342 Shares 7374 views

Analisi poesia "Twelve" (Aleksandr Blok)

Nel XX secolo, la Russia ha attraversato un sacco di test: colpi di stato, il cambiamento di regime del potere, la rivoluzione la rivoluzione … tempi turbolenti dettare le loro condizioni e ha richiesto cambiamenti nella vita sociale e politica. Per la soluzione di molti urgente intrapreso "sovrano del destino" – la letteratura. Talentuosi poeti del XX secolo appartenevano alla rivoluzione in modi diversi. Alcune persone non prendono e hanno lasciato le loro case, mentre altri sono rimasti e sono stati ansiosi di cambiare per il meglio. Alexander Blok insistito sul fatto che è necessario ascoltare la rivoluzione con tutto il cuore e la mente, è per lui – "la musica che ha orecchi intenda."


La storia della poesia "I Dodici". Il riconoscimento del poeta, critico

Il lavoro è stato scritto dopo il febbraio e rivoluzioni ottobre. Blok stesso ha riconosciuto che la poesia era evoluta molto rapidamente, perché lo ha scritto, mentre in previsione di cambiamento. In primo luogo, egli scrisse alcuni versi, e poi raccolti in un'unica composizione, e alla fine è stato sorpreso di quanto poco attraversato-out in esso. E 'interessante che la poesia è cresciuta poche parole ( "Mi banda di coltello, band"), seguita subito apparso 8 strofe. Stood giorni blizzard del mese di gennaio, e lo stato d'animo del poeta portato a termine tutta la sua opera. Poema del blocco non potrebbe sopravvivere fino ai giorni nostri, come l'autore ha chiesto moglie delirio letto di morte ad amare Mendeleevna bruciato il suo bambino, ma lei non lo fece. Aleksandr Aleksandrovich improvvisamente trasformato in una nazione di poeti e il nemico, per il quale Nikolai Gumilyov gli ha dato una frase: Servizio Anticristo secondaria crocifissione e l'esecuzione del sovrano.

Breve il contenuto della poesia "I Dodici"

Eventi che si svolgono in inverno a San Pietroburgo. Blizzard soffia attraverso il quale poteva essere sentito urlare, stridendo. Città di notte si muove drappello di dodici soldati dell'Armata Rossa – i cosiddetti campioni del vecchio mondo, che spietatamente sparare e distruggere tutto ciò che incontra. Uno di essi, un Vanka sensuale uccide la sua fidanzata Katia e successivamente passare attraverso la sua morte, ma i compagni gli ordinò di raccogliere le forze "Non è il momento per fare da babysitter te". Il distacco mette in guardia i cittadini circa l'imminente rapina: eliminano tutto ciò che li ricorda del vecchio mondo. Si dimenticano di Dio, la processione "senza nome santo" e pregando Petka Si ricorda che è già "il sangue delle ragazze", e quindi, non devono aspettarsi l'aiuto del Signore. Tuttavia, negli ultimi, il dodicesimo capitolo appare: "La corona bianca di rose Ahead – Gesù Cristo". A chi è rivolto – salvatore o distruttore – Unità di risposta non, quindi, il significato della poesia finale "Twelve" è interpretata in modi diversi.

L'immagine di Gesù

L'apparizione di Cristo nel finale – un inaspettato fenomeno, come ha già licenziato e rimosso più volte a crociera in Santa Russia. Un centinaio di anni dopo la scrittura della poesia e di critica letteraria considerano ancora questo problema e ha presentato una qualche ipotesi. Gesù ha portato la squadra rossa e li portano in un mondo nuovo – i criminali sono diventati santi. Altri ricercatori ritengono che questo sia gli apostoli, una processione passo rivoluzionario guidato da Peter. Michael Voloshin dice che l'immagine di Cristo nella poesia "I Dodici" viene immesso per uno scopo diverso: non salva la squadra, ma, al contrario, cerca di nascondere da lui. Paul Florenskij richiamato l'attenzione sul cambiamento del nome di Gesù – ha Blok "Gesù", ma non essere ingenuo e scontato che ha consentito un errore di battitura per caso. Una squadra guidata da l'Anticristo, che è anche onnipotente, invulnerabile "e Blizzard è invisibile."

