611 Shares 1355 views

Industria petrolifera della Russia

L'olio è la materia prima più importante dell'energia. Ma le riserve di petrolio non sono infinite. Pertanto, il consumo di "oro nero" in questa direzione è progettato per essere limitato al massimo, dando preferenza ad altre fonti di energia (solare, nucleare). Ma per ridurre il suo consumo in altre industrie non è ancora possibile.


Nel 1992 l'industria petrolifera della Russia si basava su due regioni produttrici di petrolio. La Siberia occidentale ha fornito circa il 70% delle materie prime, un altro 20% è stato fornito dalla regione Volga-Ural e il restante 5% è stato dato da Sakhalin, dalla regione di Kaliningrad e dal Caucaso settentrionale.

L'industria petrolifera della Russia si è sviluppata in tempi sovietici, come l'intera economia, in modo non uniforme. La prima crisi si è verificata nel 1977, quando il volume dell'olio prodotto nella Siberia Occidentale è sceso notevolmente. Ciò è spiegato dal comportamento malinteso delle attività di prospezione e di esplorazione. Ad esempio, negli anni '70 l'epoca sovietica stava espandendo intensamente i volumi di foratura produttiva, ma la foratura esplorativa fu congelata. Il declino della produzione petrolifera è durato quasi nove anni. Al campo Samotlor (più grande), la produzione è diminuita di 20.000.000 tonnellate, costantemente diminuita di 10.000.000 tonnellate all'anno. Nel 1985, il 16% dei pozzi era inattivo. La qualità dei pozzetti in fretta ha lasciato molto a desiderare. La prima crisi dell'industria petrolifera russa supera la "via sovietica" – l'accumulo di foratura produttiva …

La prossima crisi è stata causata dall'incapacità dell'industria petrolifera di aumentare la produttività. Il problema è stato risolto dalle tipiche misure di emergenza sovietiche: un enorme flusso di lavoro e di capitali. Dal 1986, il calo della produzione ha cominciato a fermarsi, e nel 1988 l'industria petrolifera russa ha registrato un record di 570 milioni di tonnellate.

E ancora – il declino. 1994 – la produzione è diminuita del 44%, nel 1995 – un semplice 22 000 pozzetti su 140 000. La struttura dell'olio sta deteriorando. Questa crisi continua, portando ad un aumento dei prezzi dell'energia (nonostante la qualità estremamente bassa del prodotto). Di conseguenza, i prezzi di quasi tutte le merci hanno cominciato a crescere, e ciò a sua volta ha ridotto significativamente la domanda sul mercato interno.

L'industria petrolifera della Russia ha richiesto la strutturazione. Il primo passo era il software (associazioni di produzione), organizzato in direzione del governo a Surgut, Nizhnevartovsk, Nefteyugansk, Uray. In ogni software, tutti i tipi di lavoro in un'area fissa sono stati combinati: ricerca, esplorazione, estrazione, elaborazione, trasporto e perfino lavori di riparazione. La composizione del PO include gli istituti (ricerca). Il ghiaccio è iniziato – questo approccio ha dato risultati positivi. Le società petrolifere verticalmente integrate che operano sul principio "dall'esplorazione alle stazioni di servizio" hanno cominciato a essere creati, la cui struttura tipica comprendeva, tra le altre cose, imprese di foratura e organizzazioni di marketing.

La prerogativa del ministero, che divenne primo Rosneftegaz e poi il ministero del carburante e dell'energia, era il trasporto di petrolio e dei suoi prodotti, che fu presto trasferito a Transnefteproduct e Transneft. L'industria petrolifera della Russia ha aperto un nuovo respiro. Adesso include più di un milione di persone.

Oggi l'industria petrolifera e del gas della Russia è la principale fonte di reddito di cambio statale. Le principali entrate vengono esportate dal vettore energetico sia nei paesi della CSI che in paesi lontani (Austria, Germania, Francia, Italia, Irlanda, Paesi Bassi, Slovacchia, Polonia, Svizzera, Gran Bretagna). La capacità di esportazione è limitata solo dalla capacità dei sistemi di trasporto.

Il mercato domestico con prezzi relativamente bassi domestici ha cominciato a respirare liberamente. Ad esempio, la benzina russa è molto più economica rispetto agli analoghi stranieri. Grazie al sistema di approvvigionamento di petrolio per esigenze statali, le aziende vendono una certa quantità di petrolio a prezzi chiaramente fissati.