863 Shares 5741 views

Boris Bogatkov, poeta di guerra: la biografia, la creatività

Boris Bogatkov – poeta sovietico, noto per i suoi versi in prima linea. Si è guadagnato il titolo della seconda guerra mondiale eroe postumo – morti in guerra. A Novosibirsk, dove il poeta trascorse la maggior parte della sua vita, nella via a lui intitolata, la scuola numero 3, la biblioteca. E nel 1977, fu eretto un monumento Bogatkov. Ora parliamo più in dettaglio la vita e l'opera del poeta, che non ha vissuto fino al suo 21 ° compleanno pochi mesi.


Boris Bogatkov: biografia

Poeta nato 3 ottobre 1922 in un piccolo borgo Balahty, che non è lontano da Achinsk (Krasnoyarsk Territorio). Sua madre, Mary E., ha lavorato in un insegnante di scuola di matematica, e suo padre, Andrew M., era al servizio del partito e molto spesso in viaggio per affari.

La famiglia Bogatkov Boris era figlio unico, ei suoi genitori lo ha pagato tutto il suo tempo libero. Non a caso, il ragazzo ben presto imparato a leggere, e si interessa alla letteratura fin dall'infanzia. Tuttavia, una tale atmosfera idilliaca della famiglia non durò a lungo.

Nel 1931, la madre di Boris era malato. Ben presto lei è stata ricoverata in ospedale, dove lei non era tornato. Poco prima della sua morte, ha scritto il suo figlio una lettera, chiedendogli di non piangere su di esso e far crescere un uomo degno.

Trasferirsi in Novosibirsk

Dopo la morte del caro persona Boris Andreevich Bogatkov è stata presa collega adottiva della madre Tatyana Evgenevna Zykova. Tuttavia, la donna con la sua famiglia in quel periodo viveva a Novosibirsk, in modo da Boris dovuto spostare. Qui ha vissuto per strada ottobre il numero civico 3, ed è stato subito registrato nel 2 ° classe della scuola numero 3. Bogatkov studiato mezzo, ma amava storia e letteratura, sempre di più nel corso degli anni trasportare dalla poesia. Il suo autore preferito era Majakovskij. Imitando il suo idolo, ha iniziato a scrivere poesie fin da 10 anni. A poco a poco, le sue opere hanno iniziato a stampare sul giornale muro, le pagine di "Pionieri della verità."

Nel 1933, Boris ha preso i Pionieri. Ha preso una parte molto attiva nella vita scolastica, aveva molti amici tra i suoi coetanei.

adolescenza

Boris Bogatkov sentiva sentimenti molto teneri per Tatiana Evgenievna perché lei lo prese e cresciuto come suo figlio. Tuttavia, ha perso la sua madre morta.

Negli anni dell'adolescenza, il futuro scrittore si è interessata allo sport – impegnati nel nuoto e lo sci, è andato a calcio, ha partecipato il club di atletica. Nel corso di questi anni, amici e conoscenti lo descrivono come alto e atletico giovane. Notevole Boris e forza di carattere, il coraggio e la forza di volontà. Come molti poeta guerra, non era indifferente alle persone intorno a lui. In grado di stare in piedi per i deboli o fare i conti con un bullo. Inoltre, a guardare quello che stava accadendo nel paese. Dall'età di 16 anni ha avuto il suo parere in merito allo sviluppo della letteratura, della scienza, la poesia. Amava discutere riguardo al posto dell'uomo nella vita pubblica.

gioventù

Boris Bogatkov mantenuta con il padre un buon rapporto. Molto spesso, il ragazzo è andato ai suoi genitori in Achinsk, dove è stato trasferito su un bisogno.

Dopo la laurea, Boris entrò la strada College, pur continuando a frequentare le lezioni a scuola di notte. Tuttavia, egli non abbandonò la poesia in serate libere impegnati nella cerchia di giovani scrittori e poeti. Inoltre, dopo aver terminato la scuola serale, è entrato l'Istituto Letterario, combinandolo con la scuola.

Nel 1938, il poeta della prima creazione importante è stato scritto – "Ballata della bandiera rossa."

E nel 1940 presso il quotidiano "Komsomolskaya Pravda" è stato organizzato dal Consiglio della poesia, che è stato guidato da Antokol'skij, è stato adottato e Bogatkov. A questo punto, lo scrittore cominciò a pubblicare attivamente a "luci della Siberia" e "giornale Achinskoy."

La creatività del giovane poeta interessati a Alekseya Tolstogo, che ha fatto la sua borsa di studio Boris.

