565 Shares 2611 views

Controcultura – è buono o cattivo?

La cultura come un fenomeno psicologico, secondo Matsumoto, – un insieme di atteggiamenti, valori e credenze condiviso da un gruppo di persone. Si impara il comportamento, quindi abbiamo diversi valori e norme interiorizzare. Questo processo è in continua evoluzione, in movimento, in aggiunta. Controcultura – è che non è in contrasto con le tradizioni consolidate. Non si può rispondere alla domanda se il colore positivo o negativo porta. La storia conosce molti esempi in cui a causa di questa forza motrice non ci sono stati cambiamenti positivi nello sviluppo di intere nazioni. Tradizioni, norme e regolamenti rimangono invariate, impostato per un lungo periodo di tempo, ogni società va da inizio ad un picco e poi il declino. La cultura è soggetto alle stesse modifiche. Solo con una riserva che è in declino, può scomparire del tutto. Ma può essere rinnovata, e la contro-cultura – è che è in grado di spingere.


Ci sono molti esempi. Così, negli anni '60 del secolo scorso, in Occidente, si formò un nuovo movimento – hippies. In contrasto con il culto del denaro, hanno promosso il culto della semplicità. A poco a poco a far parte di jeans di moda, trasformandosi da abiti da lavoro nel primo giorno, e più tardi in vacanza. Invece di slogan ad alta voce di conformità, non offre distinguersi dalla folla, di essere "come tutti gli altri", hanno cominciato a promuovere l'idea che ogni persona – è un individuo e ha bisogno di qualcosa di diverso dal resto. In questo caso, la contro-cultura – è un hippie che non solo impostare le nuove tendenze in vestiti, ma anche contribuito al cambiamento della situazione politica negli Stati Uniti. Il governo di questo paese universalmente chiesto aiuto nella lotta contro il Vietnam comunista, hippies anche sostenuto il pacifismo, dicendo che nel mondo c'è solo l'amore, non la guerra. E 'stato durante questo periodo di tempo, molti in Occidente portato via con la lettura e la comprensione della letteratura rivoluzionaria, il marxismo, le idee di Che Guevara, un paese travolto dalle proteste di massa, che ha sollevato la questione della oppressione del popolo nero, riforme dell'istruzione.

Controcultura – questo punk movimento che ha introdotto le tendenze della moda in abiti dalla pelle, che non si vergogna e non vergognarsi di ostentare è stato anche il presidente, insieme con i jeans, anche un paio di decenni fa era valido. Le femmine in questo momento vestita in un mini-gonna che è stato considerato di cattivo gusto, come a nudo le ginocchia non è stato accettato. E nei giorni del selvaggio West è uno dei first lady indossava i pantaloni, che ha causato confusione e insoddisfazione per i loro vicini. Queste sono piccole ma necessarie vittoria che inizialmente causato solo la condanna, lascia oggi scegliere i capi d'abbigliamento che sono più come loro, senza timore di incomprensione e di viste oblique.

Cambiando gli stereotipi per secoli, subcultura e controcultura porta allo sviluppo di opinione pubblica e la coscienza dei loro punti di vista. Così, per esempio, per secoli in fratelli slavi era comparsa inaccettabile "in pubblico" una donna sposata con i suoi capelli. Come si può vedere, questa tradizione affondato nel dimenticatoio, in gran parte a causa delle idee progressiste di alcuni membri del gentil sesso. Sembra che per raggiungere un tale risultato, dovevano essere molto difficile, probabilmente in un primo momento sono stati condannati i suoi amici e la comunità per una mossa così audace.

Cultura, sottocultura, controcultura sono strettamente interrelati. Ci sono nuovi flussi di traffico, rompere gli stereotipi, le persone non sono più senza volto sono massa grigia, in modi diversi che cercano di fare loro stessi. Alcuni di loro – con l'aiuto di vestiti, altri – proponendo nuove idee e slogan.