623 Shares 5104 views

Il periodo geologico. Neogene periodo. Periodo triassico. Il periodo giurassico

Secondo le idee moderne degli scienziati, la storia geologica del nostro pianeta è 4,5-5 miliardi di anni. Nel processo di sviluppo è consuetudine assegnare periodi geologici della Terra.


Informazioni generali

I periodi geologici della Terra (la tabella riportata di seguito) rappresentano una sequenza di eventi che si sono verificati durante lo sviluppo del pianeta dal momento della formazione della crosta terrestre. Con il passare del tempo, si verificano diversi processi, come la nascita e la distruzione di forme di soccorso, la sommersione di aree terrestri sotto l'acqua e la loro crescita, la glaciazione, l'apparenza e la scomparsa di varie specie di piante e animali, ecc. Il nostro pianeta ha tracce chiare La loro educazione. Gli scienziati affermano di essere in grado di fissarli con precisione matematica in diversi strati di roccia.

I principali gruppi di depositi

I geologi, cercando di ripristinare la storia del pianeta, studiano i livelli di roccia. Si accetta di dividere questi sedimenti in cinque gruppi principali, distinguendo le seguenti epoche geologiche della Terra: antico (archeano), primo (proterozoico), antico (paleozoico), medio (mesozoico) e nuovo (cenozoico). Si ritiene che il confine tra loro passa attraverso i più grandi fenomeni evolutivi che si sono verificati sul nostro pianeta. Le ultime tre epoche, a loro volta, sono divise in periodi, in quanto in questi sedimenti i resti delle piante e degli animali sono più vivaci. Ogni fase è caratterizzata da eventi che hanno influenzato decisamente l'attuale sollievo della Terra.

La tappa più antica

L'era archeana della Terra è stata distinta dai processi vulcanici piuttosto turbolenti, per cui i rocce granitiche magmatiche – la base per la formazione di piatti continentali – sono apparse sulla superficie del pianeta. A quel tempo c'erano solo microrganismi che potevano fare senza ossigeno. Si suppone che i depositi dell'epoca archeana copriscano le singole aree continentali con uno schermo quasi ininterrotto, contengono un sacco di ferro, argento, platino, oro e altri metalli.

Primo stadio

L'epoca proterozoica è caratterizzata anche da un'elevata attività vulcanica. Durante questo periodo, si formarono massicci di montagna della cosiddetta piegatura Baikal. Fino ad ora non sono stati praticamente conservati, oggi rappresentano solo alcune insignificanti sollecitazioni sulle pianure. In questo periodo, la Terra abitava i più semplici microrganismi e le alghe azzurre, comparvero i primi multicellulari. Lo strato proterozoico delle rocce è ricco di minerali: mica, metalli non ferrosi e minerali di ferro.

L'antica tappa

Il primo periodo dell'epoca paleozoica è stato caratterizzato dalla formazione di creste di montagna pieghevoli in Caledonia. Ciò ha portato ad una significativa riduzione dei bacini marini, così come all'emersione di enormi aree terrestri. Fino ad ora esistono alcuni intervalli del periodo: negli Urali, in Arabia, nella Cina sudorientale e nell'Europa centrale. Tutte queste montagne sono "usurate" e basse. La seconda metà del Paleozoico è anche caratterizzata da processi di montagna. Qui si formarono le creste della piegatura Hercynian. Questa era era più potente, c'erano grandi catene montuose nei territori degli Urali e della Siberia Occidentale, della Manciuria e della Mongolia, dell'Europa Centrale, così come dell'Australia e del Nord America. Oggi sono rappresentati da massicci blocchi molto bassi. Gli animali dell'era paleozoica sono rettili e anfibi, i mari e gli oceani sono abitati dai pesci. Tra il mondo delle piante, le alghe hanno prevalso. L'epoca paleozoica (il periodo carbonifero) è caratterizzata da grandi depositi di carbone e olio, che sorgono proprio in questa epoca.

Medio stadio

L'inizio dell'era Mesozoica è caratterizzato da un periodo di relativa tranquillità e dalla graduale distruzione dei sistemi montani creati in precedenza, la sommersione dei piani territoriali (parte della Siberia occidentale). La seconda metà di questo periodo è stata segnata dalla formazione di creste di piegatura Mesozoica. C'erano paesi estremamente montani che oggi hanno lo stesso volto. Ad esempio, i monti della Siberia Orientale, la Cordigliera, alcune zone di Indocina e Tibet. La terra era densamente ricoperta di vegetazione lussureggiante, che fu progressivamente morta e rottata. Grazie al clima caldo e umido, ha avuto luogo una formazione attiva di torbiere e paludi. Questa era l'era dei dinosauri giganti – dinosauri. Gli abitanti dell'era mesozoica (animali erbivori e carnivori) si sono diffusi in tutto il pianeta. Allo stesso tempo, appaiono anche i primi mammiferi.

