354 Shares 2613 views

"Ogni creatura in coppia" – il significato di un'espressione stabile

Facciamo la nostra più importante fonte, la Bibbia (l'Antico Testamento), dove l'espressione "ogni creatura in coppia" viene usata per la prima volta (in un'altra traduzione, "ognuno"). È nell'Antico Testamento che possiamo leggere la parabola del diluvio mondiale che ha spazzato tutta la terra (Genesi, 7 ° capitolo). Solo Noè viene salvato, i giusti, e anche la sua famiglia. E, ovviamente, animali e uccelli – ogni creatura in coppia! Inoltre, Dio informa Noè in anticipo che un grande disastro è davanti a lui e il pensiero lo spinge a creare un'arca per conservare tutta la vita sulla terra. Così il Signore rivela il suo piano di nuovo ad un uomo che vive giusto e che rispetta le leggi di Dio. Tutto è stato detto al più piccolo dettaglio: fino ai disegni della nave, la sua lunghezza, larghezza, altezza, capacità.


Il comando e la punizione dell'Onnipotente

Inoltre, Dio dà la giusta istruzione: portare a bordo la nave un paio di animali "puliti" e "impuri" in un rapporto di sette a due – maschio e femmina, e anche – sette coppie di uccelli celesti "puliti" e due – "impuri"; Salva la razza e la tribù per tutta la terra. Dopo di che, il Signore versò la pioggia per terra per quaranta giorni e notti in una fila! Era una punizione a tutta l'umanità esistente al momento per i peccati gravi davanti a Dio e l'uno all'altro.

Ogni creatura per coppia

Noah fece come gli fu detto, raccogliendo vari tipi di animali e uccelli, portandoli a bordo della sua nave, il bene dell'arca era abbastanza capiente. Dopo l'inondazione, ogni coppia è stata chiamata a rianimare la vita nella manifestazione in cui lo stiamo osservando. Così è accaduto dopo. E "ogni creatura in coppia" – il significato di questa espressione – è rimasta invariata fino ad oggi!

Quanti animali hai inserito nell'arca?

Anche se molti atei insistono sul fatto che tanti animali (ogni creatura in coppia) non potevano fisicamente essere inseriti nell'Arca, ci sono certamente diverse risposte a questa domanda. In primo luogo, non dobbiamo scontare il fatto che un tale lavoro come la Bibbia non dovrebbe essere preso letteralmente. Per molti aspetti questo libro è di per sé metaforico. In secondo luogo, non tanti famosi "Mosè" (nello stesso Vecchio Testamento) hanno elencato molti generi di animali "puri". Inoltre, gli abitanti dell'oceano non rientravano in questi concetti, dal momento che potevano sopravvivere autonomamente nelle condizioni idriche. Anche le piante non sono state prese in considerazione. Quindi alla domanda di come adattarsi a ciascuna creatura nell'arca in coppia, la Bibbia dà una risposta positiva, anche se non tutta, accettabile: è possibile!

E un'altra domanda, non meno interessante

Ed era l'alluvione universale? Nella Bibbia, la frase "tutta la terra" viene talvolta interpretata come "l'intero mondo familiare (i giudei)". Così, dopo aver segnalato la fame nel tempo di Giacobbe, Mosè sostiene di regnare in tutta la terra (ma non ha significato tutte e cinque le parti del mondo)! Gli ebrei della Terra spesso chiamavano il cerchio di quei paesi che conoscevano. L'alluvione si verifica all'alba della storia umana, quando i luoghi dell'insediamento umano erano ancora piccoli, non così vasti. E per una completa "inondazione del mondo" non era necessario riempire quelle aree in cui la persona non era ancora ancora! Di conseguenza, Noè nella sua Arca doveva prendere tutte le diverse fauna terrestre, ma solo quegli abitanti che vivevano accanto a un uomo che "poteva essere raccolto in una settimana" (Genesi, 7).

Così il Diacono A. Kuraev, ad esempio, nel libro "Teologia della scuola" afferma che il miracolo non consiste tanto nella vastità e inclusività dell'alluvione. La cosa principale è che la persona è stata avvertita dal Signore e, di conseguenza, non è sfuggito al più astuto, più coraggioso, più forte, ma il più giusto.

E per divertimento e seriamente

Eppure l'espressione "ogni creatura in una coppia" è oggi determinata dalla composizione mista e miste del gruppo umano, della società, delle folle. Questa frase, ovviamente, è direttamente connessa alla stessa arca di Noè, dove un gran numero di incompatibili, a prima vista, sono stati raccolti in un unico luogo. L'espressione è usata per descrivere l'eterogeneità delle persone che si differenziano nei loro punti di vista, gusti, contraddittorie e raccolte in un determinato luogo. Ci sono anche in libertà di parola e ogni sorta di divertenti "alterazioni" e re-frasi di questa frase. Ad esempio, "in ogni coppia di una creatura" o "ogni creatura in una lepre". Che conferma solo la popolarità universale di questo antico, apparentemente espressivo, ma accuratamente testato dal tempo!