618 Shares 4727 views

Qual è il messaggio degli apostoli

collezione di libri, uniti con il nome comune di "Messaggio dei Santi Apostoli," fa parte del Nuovo Testamento, che fa parte della Bibbia, insieme al già scritto l'Antico Testamento. Creare messaggi si riferisce al momento in cui, dopo l'Ascensione di Gesù Cristo, gli Apostoli fece il giro del mondo a predicare il Vangelo (buona notizia) per tutti i popoli, a rispettare nelle tenebre del paganesimo.


I predicatori della fede cristiana

Grazie agli apostoli la luce della vera fede, sarà brillare in Terra Santa, illuminate le tre penisole, è il centro di antiche civiltà – Italia, Grecia e Asia Minore. L'attività missionaria degli apostoli ha dedicato un altro libro del Nuovo Testamento – "Atti degli Apostoli", ma lì il percorso dei discepoli più stretti di Cristo sono dati in modo incompleto.

Questo divario è riempito dalle informazioni contenute nella "Lettera", e di cui la Santa Tradizione – materiali, canonicamente riconosciuto dalla Chiesa, ma non inclusi nel Vecchio o Nuovo Testamento. Inoltre, il ruolo messaggi prezioso per spiegare i fondamenti della fede.

L'esigenza di creare messaggi

Epistole rappresentano un insieme di interpretazioni e chiarimenti del materiale che è contenuto nei quattro canonici (Chiesa riconosciuta) Vangeli composto evangelisti santi: Matteo, Marco, Luca e Giovanni. La necessità di tali messaggi è a causa del modo in cui i suoi viaggi, il passaparola diffusione del messaggio evangelico, gli apostoli in una varietà di chiese cristiane fondate.

Tuttavia, le circostanze non hanno permesso loro di rimanere a lungo in un posto, e dopo la partenza delle comunità di nuova formazione minacciate da pericoli associati sia con l'indebolimento della fede e con deviazione dal vero cammino in vigore a carico disagio e di sofferenza.

È per questo che un convertito alla fede cristiana, mentre mai avuto bisogno di incoraggiamento, di rinforzo, monito e di incoraggiamento, non si perde, tuttavia, la sua attualità. A tal fine, e le lettere sono state scritte dagli apostoli, la cui interpretazione era di diventare il tema delle opere di molti teologi di primo piano.

Che includono l'Epistole?

Come tutti i monumenti di primo pensiero religioso cristiano, l'epistola esistente, la paternità di che viene attribuito agli apostoli, sono divisi in due gruppi. Il primo è il cosiddetto apocrifi, cioè i testi che non sono inclusi tra i canonizzati, e la cui autenticità non è riconosciuto dalla Chiesa cristiana. Il secondo gruppo è composto di testi, la cui verità in diversi periodi di tempo fissato le decisioni dei concili della chiesa, che sono considerati canonica.

Nel Nuovo Testamento includeva 21 appello apostolico in diverse comunità cristiane e le loro guide spirituali, la maggior parte dei quali sono epistole di St. Paul. Di cui ci sono 14. Si tratta di uno dei due Apostoli si riferisce ai Romani, Galati, Efesini, Filippesi, Colossesi, gli ebrei, il santo apostolo dei settanta discepoli di Cristo e il Vescovo Titus Philemon – il Primate della Chiesa di Creta. Inoltre, invia due messaggi ai Tessalonicesi, Corinzi, e il primo Vescovo di Efeso Timothy. Il resto delle epistole degli apostoli appartengono ai seguaci e discepoli di Cristo più vicini: Jacob, uno, due a Pietro, Giovanni, e tre uno Giuda (non l'Iscariota).

Epistole scritte dall'apostolo Paolo

Tra le opere di teologi che hanno studiato l'eredità epistolare degli Apostoli, un posto speciale è occupato dalla interpretazione degli scritti di Paolo. E succede non solo a causa delle loro grandi numeri, ma anche per la straordinaria carico semantico e significato dottrinale.

Come regola generale, tra i quali sono "Lettera di St. Paul ai Romani," perché è considerato un esempio consumata non solo del Nuovo Testamento Scritture, ma in generale tutta la letteratura antica. L'elenco di tutti i 14 lettere appartenenti a Paul, di solito è messo in primo luogo, anche se la cronologia di scrittura non è.

Discorso alla comunità romana

In essa l'apostolo fa riferimento alla comunità cristiana di Roma, si è svolto in quegli anni, soprattutto a causa dei convertiti pagani, come tutti gli ebrei nel '50 erano stati cacciati dalla capitale dell'impero con decreto dell'imperatore Claudio. Riferendosi alla congestione della predicazione del lavoro che gli ha impedito di visitare la Città Eterna, Paul, allo stesso tempo, spera di fargli visita, sulla strada per la Spagna. Tuttavia, come se prevedendo l'impossibilità di questa intenzione, si rivolge ai cristiani di Roma il più lungo e dettagliato il suo messaggio.

