373 Shares 4536 views

Frustrazione in psicologia: vagamente inteso con il termine

Molte parole straniere nella nostra lingua sono utilizzati a destra ea sinistra, anche se il loro significato resta oscuro per il profano. Questo è quello che è successo con la parola "frustrazione", è molto simile ad usare anche una certa pratica psicologi, senza dare una spiegazione. Allora, qual è la frustrazione?


Determinazione dei suoni – "la reazione emotiva e sensuale al inaspettata resistenza dell'ambiente circostante." Naturalmente, questa è una definizione molto generale. Sotto la resistenza può essere inteso come diverse circostanze – le reazioni di altre persone, eventi spiacevoli. Cioè, se v'è una certa discrepanza tra le aspettative e la realtà, e l'uomo dà una reazione emotiva, questa reazione sarà chiamato frustrazione. Nella lingua russa per la parola più vicina al concetto di "confusione".

Naturalmente, per definizione, è chiaro che questa condizione è molto sgradevole. Frustrazione in psicologia – spesso usato termine, perché ci accompagna per tutta la vita. Si è classificata in frustrazione interna ed esterna sulle fonti di conflitto. Interno può essere dovuto al fatto che un uomo si è dato degli obiettivi e raggiungerli non funziona. La frustrazione si verifica spesso quando l'insoddisfazione di forti desideri e bisogni e istinti. La persona spesso si perde se il fatto che egli è di solito ottiene, cessa improvvisamente a lavorare fuori. E 'anche una fonte di frustrazione può essere una conoscenza della presenza di eventuali complessi, per esempio, la paura di parlare pubblicamente o la paura di socializzazione. Poi la situazione di mancato non faccia una volta, non due volte. Inoltre, la frustrazione interna in psicologia è considerata una conseguenza degli scopi conflitto interno, quando la realizzazione di un sogno impedisce l'attuazione degli altri, questo è chiamato dissonanza cognitiva.

frustrazione esterno in psicologia – una confusione causata da fattori che sono al di là dell'individuo. Cioè, se si è rimasti bloccati nel traffico – è la fonte della frustrazione esterna. O improvvisamente Capo strettamente necessario ad eseguire un compito in cui il lavoratore non capisce. Il primo stato che una tale persona si sentirà e sarà frustrazione. Anche se può andare in aggressività, e non finalizzato alla fonte, che ha provocato confusione. Quindi ci sono nella nostra situazione vite libro di testo: un uomo tiranneggiato capo, sposo poi l'uomo in casa è rotto, il coniuge riceve dai bambini, e l'ultimo nella catena di aggressione diventano animali domestici. Tutto è iniziato con la frustrazione di una sola persona.

Questa condizione può causare diverse persone reazione disuguale. Qual è il rapporto di frustrazione e di difesa meccanismi del singolo? Se l'intensità di almeno il primo mezzo, la seconda include obbligatoria. Il primo meccanismo – noto come non è un termine tutti spostamento. circostanze spiacevoli in questo caso, come lo sono stati dimenticati, ma continuano a vivere nell'inconscio e perseguitare una persona. Regressione – un "ritorno" del singolo in una fase precedente di sviluppo, che avviene anche per essere una reazione alla frustrazione. Il terzo meccanismo di difesa comune – il trasferimento, questa è la situazione che si è visto in precedenza – quando una persona tira fuori relitto sue speranze di chiudere (e non solo).

Naturalmente, un certo grado di frustrazione è normale ed è la ragione per cui stiamo migliorando noi stessi, ma se si è in ritardo per un lungo periodo, l'effetto dello stress costante può minare la salute. in particolare le malattie comuni associati con la frustrazione, comune in middle management. Il loro lavoro è responsabile abbastanza, inoltre, devono rispondere ai capi di rango più elevato. Naturalmente, ci sono le caratteristiche individuali di risposta e la barriera possono essere superate, ma richiede tempo e sforzo supplementare. Se una persona è addestrato per risolvere il problema, la prossima volta di confusione non può essere. La frustrazione in psicologia è intesa come una reazione alla difficile da superare, per cui se una persona si trova con un difficile ma non insormontabile in termini di sfida abilità, non lo farà frustrazione.