171 Shares 7107 views

Qual è la teoria delle catastrofi

Se chiedete a qualsiasi studente sul suo proprio futuro, quindi, di regola, indicherà le tappe più significative: la laurea, diploma di istruzione superiore o tecnica, lavoro, il matrimonio, l'acquisto di una varietà di cose (auto, appartamento), la nascita dei figli, ecc .d. In ogni caso, l'ordine può variare. Un uomo di mezza età ha chiesto per il futuro, si può sentire una risposta simile, con la sola differenza che il punto di partenza sarà spostata in avanti. Tutto questo suggerisce che siamo tutti abituati a pensare dello status quo inalterato: ogni mattina ad est apparirà il sole, le nostre case non stanno andando da nessuna parte, in acqua sarà sempre acqua nei radiatori – di calore … Non sapevamo circa, cosa si nasconde dietro il termine "teoria della catastrofe". Ed è inutile, perché gli ultimi sviluppi in atto nel mondo per parlare di sua importanza.


Prima di descrivere ciò che "teoria delle catastrofi", ricordare la formazione e lo sviluppo della matematica nel 18 ° secolo. Mentre molti scienziati sono stati convinti che sia assolutamente tutti i processi di naturale e artificiale può essere matematicamente descritta da una lineare funzioni continue. In altre parole, si pensava che in tutto il regno, e l'ordine tra l'esposizione e l'esito, non v'è un rapporto diretto, prendendo in considerazione l'intensità (ricordate la legge di conservazione dell'energia). Più tardi si è capito tutto l'inconsistenza di questa visione.

Tutto nel mondo, fatta eccezione per gli oggetti che vivono, tende al caos: le cose si deteriorano e necessitano di sostituzione, attrezzature rompe, corrode metallo, ecc Questo è stato chiamato entropia .. Allo stesso tempo v'è una certa forza organizzativa, la procedura per la creazione di questi atomi non sono insieme casuale di particelle, e sono classificati in ordine di costruzione "blocchi", etc. mondo familiare esiste a causa della bilancia dei principi costruttivi e distruttivi. Solo un piccolo vantaggio per equilibrare il sistema era rotto. Dopo aver realizzato che c'era una teoria delle catastrofi nel 1970 come una delle discipline di matematica. Uno dei suoi vantaggi – la semplicità e la facilità di comprensione delle prove.

Vale la pena notare che il disastro – è una sorta di valanga cambiate eventuali caratteristiche dell'oggetto, con un leggero aggiustamento di uno dei suoi parametri fondamentali. Niente di complicato, se guardiamo alla vita stessa. Ecco un esempio: teoria delle catastrofi sostiene che le persone scorrevole sul ghiaccio, è in condizioni stabili. Può essere rotto po 'di azione esterna: qui sotto i suoi piedi era una piccola pietra, scivolare improvvisamente smesso, il centro di gravità si è spostato in modo drammatico, che ha causato la caduta. Tuttavia, dopo che, secondo la teoria delle catastrofi, c'è un nuovo stato stabile. Tra l'altro, la possibilità di riorganizzare la gamba e mantenere la stessa posizione viene registrata (la somma dei fattori).

Naturalmente, dal momento che la teoria delle catastrofi e la matematica interconnessi direttamente, tutto è più complicato di una spiegazione "sulle dita". formule complesse utilizzate, la divisione viene eseguita su una varietà di disastri. Tipicamente in matematica per spiegare grafico delle dipendenze utilizzando due parametri. Rappresentano una certa superficie posta (hovering) sul piano delle coordinate. Finché la superficie è piana o piegato simmetricamente, si può parlare di una relazione diretta. Tuttavia, dovrebbe apparire piega ed usati formula completamente diversa per calcolare il picco o disastro. Se due picchi (pieghe) sono combinati, si dice attorno al complesso, etc. Descrizione dettagliata può essere trovata nella relativa sezione della matematica. Questa teoria viene utilizzata per simulare non solo i processi naturali, ma anche in relazione a fattori umani (compresa l'economia).

645 shares 7635 views
783 shares 4137 views
860 shares 3908 views
Che cosa è tin peste?
625 shares 2784 views