244 Shares 2003 views

martiri Alapayevsk. Giorno di tiro della famiglia reale. Canonizzazione e riabilitazione

Alapayevsk martiri chiamati otto persone (sei dei Romanov e dei loro due vicini), bolscevichi criminale ucciso 18 luglio 1918. Sono fratelli, principi del sangue imperiale Constantinovici (John Constantine e Igor), Vladimir Paley, Sergey Vladimirovich, la sorella dell'imperatrice Elizaveta Feodorovna e suora Varvara e l'assistente di uno dei principi Feodor Remez. Tutti loro sono stati privati della loro vita per la notte successiva dopo la sparatoria della famiglia reale di Nicola II.


Romanov dei collegamenti a Urali

Subito dopo l'avvento al potere, i bolscevichi cominciarono a isolare l'ex famiglia reale. Townsfolk è meglio conosciuto per il tragico destino di Nicola II, la moglie ei figli. Tuttavia, anche dopo due rivoluzioni in Russia è stato un sacco di famiglia Romanov e in aggiunta al monarca abdicato. Nei primi mesi del 1918, il governo sovietico sono confusi. Ha continuato la guerra con la Germania, e le truppe tedesche si stavano avvicinando le due capitali. In questa situazione allarmante, i leader bolscevichi hanno deciso di esiliato forzatamente Romanov nel paese, quindi non hanno potuto radunare una contro-rivoluzione.

Alla fine di marzo 1918 quasi tutti i martiri Alapayevsk sono stati inviati a Vyatka. Questi erano i principi Costantino, Giovanni e Igor Konstantinovich Vladimir Pavlovich e Sergei Mikhailovich. Presto tutti sono stati trasferiti a Ekaterinburg. Il destino degli esuli gestito l'Ural bolscevichi locale, che ha ricevuto istruzioni dirette da parte del governo di Mosca e Pietrogrado.

L'arresto della granduchessa

Nel maggio 1918, su ordine del Primo Trono Dzerzinskij fucilieri lettoni distacco e agenti di sicurezza aveva arrestato la granduchessa Elisabetta Feodorovna. Sorella dell'imperatrice Alexandra è stato arrestato in esso fonda il Convento di Marfo-Mariinsky. Elisabetta Feodorovna speso tutti i loro soldi sulla creazione del monastero dopo che il terrorista 1905 ha ucciso il marito – il granduca Sergej Aleksandrovic.

L'arresto è avvenuto il terzo giorno di Pasqua. Per mezz'ora prima del monastero Fucilieri lettoni è stata visitata dal neo-eletto Patriarch Tikhon. Ha cercato di ottenere il rilascio della granduchessa, però, nonostante tutto, Elisabetta Feodorovna con la sua assistente Varvara Yakovleva inviato a Ekaterinburg. Era l'ultimo soggiorno sulla libertà di rappresentante della ex casa regnante. Concentrandosi Romanov negli Urali era un'azione pianificata. La leadership bolscevica ha cercato di inviargli il presente in un unico luogo in modo che, se necessario, più facile da smaltire il destino dei membri della dinastia.

Modo per Alapaevsk

30 aprile Ekaterinburg ha portato Nicola II, sua moglie e una delle sue figlie, Mary. Due settimane più tardi sono arrivati in città gli altri membri della famiglia del monarca. I bolscevichi temevano troppo dei Romanov in città e ha deciso di reinsediare loro. Maggio 20 martiri Alapayevsk arrivato a Alapayevsk, è 146 chilometri da Ekaterinburg.

Nel 1918 è stata la città 10000th con 200 anni di storia. L'insediamento è stato uno dei primi nati della metallurgia Ural Pietro I. Alapaevsk era anche un po 'più vecchio Ekaterinburg. La maggior parte di tutto quello che sapeva del marchio ferro coperture, prodotta nello stabilimento locale. Città contattato la ferrovia Ekaterinburg e Nizhniy Tagil.

Telegrammi per Mosca

Exiles sono stati collocati nella scuola, alla periferia della città. Inizialmente, hanno goduto di una relativa libertà – poteva camminare su Alapaevsk, andare in chiesa, in modo da corrispondere e non preoccuparti per la loro sicurezza. Romanov spesso riposa nel giardino, rotto vicino alla scuola, dove gli piaceva bere il tè. Profondamente religiosa, granduchessa Elizaveta Fèdorovna pregava molto.

Gli uomini appartenevano alla sua posizione con una certo rilassamento. Soprattutto non si scoraggia giovani principi Constantinovici e Vladimir Paley. Allarme battuto solo Sergei Mikhailovich. Prima di inviare in Alapaevsk, ha inviato un telegramma al Lenin e Sverdlov nome scontenti. Nel messaggio il grande principe si lamentava del suo clima reumatismi e duro, chiedendo da tradurre al Vjatka e Vologda. Il suo telegramma è stato ignorato.

Scopri Helena Petrovna

Gli ultimi mesi della sua vita Alapayevsk martiri tenuti nell'edificio della scuola, che consisteva di due piccoli e quattro grandi camere. Hanno messo insieme un corridoio comune. Oltre ai Romanov, nella scuola sono stati immessi sul guardie duty tra l'Armata Rossa.

Camera d'angolo occupato da John K. e sua moglie Helena Petrovna. Era la figlia del re serbo Peter I. Dal momento che Helena Petrovna non era Romanova, i bolscevichi non arrestarla. Moglie è andato volontariamente in esilio dopo che il marito. Poco prima del bivio Alapayevsk tragedia, è andata a Mosca per implorare la liberazione dei Romanov.

