821 Shares 9789 views

Signore, Dio degli eserciti. Akathistos Dio Safaofu

Prima di tutto è necessario chiarire l'origine della frase "Dio Onnipotente", spesso nella Bibbia, e la designazione uno dei nomi del nostro Signore – il Creatore dell'universo e di tutte le cose. E 'venuto dall'ebraico, o meglio, della sua forma antica – l'aramaico, la lingua in cui la maggior parte dei libri della Sacra Scrittura è stata scritta. Pronunciate essa i figli di Israele come "host» (צבאות), come è il plurale della parola 'esercito' in ebraico dal suono come "Tsawa» (צבא).


Signore del cielo e della terra i padroni di casa

Secondo la tradizione ortodossa, di solito è tradotto in lingua russa l'espressione "il Signore degli eserciti di angeli." Così, a differenza di altri nomi Gd incontrato in biblici host testi di parole sottolinea la sua forza e onnipotenza.

Perché questo nome deriva dalla parola "host", c'è un malinteso che il Dio degli eserciti è la personificazione di God of War. Tuttavia, gli studiosi della Bibbia, i ricercatori hanno giustamente sottolineano che non si trova nel testo corrispondente al periodo delle azioni militari più attivi del popolo ebraico, come l'epoca della conquista di Canaan. Al contrario, molto spesso il suo uso è indicato nei libri dei profeti e nei salmi, relativa ad un periodo più tardi, quando le tribù d'Israele ha iniziato il suo sviluppo pacifico.

Così, il Signore, Dio degli eserciti non si limita all'espressione di una ristretta gamma della sua comprensione, e porta il valore del Signore degli eserciti e sovrano di tutti i poteri terreni e celesti. Secondo la concezione biblica, le stelle e tutto ciò che riempie la volta del cielo, è anche parte del suo immenso esercito.

Signore infinito e onnipresente

Ampiamente conosciuto come un altro nome degli eserciti Dio – Jehovah (יהוה), tradotto come "Lo farà," o "E 'vivo". Esso non esercita alcuna differenze semantiche, e viene utilizzato solo in alternativa. E 'interessante notare che si verificano nel testo originale della Bibbia, la parola, così come altri nomi di Dio, gli ebrei sono tradizionalmente impronunciabile a causa della loro ammirazione per la grandezza del Creatore.

Un esempio di come utilizzare l'OT uno dei nomi di host Dio che si trova nel capitolo 3 dell'Esodo entrare nel Pentateuco. Familiarità con il testo della Scrittura è ben ricordato un episodio in cui il profeta Mosè quando era un pastore in Midian priest Jethro ricevuta dal Signore ordinò di portare il suo popolo dalla schiavitù in Egitto.

Questo è un grande evento ha avuto luogo sul monte Hariv dove Dio ha parlato con il suo profeta dalle fiamme che hanno sommerso il cespuglio cespuglio. Su una domanda di Mosè che i compatrioti risposta quando sono stato chiesto il nome di Dio, che lo ha mandato a loro, ha detto, letteralmente, "Io sono colui che sono". Nel testo originale utilizzato la parola ebraica יהוה, vale a dire, "Geova". Non è il nome di Dio in un senso comune del termine, ma si riferisce solo al suo essere infinito.

Qui si nota che la Bibbia può essere trovato e altri nomi di Dio. Oltre a quelli di cui sopra, ci sono Testamento come Elohim, Adonai, Signore, e molti altri. Nel Nuovo Testamento, il nome di Gesù, tradotto come Salvatore, e Cristo – l'Unto.

Senza confusione e l'incarnazione di Dio inscindibile

Si fa notare che da quando le icone cinquecentesche ortodosse della Santa Trinità immagine di Dio degli eserciti corrisponde ad una delle sue tre incarnazioni – Dio Padre. Ciò è dimostrato dalla iscrizione fatta da sue figure. Tuttavia, questo non significa che pronunciando il nome dell'Onnipotente, che abbiamo in mente solo Dio Padre.

ci insegna la Santa Tradizione, tutte le tre persone della Santa Trinità – Padre, Figlio e Spirito Santo – non ci sono insieme e non separatamente. Non possono essere separati l'uno dall'altro, è possibile immaginare il disco radiante del sole senza luce emessa e trasudano calore. Tutti loro sono le tre essenze di un'entità chiamata il Sole – quello con tutta la diversità delle sue manifestazioni.

E l'Altissimo. l'energia divina che ha creato il mondo visibile e invisibile, percepito da noi come immagine di Dio Padre. La sua volontà, incarnata in una parola, ha preso l'immagine del Figlio eterno, Gesù Cristo. E mediante il potere mediante il quale Dio opera nelle persone e creato da Lui la Chiesa è lo Spirito Santo. Tutte queste tre persone sono i componenti di un unico Dio, e perciò, chiamando uno di loro, intendiamo gli altri due. È per questo che l'espressione di Dio Padre è il Signore degli eserciti include un'indicazione e del Figlio, e dello Spirito Santo.