I ricercatori hanno detto che se le altre lettere dell'apostolo Paolo hanno il solo scopo di fare correzioni in quelli o altri problemi della dottrina cristiana nel suo insieme la buona notizia è hanno consegnato di persona, poi, rivolgendosi ai Romani, è stato, infatti, presenta in forma abbreviata tutti gli insegnamenti del Vangelo. Nei circoli scientifici, si presume che la Lettera ai Romani è stato scritto da Paul circa 58 anni prima del suo ritorno a Gerusalemme.

A differenza di altre lettere degli apostoli, l'autenticità di questo monumento storico non è mai stata messa in discussione. Il suo straordinario prestigio tra i primi cristiani è dimostrato dal fatto che uno dei primi dei suoi interpreti divennero Kliment Rimsky, che era lui stesso uno dei settanta apostoli di Cristo. In epoche successive alla lettera ai Romani di cui le opere di eminenti teologi e Padri della Chiesa come Tertulliano, Ireneo, Giustino il Filosofo, Kliment Aleksandriysky e molti altri autori.

Lettera ai Corinzi caduto nell'eresia

Un altro notevole creazione di primi genere epistolare cristiana è la "lettera di Paolo ai Corinzi." Su di esso deve anche elaborare. E 'noto che dopo la fondazione della chiesa Paul Christian nella città greca di Corinto, la comunità locale ci ha portato lui predicatore di nome Apollo.

Con tutto il suo zelo per l'affermazione della vera fede, è l'inesperienza ha fatto una spaccatura nella vita religiosa dei cristiani locali. Di conseguenza, sono stati divisi in sostenitori dell'apostolo Paolo, l'apostolo Pietro, e di Apollo, personale interpretazione l'interpretazione della Scrittura, che, senza dubbio, è un'eresia. Rivolgendosi ai cristiani di Corinto suo messaggio e li avvertiti dell'imminente arrivo, al fine di chiarire le questioni controverse, Paolo insiste sulla riconciliazione generale e il rispetto per l'unità in Cristo, predicato da tutti gli apostoli. Corinthians contiene, tra le altre cose, e la condanna di molti atti peccaminosi.

Condanna di vizi ereditato dal paganesimo

In questo caso stiamo parlando di quei vizi, che sono stati ampiamente diffusi tra i cristiani locali, che non avevano ancora riusciti a superare una predilezione li ereditato dal passato pagano. Tra le diverse manifestazioni del peccato inerente al nuovo e non ancora stabilito nei principi morali della comunità, le condanna apostolo con la massima intransigenza ampiamente praticate convivenza con la sua matrigna, e le manifestazioni di orientamento sessuale. La sua critica del Corinthians espone l'usanza di condurre con l'altro contenzioso senza fine, così come indulgere in ubriachezza e depravazione.

Inoltre, in questa lettera, l'apostolo Paolo esorta i membri della comunità di nuova costituzione, senza stint di destinare dei fondi per la manutenzione e predicatori tanto per aiutare i bisognosi cristiani di Gerusalemme. E cita l'abolizione delle restrizioni adottate nel cibo degli ebrei, che consente di utilizzare tutti i prodotti, ad eccezione di quelli che i pagani locali sacrificati ai loro idoli.

Citazione Engendering polemiche

Nel frattempo, un certo numero di teologi, soprattutto nel tardo periodo, fa notare in questa Lettera Apostolica Alcuni elementi di questa dottrina non è accettato dalla Chiesa come subordinatizm. La sua essenza sta nella affermazione di disuguaglianza e subordinazione incarnazione della Santissima Trinità, in cui Dio Figlio e Dio Spirito Santo sono le creature di Dio Padre e soggetti a lui.

Questa teoria è fondamentalmente in contrasto con i principi fondamentali del cristiano, approvato nel 325 primo Concilio di Nicea e predicò fino ad oggi. Tuttavia, riferendosi al "Corinzi" (capitolo 11, versetto 3), dove l'apostolo dice che "Dio è il capo di Cristo", un certo numero di ricercatori ritengono che anche gli Apostoli Paolo non è stato completamente risparmiato dagli effetti di falsi insegnamenti del cristianesimo primitivo.

In tutta onestà, notiamo che i loro avversari tendono a capire questa frase un po 'diverso. La parola di Cristo letteralmente si traduce come "l'unto", e questo termine è usato fin dai tempi antichi contro i governanti autocratici. Se si comprendono le parole dell'apostolo Paolo in questo senso, cioè, che "ogni testa autocrate Dio", poi tutto si sistema, e le contraddizioni scompaiono.

postfazione

In conclusione, va notato che tutti gli apostoli del messaggio imbevuto dello spirito del Vangelo e dei Padri della Chiesa raccomanda vivamente di leggerli tutti, che vuole conoscere più a fondo la dottrina data a noi da Gesù Cristo. Per loro una comprensione e l'interpretazione meglio dovrebbe essere, non limitato alla sola lettura dei testi stessi, fare riferimento alle opere di commentatori, i più famosi e influenti tra di loro è Vescovo Feofan Zatvornik (1815-1894), che completa il ritratto di un articolo. In modo semplice e accessibile chiarisce molti passaggi, il cui significato spesso sfugge il lettore moderno.