Nuova tappa

L'epoca cenozoica, che ha sostituito la fase intermedia, continua ancora oggi. L'inizio di questo periodo è segnato da un aumento dell'attività delle forze interne del pianeta, che ha portato ad un aumento generale di enormi aree di terra. Questa era caratterizzata dalla nascita di catene montuose di piegatura alpina all'interno della cintura alpina-himalayana. Durante questo periodo, il continente eurasiatico ha acquisito contorni moderni. Inoltre, c'è stato un notevole rinnovamento degli antichi massicci degli Urali, Tien Shan, Appalachi e Altai. Cambiò bruscamente il clima sulla Terra, cominciò i periodi di potenti coperture di ghiaccio. I movimenti delle masse glaciali hanno alterato il sollievo dei continenti dell'emisfero settentrionale. Di conseguenza, furono formate pianure collinari con un vasto numero di laghi. Gli animali dell'era Cenozoica sono mammiferi, rettili e anfibi, molti rappresentanti dei periodi iniziali hanno raggiunto fino ad oggi, altri sono morti (mammut, rinoceronti lana, tigri sciabordi, orsi di grotte e altri) per un motivo o per un altro.

Che cosa è un periodo geologico?

Lo stadio geologico come unità della scala geocronologica del nostro pianeta è di solito diviso in periodi. Vediamo cosa dice questo termine nell'enciclopedia. Il periodo (geologico) è un grande intervallo di tempo geologico, durante il quale sono state formate rocce. A sua volta, è suddiviso in unità più piccole, di solito chiamate epoche.

Le prime fasi (Archeano e Proterozoico) in relazione alla totale assenza o quantità insignificanti di depositi animali e vegetali in esse non sono divisibili in aree aggiuntive. L'epoca paleozoica comprende i periodi Cambriano, Ordoviciano, Siluriano, Devoniano, Carbonio e Permiano. Questa tappa è caratterizzata dal numero più elevato di sottointervalli, il resto è limitato a soli tre. L'epoca mesozoica include le fasi triassiche, giurassiche e cretiche. L'epoca cenozoica, i cui periodi sono stati più studiati, è rappresentata dal sottogruppo Paleogene, Neogene e Quaternario. Prendiamo in considerazione alcuni di essi in modo più dettagliato.

Triassico

Il periodo triassico è il primo sottointervallo dell'era Mesozoica. La sua durata era di circa 50 milioni di anni (inizio – 251-199 milioni di anni fa). È caratterizzato dal rinnovamento della fauna marina e terrestre. Allo stesso tempo, alcuni esponenti del Paleozoico continuano ad esistere, come gli spiriferidi, i tabuli, alcuni lamellarbranchi, ecc. Tra gli invertebrati, gli ammoniti sono molto numerosi, dando molte nuove forme importanti per la stratigrafia. Tra i coralli prevalgono forme a sei razze, di brachiopodi – terrebratulidi e rhinchonelidi, nel gruppo degli echinodermi – ricci di mare. Gli animali vertebrati sono principalmente rappresentati da rettili – grandi dinosauri lizhorotazovymi. Tecodons sono ampiamente distribuiti – rettili terrestri veloci in movimento. Inoltre, nel periodo triassico, i primi grandi abitanti dell'ambiente acquatico appaiono ichthyosaurs e plesiosaurs, ma raggiungono il loro periodo di oro solo nel periodo giurassico. Anche in questo momento, comparvero i primi mammiferi, rappresentati da piccole forme.

La Flora nel periodo triassico (geologico) perde elementi della Paleozoica e acquista esclusivamente la composizione mesozoica. Qui predominano le razze rocciose di felce, saggy, conifere e ginkgo. Le condizioni climatiche sono caratterizzate da un notevole riscaldamento. Ciò porta all'asciugatura di molti mari interni, e nei restanti il livello di salinità aumenta essenzialmente. Inoltre, le superfici delle acque interne sono molto ridotte, con conseguente sviluppo di paesaggi desertici. Ad esempio, la formazione tauriana della penisola di Crimea è riferita a questo periodo.

giurassico

Il periodo giurassico ha avuto il suo nome a causa delle montagne giurassiche dell'Europa occidentale. Forma la parte centrale del Mesozoico e riflette più precisamente le principali caratteristiche dello sviluppo della materia organica di questa epoca. A sua volta, è consuetudine dividere in tre divisioni: inferiore, media e superiore.