Il potere divino incarnato nel nome

Nella teologia ortodossa, nomi divini riflette la totalità delle sue manifestazioni nel mondo che ci circonda. Per questo motivo, ha mnogoimonen. Nella sua relazione alla diversità creato (vale a dire la creazione di Lui) Dio si dona al mondo tutto ciò che esiste, lo nisposylaya sua grazia infinita. La sua manifestazione nella nostra vita sono infinite.

E 'importante tenere a mente che i nomi divini non sono concetti razionali indipendenti, ma di ricostruire solo la sua immagine nel mondo che ci circonda. Ad esempio, l'espressione del Dio degli eserciti, come già detto, sottolinea la sua autorità su tutti i poteri terreni e celesti, e il Signore dimostra l'infinito dell'esistenza. Come sottolineato nei suoi scritti, teologo di spicco III secolo – il primo vescovo di Parigi, San Dionigi, – i nomi di Dio sono "l'analogo creato del Creatore increato".

Nome del Signore negli scritti di San Dionigi

Sviluppare il suo insegnamento come teologo dei nomi divini usato un certo numero di termini del linguaggio comune per indicare un punto di vista puramente positivi. Ad esempio, il Dio degli eserciti lo ha chiamato come una bontà. E 'il nome che dà al Signore in vista della bontà ineffabile che Lui trasuda generosamente in tutto il mondo creato Lui.

luce radiante che Dio riempie la terra, dà motivazione a San Dionigi chiamato la sua luce, e il fascino, li diede alle sue creature – Bellezza. La combinazione di questi concetti una parola, si dà a Dio il nome di Amore. Gli scritti di Dionigi ci incontriamo e nomi di Dio come buono, Unità, La vita, la Sapienza e molti altri, la logica di cui dovrebbero essere degli insegnamenti del Dio Uno e Prisnosuschnom.

La preghiera nata sulle rive della Neva

Tali denominazione parole di Dio che caratterizzano la sua qualità di base possono essere trovati in preghiera ben nota al santo Signore composta Giovanni di Kronstadt. In esso, chiamare Dio Forza, santo prega di sostenerlo, stanco e cadere. Chiamando il Supremo luce, illumina le richieste oscurate in passioni di tutti i giorni dell'anima, e dandogli il nome di Grazia, la fiducia nella misericordia infinita.

Inni, è venuto in Russia da Bisanzio

Nei primi anni che seguirono il battesimo della Rus, sulla terra santificata luce della vera fede, è iniziato un processo attivo di traduzione dal greco in russo vari testi liturgici che è venuto a noi da Bisanzio. Significativa tra questi sono gli inni appartenenti al genere del innografia ortodossa e che rappresentano canti di lode, scritti in onore del Signore, Dio e la sua Madre Santissima, e dei santi e angeli.

Funzione akathists strutturali è la presenza di una breve introduzione, chiamato Kukula, e lo dopo 12 grandi stanze chiamate ICOS e termina con lo stesso ritornello, che inizia con le parole "Ave …", e lo stesso numero di piccole stanze – Kondakov, al termine di ognuno dei quali è " Alleluia! "

Akathistos al Dio eterno

Si può difficilmente essere una precisione affidabile il periodo storico in cui è stato scritto "Akathistos Signore degli eserciti", ma una volta in Russia, egli ha preso una forte posizione nel innografia nazionale. Da tempo immemorabile, il testo viene letto come una parte di certo la preghiera festiva, e durante il culto comune. Akathistos Testo e tradizione presto stampati, e in forma manoscritta tradizionalmente collocati nei libri liturgici, come Akafestnik, Libro d'Ore, Salmi seguire, così come il quaresimale Triodion.

Da akathists scrittura tradizionali si differenzia solo in quanto le parole finali di ogni Ikos "Rallegratevi …" in esso sostituito da un più appropriato contenuto generale – "Signore Dio …." Dalle prime linee, in cui il Signore ti chiamasse il Campione leader del Fuoco e le potenze celesti, l'intero Akathistos di testo imbevuto dello spirito di alta venerazione della Creatore dell'universo, e così comune nella Chiesa ortodossa, "abbi pietà di me!" Suona come trattamento naturale e regolare della creatura al suo Creatore.

Akathistos insieme una storia del mondo

Una lettura attenta del testo è facile vedere che il Dio degli eserciti Akathistos è abbastanza completa esposizione della dottrina cristiana del Dio Uno e Trino. Inoltre, nel più compatto in termini di volume, ma nel profondo del contenuto del modulo presenta i principali eventi della storia sacra dalla creazione al sacrificio di Cristo. Questa funzione in combinazione con alta maestria costruzione e di trasmissione in uscita l'Akathistos materiale attivo tra le opere più suggestive innografia cristiana.