La composizione del poema

"Dodici" è una risposta alla rivoluzione musicale Bloc sentito, e la musica ha raggiunto un ritmo chiaro. La poesia non è come nessun opere precedenti di Alexander Alexandrovich, e poeta è come trovare una nuova forma che riesce con successo. Tradizione marcia più tardi nella sua opera continuerà futurista Vladimir Mayakovsky. Poema composto da dodici parti differenti per forma, che sono collegati insieme e sono integrati. Se effettuato un'analisi della poesia "Dodici", è possibile individuare i punti tra strofe, che vengono inseriti dopo i redattori di pubblicazione – ovviamente censori ritenuto di omettere alcuni posti. In certi momenti della narrazione va sul ciglio della strada, e le azioni sono descritte nei dialoghi e monologhi. Rhyme è instabile, e in alcuni episodi non lo fa, spesso interrompendo l'azione di tiro – "fuck-s-s"

Caratteristiche del linguaggio nella poesia "I Dodici"

Al più luminosa del simbolista Novecento – Alexander Blok – un punto di svolta nel lavoro. Il poeta, che ha scritto i versi precedenti sulle donne e l'amore, prende un interesse per nuovi argomenti e far avanzare la rivoluzione alla fine lo ha convinto a ripensare le ragioni della sua creazione. La storia della poesia "I Dodici" è abbastanza inusuale – Blok ha scritto in un impeto di aspettative, desideri e folklore urbani raccolti, senza trascurare nemmeno il linguaggio volgare e offensivo. La frase "Chocolate" Mignon "trangugiato" L'amore appartiene a Mendeleev. Prostitute Katya Blok – lampada "tolstomordenkaya" – Junkers "elekstrichesky" – "Junker," e la Russia – "grasso-". L'autore ha dato grande sapore della vita di strada, ma dopo aver trascorso una completa analisi della poesia "Dodici", è possibile identificare e catturare le frasi. Stanza "… Il vento, il vento – sulla terra tutto di Dio" presto divenne un proverbio.

Questo misterioso numero – dodici …

Addentrarsi nella storia della scrittura del poema, è possibile individuare alcuni dei punti controversi. Nella storia della cultura mondiale, ci sono alcuni numeri, una caratteristica che è stato visto dagli antichi persone: quella che ha portato fortuna, altri – sfortuna. Il numero 12 è la personificazione dell'ordine cosmico e si verifica in culture europee, cinesi, vedici e pagani. Come in Russia, con il decimo secolo, il cristianesimo predicato interessa significato sacro di questo numero, tra i cristiani. Così, 12 – il numero degli apostoli di Gesù, 12 il frutto dello spirito, le 12 tribù di Israele; 12 porte e posare la prima pietra della Città Santa, che è anche molto simbolico. Inoltre, sappiamo tutti che questa figura si trova spesso non solo nella religione, ma anche nella vita di tutti i giorni. 12 ore la scorsa notte e giorno, 12 mesi all'anno. In Grecia ea Roma, è la quantità di dei principali seduto su Olympus.

Dodici – una figura veramente straordinario e misterioso, ma l'unità Alexander ha avvertito che la poesia è molto simbolica, e qualsiasi carattere e un pizzico può essere interpretato in vari modi. Forse questo senso della poesia è molto realistica, perché le pattuglie della Guardia Rossa effettivamente contati 12 persone al momento della rivoluzione.

Two Worlds nel prodotto

Il confronto dei tempi passati e moderni – il tema principale della poesia "I Dodici". Blok ha visto nella rivoluzione "per sbarazzarsi della palude spirituale" e credeva fermamente che prima o poi accadrà. Il vecchio mondo dalle fondamenta non era destinato a durare a lungo – per il bene della società cambiamento è disposti a fare sacrifici. Il poema inizia con la tempesta di neve, che è il modo in cui il colpo di stato. "Vento, vento – tutta la terra di Dio" – questo contro il vento del cambiamento che sembrava comprendere non solo la Russia, ma il mondo intero, nessuno può resistere. Dodici Red Army passare attraverso una tempesta di neve, non ha paura di nulla. Il vecchio mondo è impotente contro un nuovo futuro, e forieri di rivoluzione – la stessa incontrollata e incontrollabile.

Democrazia o anarchia?