Lo scoppio della guerra

La Grande Guerra Patriottica. Quando è venuto in ufficio arruolamento militare, Boris Andreevich Bogatkov chiesto di inviarlo scuola di volo. Il ragazzo sognando le battaglie aeree con i nazisti, ma è definito nelle file dei tecnici di aviazione. Questo è stato un duro colpo, e si riflette nel lavoro per lui. Così ha scritto poi in una sua poesia: "Allora, sarò in aeroporto, / non lo farò nella parte anteriore e nella parte posteriore?"

Ma Boris non si rassegna al destino e un volontario è andato al fronte come una parte della fanteria. Tuttavia, nell'autunno del poeta ha ricevuto una grave commozione cerebrale e fu smobilitato a Novosibirsk.

Ci rimase con la madre adottiva in una piccola capanna di legno. Durante il periodo di recupero dopo l'infortunio è attivamente scrivendo. Nei suoi scritti suonavano tema militare, ha esortato la gente a lavorare ea lottare contro gli invasori.

Bogatkov inizia a collaborare con la "Windows di TASS", il quotidiano "Krasnoyarsk Star", poesie e canzoni di Boris apparire edizioni del programma satirico "Il fuoco sul nemico."

canzone del soldato

Poesie Boris Bogatkov era già diventato noto tra i soldati. Quindi, una volta che il poeta, camminando lungo una delle strade di Novosibirsk, sono stato testimone di un evento del genere. Con esercizi erano soldati, e poi il comandante diede l'ordine: "canta". E la risposta è stato ascoltato: "Nella fabbrica nativo Zauralskaya / difficile fare, sul timore dei nazisti …"

Queste sono state le parole della canzone della macchina guardie, il cui autore era Bogatkov. I soldati passavano, nessuno, ovviamente, non sapeva l'autore dell'opera. Tuttavia, per lo scrittore questo evento è stato molto gioioso.

Nuovo fronte

Come altro poeta guerra, Boris ha voluto essere sul campo di battaglia, non sedersi nella parte posteriore. E nel 1942, nonostante i severi medici divieto, il poeta va alla parte anteriore della divisione volontario siberiana.

Prima di lasciare Boris ha scritto una lettera a un amico, fratello-soldato, era felice di ottenere finalmente tornare al fronte. Così come dire addio a Tatyana Evgenevna, che in lacrime scortato figlio adottivo, ha assicurato il suo che nulla di male accadrà a lui.

Boris Bogatkov cade sul fronte occidentale. La sua divisione sta gradualmente arrivando alle operazioni di avvicinamento Smolensk. Qui è il modo siberiani bloccato altezza Gnezdilovskie, fortificata dai tedeschi. E 'stato uno dei più importanti fortificazioni nazisti, come è nascosto nella comunicazione dell'esercito tedesco.

Di prendere d'assalto le altezze Gnezdilovskih inviato Bogatkov reggimento. Il poeta era sergente al comando di un distacco. Più volte i suoi soldati hanno cercato di prendere d'assalto, ma l'attacco soffocati sotto mitragliatrice fuoco del nemico.

Poi Bogatkov ottenuto fuori dalla trincea e andò all'attacco, canzone da solista aveva scritto: "Siamo venuti fuori dalle fabbriche, fattorie collettive è venuto dai campi …", il loro comandante, raccolse la canzone ha cominciato a salire in piedi e gli altri soldati. Nonostante perdite enormi, Divisione siberiana è riuscita a sfondare le difese tedesche.

morte

Bogatkov fu tra i primi a scoppiare nelle trincee del nemico, la battaglia infuriava, e il poeta è stato ucciso da mitragliatrice nella parte posteriore. La battaglia si è conclusa con la cattura di altezze Gnezdilovskih. Soldati portati sul corpo del loro soprabito comandante e posti sotto una betulla. Ecco l'ultima volta che un approccio semplice coloro che hanno avuto la fortuna di sopravvivere alla battaglia. Dal 11 agosto 1943 il poeta morì.

Boris Andreevich Bogatkov: "Ordine del giorno"

"Agenda" – probabilmente il più famoso poema dello scrittore, che è incluso nel programma scolastico. Il lavoro è stato scritto nel 1941, presso l' inizio della Grande Guerra Patriottica. In essa il poeta descrive la condizione in cui una persona, in partenza per la guerra, passeggiando per la città pacifica. In questo caso, non c'è dolore, nessun dolore nel poema. Tutto è permeato con gioia ed entusiasmo. A dire il vero, era così Bogatkov e prese di partenza per il fronte.