Il mondo animale di questo periodo è rappresentato da largamente diffusi invertebrati – cefalopodi (ammoniti rappresentati da numerose specie e generi). Sono molto diversi dai rappresentanti del Triassico secondo la scultura e il carattere delle conchiglie. Inoltre, durante il periodo giurassico, un altro gruppo di molluschi, belemnites, è fiorente. A questo punto, un significativo sviluppo si realizza con coralli a forma di scogliera a sei raggi, spugne marine, gigli e ricci, nonché numerosi lamellarbranchi. Ma la specie del braciopod Paleozoico scompaiono completamente. La fauna marina delle specie vertebrate differisce significativamente dal Triassico, raggiunge una grande varietà. Nel periodo giurassico, i pesci sono ampiamente sviluppati, così come i rettili acquatici – ihthyosaurs e plesiosaurs. In questo momento, c'è una transizione dalla terra e l'adattamento all'ambiente marino di coccodrilli e tartarughe. Una grande varietà è ottenuta da varie specie di vertebrati terrestri – rettili. Tra di loro, i dinosauri arrivano alla loro fioritura, rappresentati da erbivori, carnivori e altre forme. La maggior parte di essi raggiunge i 23 metri di lunghezza, per esempio, diplodok. Nei sedimenti di questo periodo, una nuova specie di rettili – le lucertole che chiamano "pterodattili". Allo stesso tempo, appaiono i primi uccelli. La flora del Jurassic è fiorente: ginnospermi, ginkgoidi, cicale, conifere (araucaria), bennettiti, cadaveri e, naturalmente, felci, cunei e targhe.

Neogene

Il periodo neogeneo è il secondo periodo dell'era Cenozoica. Ha iniziato 25 milioni di anni fa e si è concluso 1,8 milioni di anni fa. A questo punto, si sono registrati cambiamenti significativi nella composizione della fauna. C'è una grande varietà di gasteropodi e bivalvi, coralli, foraminiferi e coccolitofori. Anfibi, tartarughe marine e pesci ossei si sono sviluppati ampiamente. Nel periodo neogeneo di grande diversità, anche le forme terrestri vertebrali raggiungono. Ad esempio, c'erano specie rapide e rapide di gipparionovye: gippariony, cavalli, rinoceronti, antilopi, cammelli, proboscide, cervi, ippopotami, giraffe, roditori, tigri sciabordi, iene, scimmie antropoide e altri.

Sotto l'influenza di vari fattori in questo momento, il mondo organico sta rapidamente evolvendo: steppe di foresta, taiga, steppe di montagna e pianura sorgono. Nelle regioni tropicali – savane e foreste bagnate. Le condizioni climatiche sono vicine al moderno.

Geologia come scienza

I periodi geologici della Terra sono studiati dalla scienza – geologia. Sembrava relativamente recentemente – agli inizi del XX secolo. Tuttavia, nonostante la sua giovinezza, è riuscita a far luce su molte domande controverse sulla formazione del nostro pianeta, nonché sull'origine delle creature che lo abitano. In questa scienza ci sono poche ipotesi, principalmente solo i risultati delle osservazioni e dei fatti sono utilizzati. Non c'è dubbio che le tracce dello sviluppo del pianeta negli strati della Terra daranno in ogni caso un quadro più preciso del passato di qualsiasi libro compilato. Tuttavia, per poter leggere questi fatti e non capirli correttamente, così anche in questa esatta scienza, di tanto in tanto ci possono essere interpretazioni erronee di certi eventi. Dove ci sono tracce di fuoco, si può affermare con fiducia che il fuoco era; E dove ci sono tracce d'acqua, con la stessa certezza si può sostenere che l'acqua era e così via. Eppure si verificano anche degli errori. Per non essere infondati, consideriamo un esempio simile.

"Ornamenti congelati sui bicchieri"

Nel 1973, la rivista "Knowledge is Power" ha pubblicato un articolo del famoso biologo AA Lyubimtsev "Frosty patterns on the glasses". In esso l'autore richiama l'attenzione dei lettori alla sorprendente somiglianza dei modelli di ghiaccio con strutture vegetali. Come esperimento, ha fotografato il modello sul vetro e ha mostrato la fotografia ad un famoso botanico. E senza rallentare, riconosceva la traccia fossilizzata di un cardo nella foto. Dal punto di vista della chimica, questi modelli nascono dalla cristallizzazione del vapore acqueo in fase gas. Tuttavia, qualcosa di simile avviene nella preparazione di grafite pirolitica per pirolisi di metano diluito con idrogeno. Quindi, si è scoperto che, a parte questo flusso, si formano forme dendritiche, che sono molto simili a quelle delle piante. Ciò è spiegato dal fatto che esistono leggi generali che regolano la formazione di forme nella materia inorganica e nella natura vivente.

