792 Shares 8293 views

Petrozavodsk e Carelia diocesi – Chiesa ortodossa e un'unità amministrativa della Repubblica di Carelia

La città più grande della Repubblica di Carelia è Petrozavodsk. Come suggerisce il nome, la sua città di origine deve a Pietro il Grande. Secondo il suo decreto del 1703, sulla riva del lago Onega nei pressi della foce del fiume Lososinka di cui una fabbrica di armi e dei suoi lavoratori – Petrovskaya Sloboda. Qui, accanto a un palazzo di legno di Pietro I, che sono stati qui molte volte, la chiesa in costruzione.


a nord-ortodossa

Ma Ortodossia è venuto a questa area molto prima – v'è un disco fatto nel 1227, che il figlio di Vsevolod parte della Big Nest, il granduca Vladimir Yaroslav Vsèvolodovié (1191-1246) "ha inviato a battezzare tutti Karelia". Ortodossia non è stata accolta con ostilità, perché ha da tempo fatto qui a causa della sua vicinanza germogli e l'amicizia con Novgorod. Passo è stato necessario in quanto, in primo luogo, una sola fede unito il paese, e in secondo luogo – la prossima guadagnando terreno stato svedese, per il quale la Russia è sempre stato un bocconcino gustoso. Ma solo nel 1589 Carelia diocesi fu fondata qui (precedentemente noto come la zona controllata dal singolo Vescovo, in questo caso era Sylvester) con il dipartimento di Korela. Naturalmente, la diocesi di Novgorod ha giocato un ruolo importante in questo.

L'origine della diocesi

Prima della formazione della diocesi Carelia (1593) okormleniem questa zona impegnata Kexholmsky e Ladoga vicariato era diocesi Novgorod. Petrozavodsk nel 1784 divenne il centro della regione di Olonets (provincia). Decreto del 15 maggio 1787, emessa da Caterina II, Olonets vicariato è collegato alla diocesi Arkhangelsk. Il centro della struttura neoformato è in Arkhangelsk. conversione permanente di unità della chiesa-amministrativo a causa della volontà di rafforzare il nord europea della Russia. Paolo I apportare modifiche, Alessandro I – la sua. Re, sostituendo l'altro sul trono russo, spesso annulla la decisione dei loro predecessori. Ed ora nel 1828 è formato diocesi indipendente Olonets con il centro a Petrozavodsk.

sviluppo attivo

Possiamo supporre che da quel momento ha cominciato a prendere forma il futuro Petrozavodsk e Carelia diocesi. Abbiamo cominciato ad essere attivamente monasteri eretti e templi, per aprire le scuole religiose (comprese le donne), e il seminario. 20 anni, fino alla rivoluzione, suole rilasciare i propri giornale diocesano. A partire dal 1904, la diocesi consisteva di 251 ortodossi e edinovercheskogo arrivo. Esisteva anche la loro fraternità spirituale ed educativa. Ma qui, come spiegato in un lungometraggio, "è venuto la potenza egemone, e tutto era cenere". Coloro che ha rifiutato di cooperare con le nuove autorità e per sostenere Rinnovazionismo, girato ed esiliato in Siberia. Tra questi ultimi è stato il vescovo Euthymios (Lapin), che, dopo il collegamento per i prossimi cinque anni, mantiene il titolo di vescovo di Olonets. Dieci anni tra sostenitori delle nuove tendenze e la vecchia fede erano battaglie intestine, e le tempie Petrozavodsk passò di mano in mano. Nel 1929, i confini della diocesi e eguagliato l'autonomia della Carelia. Nel 1937-1938, sono stati perseguitati indiscriminatamente – e sostenitori Rinnovazionismo (il loro centro era alla Chiesa di Santa Croce), e sostenitori del patriarcato della Chiesa di Santa Caterina.