Dodici dell'Armata Rossa – le principali immagini della poesia "I Dodici". Essi sono inconciliabili alle vecchie fondazioni – sono, e sono tutti a disagio. Essi – un riflesso del vero volto della rivoluzione che spazza via ogni cosa sul suo cammino, così come una bufera di neve. Le Guardie rosse hanno avvertito i residenti per bloccare il "Piano" e sbloccare le cantine, perché "ora verrà saccheggi". grida simili simboleggiano l'anarchia, ma lotta non proletaria per una vita migliore. Essi disprezzano il vecchio mondo, ma possono offrire in cambio? Distruggere, non sono pronti a costruire. Non dicono: "Noi costruiremo il nostro nuovo mondo, creiamo!" L'analisi della poesia "Dodici" permetterà di vedere gli eventi che si svolgono nella morte del paese. Inutilità della rivoluzione ha confermato la vecchia, che, quando ha visto il manifesto "ogni potere – l'Assemblea costituente," risente, perché ne hai bisogno. Da un tale enorme falda potrebbe cucire avvolge piede per i bambini, perché in giorni fame e freddo di oggi, quando "ogni – nudo, scalzo," lo Stato deve preoccuparsi del benessere del popolo.

Anche la chiesa è privato del suo antico potere. Alexander Blok raffigura il sacerdote, che, se precedente "pancia è andato avanti" e travi a vista croce, ora è la stessa di tutti gli altri, conquistata dai guardie rosse, e si riferiscono a lui come "il compagno pop". Le nuove autorità non hanno bisogno la chiesa e la fede, e ha esortato il palnut Rossa di Santa Russia dal fucile.

Sacrifici per il bene di che cosa?

La rivoluzione vita di una persona non significa nulla sullo sfondo della tempesta di neve in tutto il mondo. Quando uno dei dodici Red Army nome Petka accidentalmente uccide la sua fidanzata Kate, comincia a piangere, non credere a ciò che stava accadendo. Agli occhi degli undici rimanenti, sembra debole, perché non è il luogo ideale per rilassarsi in un momento così importante, quando il destino della Russia.

Katya è un simbolo di tutti i vizi umani, l'anti-eroina, che cammina con i Junkers, cade a ogni letto. Lei "indossava calzini grigi, il cioccolato" Mignon "trangugiato" e, in generale, è stato un rappresentante atipica delle donne russe. Forse, Blok poesia scritta la conferma che, come Kate hanno davvero essere sacrificato per il bene della rivoluzione.

Il caos o armonia: che cosa vincerà?

Il vecchio mondo è trascurabile, e non può più esistere. Era sul punto di crollare. L'autore lo confronta con l'immagine del cane senza casa che si trova dietro la borghesia, la coda tra le gambe. La lotta non durò a lungo: il futuro buio è già passato, ma se la distanza è visibile? Che cosa accadrà con la gente dopo la bufera di neve? Guardie rosse promettono ancora maggiore distruzione, perché non si può essere considerato un futuro luminoso, costruito su sangue. Esecuzione di analisi della poesia "Dodici", si deve rilevare che, alla fine della tempesta calma, e il popolo rivoluzionario sono il futuro "battistrada sovrana" accompagnato da alcuni nella "corona bianca di rose." Questo è Iisus Hristos. La sua improvvisa promesse aspetto la salvezza e la speranza che gli orrori della distruzione saranno rimossi, e le persone hanno la forza di superare tutto nella rinascita della Russia. Sembra che dal caos presto rivivere l'armonia. Per la vita felice dei dodici apostoli di Red- pronti a uccidere e morire se stessi.

Delusione per il cambiamento

rivoluzione Alexander Blok può essere confrontato con gli elementi, che, pur azzera il mondo, ma non ha ancora la capacità di creare. Vecchia distrutta, ma il nuovo, costruito sul sangue non è migliore. Una volta Alexander Blok aspettava una rivoluzione, creduto in essa, dicendo: "Coloro che sono riempito con la musica, sentire il sospiro dell'anima universale, se non oggi, domani"; tardi, deluso nelle trasformazioni in atto, non è più sentire la "rivoluzione musicale". Si può concludere che è impossibile costruire qualcosa di nuovo dalla distruzione – molto meglio per mantenere e migliorare che a poco a poco si accumula nel corso di molti secoli.