Da tempo i geologi datati ogni periodo geologico, basandosi su tracce di forme vegetali e animali presenti nei depositi di carbone. E solo pochi anni fa ci sono state dichiarazioni di alcuni scienziati che un tale metodo è errato e che tutti i fossili trovati non sono altro che un sottoprodotto della formazione degli strati della Terra. Senza dubbio, non è possibile misurare tutti gli stessi, ma è necessario approfondire con maggiore attenzione i temi di incontri.

C'era una glaciazione mondiale?

Prendiamo in considerazione una dichiarazione più categorica degli scienziati, e non solo geologi. Tutti noi, a cominciare dalla scuola, siamo stati ispirati dalla glaciazione mondiale che ha coperto il nostro pianeta, per cui sono uscite molte specie di animali: mammut, rinoceronti lupi e molti altri. E la moderna generazione in aumento viene portata alla quadrologia "l'era glaciale". Gli scienziati affermano all'unanimità che la geologia è una scienza esatta che non consente teorie, ma utilizza solo fatti comprovati. Tuttavia, questo è lontano dal caso. Qui, come in molti campi della scienza (storia, archeologia e altri), si può osservare la rigidità delle teorie e l'autorità incrollabile. Ad esempio, dalla fine dell'Ottocento, a margine della scienza, si sono tenuti dibattiti riscaldati riguardo alla presenza o meno di una glaciazione. A metà del Novecento il famoso scienziato-geologo IG Pidoplichko ha pubblicato un lavoro a quattro volumi "Sul periodo glaciale". In questo lavoro l'autore mette in scena l'insolvenza della versione della glaciazione globale. Non fa affidamento sulle opere di altri scienziati, ma sugli scavi geologici condotti personalmente (alcuni dei quali egli ha condotto come combattente dell'esercito rosso, partecipando alle battaglie contro gli invasori tedeschi) in tutta l'Unione Sovietica e l'Europa Occidentale. Egli sostiene che il ghiacciaio non poteva coprire tutto il continente, ma aveva solo un carattere locale e che non provocò l'estinzione di molte specie di animali e altri fattori sono gli eventi catastrofici che hanno portato allo spostamento dei poli (La storia sensazionale della terra, A . Skliarov); E l'attività economica della persona stessa.

Misticismo, o perché gli scienziati non notano l'evidente

Nonostante le prove irrefutabili date da Pidoplichko, gli scienziati sono lenti ad abbandonare la versione accettata della glaciazione. E poi è ancora più interessante. Le opere dell'autore sono state pubblicate nei primi anni Cinquanta, ma con la morte di Stalin tutte le copie del libro a quattro volumi sono state rimosse dalle biblioteche e dalle università del paese, conservate solo negli spazi di stoccaggio della biblioteca e non è molto facile da farli partire. Nei tempi sovietici, tutti coloro che volevano prendere questo libro in biblioteca furono registrati dai servizi segreti. E anche oggi, ci sono certi problemi nell'ottenimento di questa edizione di stampa. Tuttavia, grazie a Internet, chiunque può conoscere le opere dell'autore, che esamina in dettaglio i periodi della storia geologica del pianeta, spiega l'origine di tali o altre tracce.

La geologia è una scienza esatta?

Si ritiene che la geologia è una scienza eccezionalmente esperta che deduce conclusioni solo da ciò che vede. Se il caso è dubbio, non approva nulla, esprime un parere che consenta di discutere e rinvia la decisione finale fino a quando non vengono ricevute osservazioni inequivocabili. Tuttavia, come mostra la prassi, le scienze esatte sono anche sbagliate (ad esempio, la fisica o la matematica). Eppure gli errori non sono una catastrofe se vengono accettati e corretti nel tempo. Spesso non sono globali in natura, ma hanno un significato locale, basta avere il coraggio di prendere l'ovvio, trarre le giuste conclusioni e passare per incontrare nuove scoperte. Gli scienziati moderni mostrano il comportamento fondamentalmente opposto, perché la maggior parte dei luminari scientifici hanno ricevuto titoli, riconoscimenti e riconoscimenti per il loro lavoro, e oggi non vogliono parte con loro. E questo comportamento è visto non solo in geologia, ma anche in altre aree di attività. Solo persone forti non hanno paura di ammettere i loro errori, sono lieti di essere in grado di svilupparsi ulteriormente, perché la scoperta di un errore non è un disastro ma, al contrario, una nuova opportunità.