l'ateismo senza peli sulla lingua

Templi cominciarono a bruciare e chiusi. La motivazione è stato uno per tutta la Russia sovietica – l'assenza dei fedeli e del clero. Forse era – la gente era spaventata, i preti sono stati girati, nella migliore delle ipotesi, in esilio. Durante l'occupazione, il servizio svolto dai sacerdoti ortodossi finlandesi. Dopo la liberazione da parte dell'Armata Rossa nella città di Petrozavodsk era solo un sacerdote. Ha iniziato l'invio di servizio. L'attuale diocesi di Petrozavodsk e Carelia nel 1944 è stato dato per un uso temporaneo e Pskov Porkhov Arcivescovo Gregory. In seguito, non è stato osservato cambiamenti significativi nella vita della diocesi, i templi quasi non aperti, congregazioni non si sono formate, l'unico cambiamento significativo è stato il cambiamento del titolo di vescovo, fu chiamato Petrozavodsk e Olonets. In precedenza, era il contrario. E nel 1962, la gestione del gruppo di chiesa-amministrativa in genere passato al metropolita di Leningrado. Questo è durato fino al 1986.

nuova vita

Negli anni '90 in tutta la Russia la rinascita della Chiesa, e di nuovo nel 1990 Petrozavodsk e Carelia diocesi diventano indipendenti. Il 14 agosto dello stesso anno, Chiesa di Santa Croce, l'archimandrita Manuel divenne capo della diocesi Petrozavodsk con il titolo di vescovo di Petrozavodsk e Carelia.

Durante gli anni della rinascita di questa diocesi sono stati aperti costruiti attivamente templi, monasteri, parrocchie, il loro numero ha raggiunto 7 (monasteri attivi) e 63 parrocchie. Centro Diocesano si trova a Petrozavodsk. Questa città ha molte belle templi, e non solo ortodossa (circa 12), ci sono luoghi di culto di tutte le religioni e le fedi. Molto bella in piedi sulla riva Logmozero Chiesa in nome del Signore Streteniya. Questa è una delle più antiche chiese di pietra a Petrozavodsk. Esso conserva la memoria della vecchia cattedrale – Svyatoduhovsky cinque cupole chiesa a 56,5 metri di altezza, spietatamente demolito nel 1936.

La cattedrale principale della diocesi

chiesa cattedrale, o, come si dice nella cattedrale ortodossa, che si trova a Petrozavodsk. Si tratta di un monumento di architettura – la Cattedrale di Alexander Nevsky. In principio era una chiesa fabbrica eretta a spese del lavoro in fabbrica Alexandrovsky, ed è stato chiamato l'Alexander Nevsky. Secondo il progetto Postnikov è stato costruito negli anni 1826-1832 l'ingegnere Pietro Carlo Maderno. Aveva tre altari. Il suo destino è simile alle storie di migliaia di chiese ortodosse – negli anni della loro incredulità profanata, saccheggiata, chiuso. Nel 1991 è tornato alla Cattedrale della diocesi di Petrozavodsk. Modificato e restaurato sotto la supervisione di VG Kopnina nel 2000. La chiesa fu consacrata Alessio II.

cambiamenti Recentemente, strutturali e la scomparsa dell'abate

Avanti la riorganizzazione ha avuto luogo nel 2013. Petrozavodsk e Carelia diocesi perde unità chiesa-amministrativa Kostomuksha e Kem. 29 maggio, il Santo Sinodo prende una decisione sulla formazione della metropoli Carelia, il cui capo è nominato dal vescovo Manuel (Pavlov Vitaly Vladimirovich).

Metropolitan Chiesa ha il suo sito ufficiale e il proprio supporto (giornale "Logos" e altri due). Inoltre, pubblicazioni e siti web hanno tutti i principali parrocchie della diocesi. Va notato che la notte del 6 al 7 marzo, il vescovo Manuel morì il 65 ° anno di vita dopo una grave malattia. Il merito speciale del suo contratto appartiene alla finlandese ortodosso Giovanni di non violazione di visitare sacerdoti finlandesi regole canoniche. Manuel ha dato John un caporale, con la sua firma. sforzi amichevoli delle due chiese ortodosse hanno notevolmente ridotto l'impatto del luteranesimo nel territorio della Repubblica di Carelia.