825 Shares 2285 views

Brevemente del complesso: la struttura dei gusci di elettroni di atomi

Provinciale insegnante di chimica Dzhon Dalton nel 1803 ha aperto "La legge di proporzioni multiple." Questa teoria afferma che se un particolare elemento chimico può formare composti con altri elementi, allora ogni parte delle masse cadrà della massa di un'altra sostanza, e il rapporto tra loro sarà la stessa di quella tra piccoli interi. E 'stato il primo tentativo di spiegare la complessa struttura della materia. Nel 1808, lo stesso scienziato, cercando di spiegare la scoperta della legge, ha suggerito che gli atomi di elementi diversi possono avere masse diverse.


Il primo modello dell'atomo è stato creato nel 1904. L'elettronica struttura dell'atomo in questo modello, gli scienziati chiamato "prugna budino". Si riteneva che l'atomo – un corpo con una carica positiva, che viene miscelato uniformemente suoi componenti. Tale teoria non può rispondere alla domanda se i componenti dell'atomo in movimento o fermo. Pertanto, quasi contemporaneamente alla teoria del "budino" giapponese Nagaoka proposto una teoria in cui la struttura del guscio elettronico di un atomo paragonato il sistema solare. Tuttavia, riferendosi al fatto che durante la rotazione intorno all'atomo dei suoi componenti dovrebbero perdere energia, ma ciò non corrispondono alle leggi dell'elettro, Vin respinto teoria planetaria.

Tuttavia, dopo la scoperta dell'elettrone , è diventato chiaro che la struttura dell'atomo è più complicato di quanto immaginato. Ho una domanda: che cosa è un elettrone? Come funziona? Ci sono altre particelle subatomiche?

Agli inizi del XX secolo è stato definitivamente adottato teoria planetaria. È diventato chiaro che ogni elettrone orbita attorno al nucleo come pianeti intorno al sole, ha una sua traiettoria.

Ma ulteriori esperimenti e gli studi hanno confutato questa tesi. Si è scoperto che le loro traiettoria, gli elettroni non sono, tuttavia, possibile prevedere una zona in cui la particella è più spesso. Girevole attorno al nucleo, elettroni orbitali formano, chiamato guscio elettronico. Ora era di indagare la struttura dei gusci di elettroni degli atomi. I fisici interessati a domande: come gli elettroni si muovono? Esiste un ordine di movimento? Forse il movimento è caotico?

Bohr atomica nonno fisica e un certo numero di importanti scienziati hanno dimostrato che gli elettroni ruotano conchiglie, strati, e il loro movimento corrisponde a certe leggi. Abbiamo dovuto chiudere e studio dettagliato della struttura dei gusci di elettroni di atomi.

È particolarmente importante conoscere la struttura chimica, perché le proprietà della sostanza, era già chiaro, dipende dal dispositivo e il comportamento degli elettroni. Da questo punto di vista, il comportamento degli orbitali elettronici – la caratteristica più importante di questa particella. Si è trovato che il più vicino al nucleo dell'atomo, elettroni sono disposti, più sforzo deve essere applicato per rompere il legame dell'elettrone-nucleo. Gli elettroni sono situati vicino al nucleo, sono con lui il collegamento massimo, ma un minimo di energia. Alle elettroni esterni, d'altra parte, il rapporto con il nucleo è ridotta, e la riserva di energia aumenta. Così formato atomi elettronici intorno strati. La struttura dei gusci di elettroni di atomi diventato chiaro. Si è riscontrato che i livelli di energia (strati) formate su un'energia delle particelle simili.

Oggi è noto che il livello di energia dipende da n (è il numero quantico) e corrisponde a numeri interi da 1 a 7. La struttura dei gusci di elettroni degli atomi e il maggior numero di elettroni ad ogni livello è determinato dalla formula N = 2n2.

A grandi lettere in questa formula rappresenta il maggior numero di elettroni in ogni livello, e piccole – numero di serie di questo livello.

La struttura dei gusci di elettroni di atomi determina che il primo guscio può essere non più di due atomi, e il quarto – non più di 32. Lo strato esterno finito non contiene più di 8 elettroni. Livelli dove meno elettroni sono considerati conclusivi.