557 Shares 7411 views

La creatività e la biografia di Asadova Eduarda

Eduard Asadov spicca tra i poeti della poesia d'amore. Ha scritto poesie, ha citato diverse generazioni di adolescenti impressionabili a maturare le donne e gli uomini che sanno cosa dire, questo grande creatore. Il nome Asadov anche collegata e molte linee che non ha mai scritto. E 'per certo è quello di capire i suoi capolavori, ovviamente, aiutare biografia Asadova Eduarda.


informazioni di base

poeta sovietico e scrittore Eduard Asadov Arkadevich nacque il settimo settembre 1923 nella famiglia di un insegnante. Il luogo di nascita del creatore – la città di Maria (a quel tempo si chiamava Merv) in Turkmenistan.

Durante la Guerra Civile Arkadiy Asadov – padre del poeta – combattuta nel Caucaso. Quando il ragazzo aveva sei anni, ho preso la morte di suo padre, così la famiglia si trasferì a suo nonno Edoardo – Ivan Kurdova – Urali, nella città di Sverdlovsk (ora – Ekaterinburg).

primi anni

Ivan Kalustovich curdi – padre madre Asadov (Lydia) – hanno avuto una grande influenza sul ragazzo. Il futuro poeta ha definito "un nonno storica." Ha studiato il piccolo Edward coltivare le loro migliori caratteristiche e per vedere il buono nelle persone, anche se sono in se stessi non trovato.

Fortemente influenzato a casa Asadov e nonno Regione – Ural. L'amore per la natura severa e aspra del luogo in cui Eduard Arkadevich Asadov (biografia sottolinea soprattutto questo) ha trascorso la sua infanzia e adolescenza, si riflette in molte opere e rimarrà per sempre nella sua memoria una fonte di ispirazione. Oltre a Sverdlovsk famiglia Asadov andava spesso a suo zio Edward Serov, in modo che il giovane poeta era in grado di comprendere appieno la grandezza della loro terra natale.

La prima prova penna Asadov ha avuto luogo nel 1931: otto Edward ha scritto una poesia.

Come un bambino, il poeta non si è comportato in modo diverso dai suoi coetanei: era un tipico vita della scuola sovietica, tra cui la Lega dei Giovani Comunisti e unirsi ai pionieri.

Oltre la poesia ragazzo appassionato di teatro: lo amava con devozione, ha preso parte nel club dramma.

gioventù

Nel 1939, Eduard Asadov trasferisce a Mosca: la madre è stata trasferita nella capitale, come è stato un insegnante eccezionale. Nella nuova scuola, il giovane ha continuato la sua espressione artistica, e scrisse le sue poesie.

Nel 23 febbraio del 1940, il poeta ha fatto la sua prima apparizione sul fronte pubblico dei soldati dell'Armata Rossa.

Nel 1941, il 14 giugno, si è diplomato al liceo, ma la sua gioia dopo il ballo di fine anno non durò a lungo, perché solo una settimana dopo l'evento, la Grande Guerra Patriottica. Non ha mai mostrato alcuna viltà, in modo da diciassette Assad è andato al fronte come volontario per difendere il loro paese di origine e dei loro cari. Tre anni più tardi, ha fatto un atto eroico, per cui ha ricevuto il titolo di "cittadino onorario della città" a maggio, quarantaquattro, nelle battaglie per Sevastopol combattente, ma è stato gravemente ferito. Fino alla fine del Edward da un infortunio e non recuperato: il poeta ha perso la vista, e da allora, il pubblico ha sempre nascosto i suoi occhi benda nera.

dopo la guerra,

Nel 1946 è arrivata la "disgelo". La guerra finì, e Edward Asadov, seguendo la sua vocazione, superato l'esame a pieni voti e divenne uno studente dell'Istituto Letterario a loro. A. M. Gorkogo. La scuola si è laureato nel 1951 con lode. In generale, la biografia Asadova Eduarda dimostra che l'uomo che era, non solo, ovviamente, di talento, ma anche diligente, responsabile e indispensabile, un bravo studente e un buon amico.

Subito dopo la laurea, E. Asadov pubblicò la sua prima raccolta di poesie intitolata a loro come la "Strada Luminoso". La pubblicazione è diventato il biglietto del poeta dell'Unione degli Scrittori.

popolarità

Fame ha superato lirica di talento nei primi anni Sessanta del 20 ° secolo. Questa popolarità è rimasta invariata nei prossimi quarant'anni la circolazione di raccolte di poesie Asadov raggiunto centomila, e il tutto esaurito in un tempo molto rapido, serata letteraria, sempre con successo nelle migliori sale da concerto del paese.

Cosa devo la mia fama poeta? Biografia Eduarda Arkadevicha Asadova ben riflette questa: egli non solo ha scritto circa il migliore dei tratti umani, ma ha ripetutamente mostrato loro. Luce skvozyaschaya sincerità nella sua poesia, non può rimanere indifferente.

Il problema è che, privato di Edward Asadov, ha dato al mondo le linee in cui, secondo le parole del creatore, non ha mai mentito. Non vedendo i volti delle persone, vide i loro cuori, feltri e ha scritto su di loro. Molto uomo sincero era Edward Asadov.

Biografia: Vita personale

E sua moglie, ei suoi figli – vicino in modo persone – erano ciò Asadov apprezzato, forse più di ogni altra cosa. Chi, se non lui, di conoscere la vera importanza della famiglia. Nelle sue poesie, il poeta spesso rivolto al tema dell'amore, e non mentiva mai. Prima Asadov incontrato la sua futura moglie – Galina Valentinovna Razumovsky, ha dovuto sopportare e tradimento e amare delusioni. Ma il freddo del dolore si ritirò prima che il potere del vero amore.

