676 Shares 3378 views

Perché lo studio delle piante è chiamata botanica? Botanica – lo studio delle piante

Ogni persona lavora a stretto contatto con il mondo della natura, ed è essa stessa una parte di esso. E se l'intera esistenza delle leggi del mondo vivente sta studiando la biologia, la pianta è nella competenza della botanica come parte integrante dello stesso.


Perché lo studio delle piante è chiamata botanica

Le piante incluse nella sfera di interessi umani, molto tempo prima della formazione della botanica come scienza, fin dai tempi antichi. studio della flora è stato direttamente correlato alla questione di sopravvivenza: piante – è il cibo, materiali da costruzione, materiali per fare i vestiti, e la medicina (che in ogni caso non può dimenticare) veleni pericolosi. La conoscenza e osservazione accumulate richiesti sistemazione. Così ci era una necessità per la formazione della botanica.

Alla ricerca di una risposta alla domanda perché la scienza delle piante è chiamata botanica, abbiamo bisogno di tornare a notte dei tempi, perché questo insegnamento è uno dei più antichi al mondo della scienza. Formano un sistema coerente di conoscenze Botanica (Plant Science) definitivamente acquisita nel corso della seconda metà del XVII – inizio XVIII secolo.

Il nome della scienza, così come molti altri, ha radici greche. Proviene dalla "botane" greca. Questa parola aveva diversi significati, nel senso di "pascolo", "cibo" è utilizzato con frequenza non inferiore al valore della "pianta", "erba". Esso comprende tutto ciò che potrebbe essere considerato da parte della pianta: fiori, funghi, alghe, alberi, muschi e licheni. La parola "nerd" – deriva da "botane", significava tutto ciò che riguarda le piante. Cioè, parola per parola: la botanica – la scienza delle piante. Pertanto, chiedendosi perché la scienza delle piante è chiamata botanica, la risposta deve essere ricercata nelle origini greche della sistematizzazione della conoscenza del mondo vegetale in forma di scienza.

L'origine della botanica come scienza

Aristotele nella sua grande opera sugli animali e ha annunciato un trattato simile sulle piante. Non è noto se sia o non è stata completata. Per sono sopravvissuti solo pochi frammenti. Pertanto, giustamente padre fondatore della botanica come scienza è considerato Teofrasto – autore di due opere fondamentali, che divenne la base della botanica per i prossimi 1500 anni. E nel mondo di oggi, il valore della conoscenza, fissato dalla Teofrasto nel suo lavoro, è innegabile. Qui sta la risposta alla domanda perché la scienza delle piante è chiamata botanica. Il filosofo greco non poteva chiamarla altrimenti.

Ma la ricerca di botanica non si limita solo alle conquiste della civiltà occidentale. Anche la Cina, ha dato un contributo significativo, forse c'è stato uno scambio di risultati scientifici, considerando il funzionamento della Via della Seta.

botanica Storia

Botanica scienza nella rappresentazione moderna è iniziata in epoca coloniale come agricoltori dell'area di studio erbe e alberi, comuni nella regione, così come le piante che le persone hanno portato con loro dal lontani pellegrinaggi. Ma un profondo interesse per la flora umani inizia la sua storia fin dal Neolitico. La gente non solo ha cercato di determinare le proprietà medicinali delle piante, stagione di crescita, commestibile, a bassa temperatura stabilità regime climatico, il rendimento e il valore nutrizionale, ma anche per preservare queste conoscenze.

Prima dell'avvento della botanica come scienza, le persone hanno studiato le piante da un punto di vista scientifico. Questo spiega non solo l'uso diffuso di esseri umani fin dall'antichità le proprietà terapeutiche delle piante coltivate in natura. Fin dai tempi dell'età del bronzo è stato ampiamente utilizzato la pratica delle colture in crescita.

La nuova fase di sviluppo della scienza – le nuove conoscenze

Alla fine del 16 ° secolo è stato inventato il microscopio, che ha determinato l'inizio della prova speciale nello sviluppo della botanica, ha aperto precedentemente sconosciuti nuove possibilità nello studio delle piante, spore, pollini e persino. Allora la scienza ha fatto un passo avanti, aprendo il sipario in materia di riproduzione, il metabolismo, precedentemente chiuso per l'uomo.

Botanica sviluppato in stretta connessione con lo sviluppo della biologia in generale. Come risultato di ricerche scientifiche tutto il mondo vivente è stata divisa in regni

  • batteri;
  • funghi;
  • piante;
  • animali.

Botanica studia il regno di batteri, funghi e piante. Sviluppo della botanica come scienza è stata di fondamentale importanza. Ma agli albori della sua gente dall 'inizio impegnati nelle piante stesse, e la maggior parte dei giardini botanici, è particolarmente diffusa nel mondo occidentale, è stata dedicata alla classificazione, all'etichettatura e il commercio di sementi. E 'stato solo secoli dopo sono diventati i più importanti centri di ricerca.

regno vegetale

Le piante possono essere trovati ovunque: a terra (prati, pascoli, campi, foreste, montagne), in acqua (stagni di acqua dolce, laghi e fiumi, zone umide, mari e oceani). Praticamente tutte le piante hanno fissato capacità stile di vita per convertire l'energia solare in composti organici sono ricche riserve clorofilla, riciclare l'anidride carbonica in ossigeno, per cui la vegetazione chiamato luce pianeta Terra.

Purtroppo, per vari motivi, molte piante sono tra le rare o in via di estinzione, e la lista ogni anno solo è in crescita. Molti rappresentanti hanno pagato per la loro bellezza: le persone che non stanno pensando di l'enorme danno causato alla natura, in modo blasfemo distruggendo impianti per il bouquet durata. gigli Questo amaro destino forestali, ninfee, sonno-erba.

Al fine di proteggere le specie di piante rare provenienti da estinzione, vengono inseriti nel Libro Rosso ed è custodito a livello legislativo. La scienza che studia la pianta serve come base di conoscenza per il documento. E ora è il nostro comune compito – per preservare la flora per le generazioni future, ai nostri figli e nipoti sono stati in grado di vedere la bellezza unica del mondo vegetale, che è la fortuna di vedere noi.