225 Shares 6931 views

Questo vendicativo russo razzo "Satana"

Dal momento in cui i principali attori geopolitici – l'URSS e gli Stati Uniti – sono apparse mezzi di consegna senza equipaggio di munizioni nucleari, è iniziata una fase speciale della corsa agli armamenti. Ognuno dei paesi aspirò a possedere tali mezzi tecnici che permettessero di infliggere un colpo impunito.


Questa concorrenza ha avuto il lato negativo: se un conflitto nucleare comincia, il nemico, indipendentemente dal successo delle sue azioni, dovrebbe essere punito. E questo significa che anche se tutte le strutture di comando e di controllo delle truppe, la morte dello Stato Maggiore e del governo sono distrutte, i vettori mortali possono salire dalle miniere sotterranee, passare attraverso tutti i confini della difesa anti-missile e abbattere una barra di retribuzione sulla testa dell'aggressore.

Il razzo "Satana", creato nell'Unione Sovietica e in piedi da 1975 a oggi in combattimento, è in grado di soddisfare questo compito.

In realtà, è chiamato altrimenti – R-36M, e il suo complesso comprende, oltre al razzo, molti dispositivi, tra cui un contenitore protettivo e vari mezzi di protezione, che permettono di mantenere la capacità di combattimento anche in caso di ripetuti scioperi nucleari nell'ambito del dispiegamento del sistema di lancio. C'è anche una classificazione adottata in NATO, secondo la quale tutti i mezzi strategici di consegna sovietici sono indicati da lettere SS e da un numero a due cifre. Secondo lei, il razzo "Satana" porta il codice SS-18.

Non è facile meritare questo nome. La personificazione del male universale ispira l'orrore illimitato. Alla domanda "perché gli americani chiamarono il complesso R-36M?" Puoi trovare la risposta se conoscete le caratteristiche di questa arma. Allo stesso tempo, più attenzione dovrebbe essere prestata non alle cariche letali nella parte principale del razzo (questo non sorprende a nessuno), ma quelle qualità che lo rendono praticamente invulnerabile, sia a terra (o meglio sotto) e in tutte le fasi del volo.

Se il mondo regna e la Russia non è minacciata da uno sciopero nucleare, il razzo intercontinentale Satana (il nostro nome è Voevod) può trovarsi in uno speciale deposito o in stato di allerta. In quest'ultimo caso, esso deve essere alimentato, riducendo teoricamente la sua durata. Perché la durata dell'azione sia il più a lungo possibile, il combustibile utilizzato nei gradini viene ammorbidito. L'attivazione del contenuto del serbatoio avviene solo dopo il comando per avviare il motore.

Il missile strategico "Satana" si riferisce alla classe di pesanti, la sua massa supera i duecento tonnellate. Di conseguenza, il peso che può offrire al bersaglio è anche considerevole (7,3 tonnellate). Le munizioni nucleari moderne sono relativamente leggeri e anche otto cariche (e questa possibilità è prevista dal disegno) semplificheranno facilmente un portatore meno potente.

Il razzo "Satana" è reso grande perché nel suo scompartimento di combattimento, oltre al carico principale, ci sono obiettivi distruttivi destinati a indurre in errore le forze di difesa missilistica di un nemico probabile. L'impatto totale degli elementi dell'apparecchiatura è in grado di informare le risorse del computer di qualsiasi difesa missilistica, non solo moderna, ma anche promettente.

Per mantenere la capacità di combattimento delle armi, la stabilità del suo sistema di controllo agli impulsi elettromagnetici è molto importante . Il razzo "Satana" manterrà il suo corso di combattimento, indipendentemente dall'intensità dell'inquadratura creata e creerà il proprio.

Nei negoziati sulla START II, la delegazione statunitense ha persistentemente proposto di escludere l'R-36M dall'arsenale russo, il che suggerisce che questo complesso li causa ansia. Ciononostante, attualmente più di un centocinquanta lanciatori di 308 tipi sovietici rimangono attenti. Mentre il razzo "Satana" non è obsoleto (e questo accadrà, apparentemente, non presto), i russi possono essere sicuri che qualsiasi aggressore sarà attento ad attaccare. Tuttavia, c'è ragione di sperare che la prossima generazione di armi strategiche sarà in grado di garantire una protezione affidabile così necessaria nel mondo complesso odierno.