597 Shares 7316 views

Il primo e il secondo principio della termodinamica

Prima di considerare la prima e la seconda legge della termodinamica, è necessario definire cosa si intende con il termine "termodinamica". In questo caso, la parola parla da sé: è facile determinare le altre due – "termica" e "dinamico". Quando greca si trasforma "temperatura di calore" e "la forza, il movimento, il cambiamento." In altre parole, la termodinamica rappresenta uno dei rami della fisica, caratteristiche di conversione calore ad altre forme di energia e viceversa apprendimento. In questo caso il moto termico degli oggetti microcosmo (atomi, molecole, particelle) non è inclusa in detta sezione ed è studiato in altre aree della scienza. Termodinamica occupa anche l'intero sistema di macro, caratterizzati dalla quantità, pressione e così via.


Questa scienza si basa su alcune caratteristiche di base (pari a zero, prima, seconda legge della termodinamica), adottata nel postulati. Essi sono stati determinati sperimentalmente e confermati da calcoli teorici. Il rapporto tra loro è solo indiretta, dal momento che l'inizio della produzione diretta di uno dall'altro non è possibile.

Ci sono quattro inizio – con uno zero sul terzo. Cerchiamo segnaliamo il significato di ciascuno di essi. Zero legge della termodinamica afferma che qualsiasi sistema tende alla equilibrio termodinamico, quindi alla fine c'è un equilibrio con la scomparsa dell'azione esterna. Può essere un sistema isolato a tempo indeterminato.

Uno dei principali – è la prima legge della termodinamica. È stato inizialmente formulato nel 19 ° secolo. In realtà, è la legge della conservazione dell'energia in relazione a quanto sta accadendo in macrosistemi processi termodinamici. Tra l'altro, è spesso con l'aiuto di questo postulato negato la possibilità dell'esistenza di una macchina a moto continuo, perché per fare il lavoro necessario per comunicare esternamente sistema energia supplementare. Secondo lui, in un sistema isolato chiuso il valore energetico rimane sempre lo stesso.

La seconda legge della termodinamica è familiare a tutti fin dall'infanzia. Secondo lui, l'energia termica può naturalmente essere trasmesso in una sola direzione – da un corpo caldo ad una meno riscaldata. Per esempio, perché in inverno per la strada sembra essere freddo, poiché la temperatura ambiente è inferiore a quella del corpo umano, che provoca calore. La seconda legge della termodinamica è uno dei più famosi. Una delle sue conseguenze suggerisce che tutta l'energia interna del sistema non può essere completamente convertita in lavoro utile. Ciò che è interessante, la seconda legge della termodinamica sono matematicamente dimostrabile. Fissando una pluralità di esperimenti, questo modello è stato derivato, successivamente adottato come un assioma.

Che è uno degli aspetti che caratterizzano la seconda legge della termodinamica? Entropy! Questo termine in greco significa "trasformazione". Entropia è caratteristico di ogni sistema termodinamico ed è una funzione dello stato. In generale, si può presumere che l'entropia indica un impegno per qualsiasi disturbo del sistema. R. Clausius, che ha proposto il termine di processi termodinamici come spiegazione dava l'esempio del congelamento dell'acqua: rappresentano l'acqua allo stato liquido al confine di zero gradi centigradi. Vale la pena di segnalare una porzione dell'energia esterna, sufficiente per squilibrio, il liquido si trasforma in uno stato solido (ghiaccio). Quando questo cambiamento dovuto alla struttura interna della energia viene rilasciata. In questo caso, si tratta di un processo reversibile. Di conseguenza, la variazione di entropia è un rapporto tra la quantità totale di energia termica al valore assoluto della temperatura. Una conseguenza indica che nei sistemi chiusi senza l'entropia aumenta influenza esterna.

390 shares 9955 views
791 shares 2109 views