L'incontro ha avuto luogo a Barnaul nel 1961, il giorno ventinove del mese di agosto, e il mondo si rivolse poeta.

Sua moglie, la scrittrice ha dedicato un intero ciclo di poesie d'amore.

Non come ben noto come lui Eduard Asadov, la biografia. Figli e nipoti del poeta – fa un poco conosciuto informazioni. L'unico figlio – Arkadiy Eduardovich Asadov. Christina Asadov (nipote dello scrittore) è più incline a uscire, al contrario di suo padre. Ha dato un paio di interviste a quotidiani circa il suo famoso nonno.

creazione

Biografia Eduarda Arkadevicha Asadova piena di eventi che molte persone sarebbero costretti a perdersi d'animo. Ma quest'uomo – forte e leggero, con la lettera maiuscola, non solo soffiava tutti i problemi, superare gli ostacoli, ma è stato in grado di essere felice e dare alla gente una particella di gioia con i loro versi.

Sorprendentemente, la creatività del poeta non è insegnata nelle scuole. Tuttavia, molte persone sanno che Edward Asadov. Biografia dello scrittore interessato a loro, non a causa della missione di addestramento, ma perché vogliono sapere che cosa fosse questa persona straordinaria.

Asadov ispirato conversazioni, impressioni, incontri. Il suo lavoro è sicuramente riconoscibile per alcuni molto corretta la giustizia, ma anche per il trattamento della maggior parte dei temi cuore perforanti. In generale la poesia Eduard Abramovich associata alla parola "diritto", come se lo scrittore mette tutto sugli scaffali, o meglio le linee.

Eduard Asadov se stesso attratto da ballate, non ha paura di assumersi gli spigoli vivi della trama, come nella vita, il poeta non è in conflitto evitato, e ha deciso, in modo chiaro e semplicemente.

elenco delle opere

Quanto tutta la sua vita ha scritto Eduard Asadov! Biografia, poesie, perché parte integrante del viaggio della vita dello scrittore. Ha solo 66 delle opere pubblicate.

Tra di loro c'è un soggetto civile:

  • "Reliquie del paese."

  • "Vigliacco".

  • "La Russia non inizia con la spada!".

  • "Il mio".

Linee Lyrical:

  • "L'amore e la viltà."

  • "Posso aspettare per molto."

  • "Il mio amore."

  • "Erano gli studenti."

motivi naturali:

  • "Song Night".

  • "Orso".

  • "Poesie di bastarda rossa".

Biografia Asadova Eduarda non è così semplice, eppure le poesie del poeta continua ad essere molto luminoso e di affermazione della vita.

I loro insegnanti creativi Asadov considerate queste persone eccezionali come Puskin, Lermontov e Nekrasov, Blok e Esenin. Ri-leggere le loro opere più volte. Estremamente appassionato di creatività Korney Chukovsky. Impressionato dalle sue linee, Eduard Abramovich scrisse diverse poesie. Inoltre, ha inviato le sue poesie Korney Ivanovich personalmente, insieme ad una lettera, è molto preoccupante per la risposta. Asadov Chukovskij assicurato che – un vero poeta, ed è affatto impossibile smettere di scrivere.

"Ho annegare nei tuoi occhi, vero?"

C'è una poesia nel genere di poesia d'amore conosciuto e persino popolare, citato da molti, ma purtroppo, non si sa chi sia l'autore. Opera "I annegare nei tuoi occhi, vero?" Viene spesso attribuita a Robert Rozhdestvensky o Edward Asadov. A proposito di Eduard Abramovich, anche se è noto che egli non ha scritto queste righe, dibattiti speciali sono. Alcuni sostengono che è scritto chiaramente nel suo stile, e in aggiunta, la frase "Io annegare nei tuoi occhi" con grande sentimento per il poeta cieco. Robert Rozhdestvensky, le assicurazioni degli altri, si è trasferito un poco noto poema scrittore moldavo. Ma l'evidenza aneddotica è congetture e pausa dibattito non ancora raccolti. Una cosa è certa: biografia Asadova Eduarda non è mai stato una parte segreta delle sue opere. E questo, senza dubbio, una creazione notevole non è tra questi.

Biografia Edward Asadov: aforismi, citazioni

Righe di talento poeta, come già accennato, molto preciso. Quindi non è sorprendente che quasi ognuno di sua poesia può essere smontato in una citazione in cui la saggezza di volte maggiore che in lunghi monologhi.

Asadov ha colpito dritto alla meta, quando ha affermato che:

"L'uomo è diventato necessario …" e "la stupidità, purtroppo, nessuna cura."

Inutile dire che l'incredibile bellezza delle opere sono teneramente amato e amore eterno, romanticismo e esteti. Forse queste persone possono essere classificati e la maggior parte Eduard Abramovich. Un conoscitore delle migliori qualità umane, un amante della musica classica, un paroliere incredibile – la sua anima è sicuramente impegnando per le caratteristiche romantiche.

ultimi anni

21 aprile 2004 il poeta eccezionale, uno scrittore di talento e persona meravigliosa Eduard Arkadevich Asadov morto. La causa della morte è stato un attacco di cuore. Fu sepolto a Mosca Kuncevo cimitero. Allo stesso tempo, il suo cuore ha lasciato sepolto nel luogo in cui ha perso di vista – a Sebastopoli. Sorprendentemente, come la biografia Asadova Eduarda si riduce a questa città, come gli eventi che vi si svolgevano, influenzare il destino del poeta come, forse, predeterminato la sua vita futura. Non c'è da stupirsi che dicono che quando la porta è chiusa, la finestra rimane aperta.