi devono essere considerati costi variabili come un grafico lineare subordinato sull'intervallo alla normale capacità operativa.

classificazione

Ci sono diversi tipi di classificazione dei costi variabili. Con il cambiamento dei costi di realizzazione si distinguono:

  • costi proporzionati che stanno aumentando nello stesso modo come il volume di produzione;
  • i costi progressivi aumentando ad un ritmo più veloce rispetto alla realizzazione;
  • costi degressivamente che aumentano con l'aumentare i tassi di produzione ad una velocità inferiore.

Gli indicatori statistici dei costi variabili della società sono:

  • generale (costo variabile totale, TVC), che sono calcolati su tutta la gamma di prodotti;
  • medio (AVC, Costo medio variabile), calcolato per unità di prodotto.

Secondo il metodo della contabilizzazione del costo dei prodotti finiti si distinguono variabili costi diretti (semplicemente cui il costo) e indirette (difficile misurare il loro contributo al costo).

Per quanto riguarda l'uscita di processo può essere di produzione (carburante, materie prime, energia, ecc. D.) e la non produttivi (trasporto, percentuali, e così il mediatore. D.).

costi variabili comuni

L'uscita funzione è simile a costi variabili. E 'continuo. Quando per analizzare tutti i costi mettere insieme, ottenuto il totale dei costi variabili di tutti i prodotti della società.

Quando combinato variabile totale e costi fissi, si scopre l'importo totale in azienda. Questo calcolo viene eseguito per determinare la dipendenza dei costi variabili di produzione. Inoltre, secondo le variabili della formula sono costi marginali:

MS = ΔVC / AQ, in cui:

  • MC – costi variabili marginali;
  • ΔVC – incremento dei costi variabili;
  • AQ – aumentare la produzione.

Questa relazione ci permette di calcolare l'impatto dei costi variabili del risultato complessivo della vendita di prodotti.

Calcolo dei costi medi

Il costo medio variabile (AVC) – viene speso per l'unità di produzione delle risorse aziendali. In un certo intervallo di crescita del prodotto non ha alcun effetto su di loro. Ma quando la capacità di progettazione cominciano a crescere. Questo comportamento si spiega con l'eterogeneità dei costi dei fattori e la loro crescita per la produzione su larga scala.

L'indicatore presentato è calcolato come segue:

AVC = VC / Q, dove:

  • VC – numero di costi variabili;
  • Q – quantità di output.

I parametri di misura i costi medi variabili a breve termine è simile alla variazione dei costi totali medi. Maggiore è la produzione di prodotti finiti, maggiore è il costo complessivo cominciando a soddisfare l'aumento dei costi variabili.

Calcolo dei costi variabili

Sulla base di quanto sopra, possiamo definire la formula costo variabile (VC):

  • VC = costo delle materie prime + + + Fuel Elettricità Premium + salario + interesse da parte di agenti di vendita.
  • margine lordo VC = – costi fissi.

La quantità di costi fissi e variabili è uguale all'indice dei costi totali dell'organizzazione.

costi variabili, un esempio di calcolo che è stato presentato sopra, sono coinvolti nella formazione di loro figura totale:

I costi totali = costi variabili + costi fissi.

ESEMPIO determinazione

Per meglio comprendere il principio di calcolo dei costi variabili, si consideri l'esempio dei calcoli. Ad esempio, l'azienda si caratterizza per la sua produzione di tali articoli:

  • Il costo dei materiali e delle materie prime.
  • i costi di produzione di energia.
  • Lo stipendio dei lavoratori che producono beni.

Si afferma che i costi variabili sono direttamente proporzionali a crescere con l'aumento dei prodotti finiti. Questo fatto viene preso in considerazione per determinare il punto di pareggio.

Ad esempio, è stato stimato che il punto di break-even di 30 mila. Unità. Se viene costruito un grafico, il livello di pareggio di produzione sarà pari a zero. Se il volume è ridotto, le operazioni della società si sposta alla scarsa redditività del piano. E allo stesso modo, con volumi crescenti di organizzazione della produzione sarà in grado di ottenere un risultato positivo dell'utile netto.

Come ridurre i costi variabili

Aumentare l'efficienza delle imprese possono utilizzare la strategia di "economie di scala", che si manifesta con l'aumento dei volumi di produzione.

Le ragioni della sua presenza sono i seguenti.

  1. L'uso della scienza e della tecnologia, la ricerca che migliora la producibilità.
  2. Riduzione dei costi del personale dei manager.
  3. Stretta specializzazione della produzione, che consente di eseguire ogni fase di attività di produzione in modo più efficiente. Questo riduce la percentuale di scarto.
  4. L'introduzione di linee tecnologicamente simili di produzione, che fornirà l'utilizzo della capacità addizionale.

In questo caso, il tasso di crescita dei costi variabili osservato sotto la crescita delle vendite. Ciò consentirà di aumentare l'efficienza della società.

Dopo aver familiarizzato con questa nozione, come i costi variabili, un esempio di calcolo che è stato citato in questo articolo, gli analisti finanziari e gestori in grado di sviluppare un certo numero di modi per ridurre il costo complessivo della produzione e ridurre i costi di produzione. Ciò consentirà la gestione efficace dei tassi di turnover aziendali.