211 Shares 8590 views

Romeo: tipico eroe shakespeariano

Questo classico eroe dei celebri opere di William Shakespeare, sappiamo tutti come l'amante ragazzo sfortunato di quindici anni. "Non c'è storia più triste del mondo che la storia di Romeo e Giulietta …". I nomi dei due amanti nel 1524 prima utilizzati da Luigi da Porto nel suo gioco "La storia di due amanti nobili." Gli eventi hanno avuto luogo a Verona. Questa storia è diventato così popolare nel Rinascimento che nel 1554 Matteo Bandello scrivere un romanzo, nel 1562-m Artur Bruk – poesia "Romeo e Giulietta", e Shakespeare prenderà la base della storia e creare un noto in tutto il mondo la tragedia.


La trama della storia

Il protagonista arriva sulla scena subito dopo una breve colluttazione tra i due agenti delle famiglie nobili in lotta di Montecchi e Capuleti a Verona. Romeo Montekki triste e solo, che sta vivendo sentimenti di amore non corrisposto per Rosalina. Per intrattenere in qualche modo gli amici Benvolio e Mercuzio persuaderlo in segreto dietro le maschere di andare con loro per un ballo in maschera nei Capuleti. Di conseguenza, Romeo imparare, e lascia la palla, ma in questo periodo riesce a vedere la figlia del proprietario, Juliet. Si innamorano a prima vista, e poi più tardi solo per scoprire che entrambi appartengono alle famiglie che sono nemici mortali.

E poi, parlando sul tema: "Romeo: la caratterizzazione del protagonista", va notato che il ragazzo era molto coraggioso e persistente. Una notte, arriva sotto il balcone di Giulietta e confessa il suo amore per lei. Giovani amanti giurano amore e la fedeltà e vogliono sposarsi in segreto. Questo caso si commettono un amico monaco Lorenzo. Ma ecco che arriva un evento inatteso: Romeo uccide Tebaldo – fratello di Giulietta. Romeo bandito da Verona.

La morte di amanti

In questo momento, i genitori di Giulietta stanno preparando il suo matrimonio con Parigi. Lei è costretta a chiedere aiuto al frate Lorenzo, che la invita a bere una pozione che lei si cullano per due giorni, quindi tutti abbiamo pensato che fosse morta. E tutto questo è accaduto, ma la notizia spiegando che la morte di Giulietta immaginario, a Romeo non ha a concretizzare l'azione.

Fuori di sé dal dolore di apprendere della morte del suo amato, è tornato a Verona e se ne andò al sepolcro dei Capuleti, Parigi, dove ha incontrato e lo ha ucciso. E poi ha bevuto il veleno e morì nei pressi di Giulietta. Quando si svegliò, vide i morti Romeo, subito si uccise con un pugnale. Dopo di che, la famiglia dei Montecchi e Capuleti hanno fermato la guerra insensata che ha portato alla morte dei loro amati figli.

Romeo: caratteristico

All'inizio del lavoro, l'autore descrive il suo eroe in quanto v'è ancora un giovane inesperto che assorbe pienamente l'amore, la passione o piuttosto artificioso per Rosalind – imprendibile e molto assurda bellezza. Romeo capisce il suo comportamento folle, ma tutti uguali, come una falena, vola in fiamme. Amici non approvava la sua scelta, perché capiscono che la sua passione è artificiale, era annoiato dalla realtà che lo circonda, e lui volutamente inventato il suo tutto. La sua anima era troppo pura e ingenua, e la passione ordinaria può essere scambiato per vero amore. Devo dire che un sognatore ardente era Romeo, caratteristico della sua natura dice che egli anela per amore, ma si limita a stabilire se stesso in essa. Vuole essere un vincitore sul Rosalind indifferente e arrogante. Pensa che lo aiuterà ad aumentare il suo prestigio tra amici e crescere nei vostri occhi.

Romeo e Giulietta

Quando vede una bella Giulietta al ballo, tutto il suo falso senso di dissipato, dimentica subito di Rosalind. Ora il suo vero amore, che rigenera e l'eleva. Perché con la natura che è dotato di un cuore tenero e sensibile che si sente il problema si avvicina, anche prima di decidere di andare in vacanza a casa del nemico Capuleti. Tentò di resistere, ma per affrontare il destino del caso si è rivelata inutile per lui come una forte passione ancora prevale su Romeo. Caratteristica delle sue affermazioni che egli non è irascibile e pronto a riconciliarsi con le circostanze. Prima uccide il fratello di Giulietta Tebaldo di vendetta per l'omicidio di un amico Mercuzio, e poi uccide più innocenti e Parigi.

conclusione

Shakespeare si mostra qui un moralista, che non fa i suoi personaggi sono positivi o negativi. L'aspetto di Romeo non è particolarmente interessato in esso. Essa mostra il tragico percorso di chi non può frenare le loro passioni distruttive, che hanno potere su un luminoso, un'anima così vulnerabile e sublime come quella di Romeo.