7 luglio Helena Petrovna, è stato arrestato a Ekaterinburg. Il destino di suo marito, lei non è condivisa solo dal dell'ambasciata serba, leve diplomatiche sono collegati alla pressione del governo sovietico. Dopo la morte del marito Helena Petrovna psychoneurosis grado tornò a Mosca. Ben presto ha lasciato la Russia.

Il serraggio del regime di detenzione

La notte del 13 giugno 1918, i bolscevichi hanno ucciso Michael, che ha servito in collegamento Perm. Il massacro è stato coperto da un mito di cercare il fratello minore di Nicola II a fuggire. Presto eco evento Permiano e ottenuto agli altri Romanov. martiri Alapayevsk erano ulteriormente sotto sorveglianza. il loro regime di detenzione era un ordine di grandezza più dura. Romanov ha confiscato tutti i beni personali: i vestiti, soldi, oro. I prigionieri hanno lasciato solo vestito, set intercambiabili di biancheria intima e scarpe. Corrispondenza e passeggiata per la città sono stati vietati, razioni ridotte in modo significativo.

controlli a sorpresa sono diventati comuni. La posizione della dinastia dei Romanov nel Alapaevsk sviluppato lo stesso scenario negli ultimi giorni della vita di Mikhail Alexandrovich e Nicola II. Se prima le guardie si sono comportati abbastanza bene, ora è diventata dura e grossolana. Fino a questo punto con i grandi principi erano i loro lacchè, e Elisabetta Feodorovna è stata accompagnata da suore. Questa suite è stato ordinato di lasciare Alapaevsk.

Le riprese della famiglia di Nicola II

L'omicidio di Mikhail Alexandrovich fu il primo di una serie di omicidi dei Romanov, organizzata dai bolscevichi. Poco dopo la morte del Granduca venne il giorno dell'esecuzione della famiglia reale. Nicola II e la sua famiglia sono stati tenuti in casa Ipatiev. Nella notte del 17 luglio 1918 La famiglia imperiale è stato inviato al seminterrato, dove il plotone di esecuzione ha aperto il fuoco su di esso. Prima di allora, il comandante Yakov Yurovsky aveva letto la sentenza di morte. Con ricordi frammentati della scena, Nikolai riuscì solo a chiedere: "Cosa?" O "A" Re non capiva cosa stava succedendo, e un attimo dopo Yurovsky ha dato il comando, e rasstrelschiki ha aperto il fuoco.

i bambini Romanov sono stati uccisi in una sola volta. Si ritiene che questi morì zarevic Alessio. I dipendenti Cheka per una maggiore fiducia per perseguire le loro vittime con le loro baionette. Anche prima della sparatoria a casa Ipatiev ha guidato un camion appositamente preparato, in cui il corpo e caricato. Sono stati sepolti al di fuori della città. Quella notte Alapayevsk martiri erano ancora vivi. La decisione sul loro destino, i bolscevichi ha preso il giorno successivo.

Omicidio presso la miniera

Granduchi non sapeva dell'omicidio di Mikhail Alexandrovich e suo fratello maggiore. Giorno di tiro della famiglia reale in Alapaevsk era, come al solito. Nella notte del 18 luglio per l'edificio scolastico, che conteneva i Romanov arrivata gente, ha dichiarato l'urgenza di andare in un luogo sicuro a causa della minaccia di attacco aereo (guerra civile). Le donne hanno fatto tutto abbiamo chiesto di loro. Romanov mani legate e gli occhi bendati. Per esuli preparato carrelli speciali. In compagnia di uomini non tutto è andato così liscio. Duke Sergei Mikhailovich rifiutò di obbedire. E 'stato colpito al braccio e lo costrinse in carrozza. Brothers Constantinovici e resistenza Vladimir Paley non è previsto.

I carrelli con i Romanov sono andati fuori città. Mettere le loro fermate era la miniera fatale Lower Selimskaja. detenuti correlate hanno portato alla discesa in una delle miniere abbandonate. Ulteriore interpretazione degli eventi divergono. Secondo una versione, il Romanov è stato ucciso e gettato in faccia già morto. D'altra parte, i prigionieri storditi un'ascia e poi spinto verso l'abisso. E 'noto che la miniera ha gettato granate. Dopo di che, il buco riempito con i registri e ricoperto di terra.

indagini Kolchak

Le circostanze della morte del Romanov (e la mia in Alapaevsk, e nella casa Ipatiev) sono noti per il bianco, brevemente impostare la potenza negli Urali durante la guerra civile. Nel mese di ottobre 1918, i bolscevichi hanno perso il controllo di Ekaterinburg. Alla morte della famiglia reale sono stati perseguiti. L'ammiraglio Alexander Kolchak ha preso l'indagine sotto il suo controllo personale.

Presto riuscito a trovare i partecipanti del delitto nei pressi di Alapaevsk. Uno di loro era un bolscevico Vasily Ryabov, che ha dato la preziosa testimonianza alle indagini. Fossa scavata. Lo stato dei corpi ha mostrato che non tutti i martiri della Alapaevsk miei sono morti immediatamente. Così, il corpo Vladimira Paleya soggiornato in posizione seduta. Il principe John K. è stato bendato parte soggolo Elisabetta Feodorovna. Inoltre, nei villaggi circostanti per lungo tempo si vociferava che dopo il massacro nella zona miniera abbandonata poteva sentire i suoni attutiti di preghiere.

Il mito del rapimento dei principi

Ural bolscevichi ha deciso di coprire il suo crimine un'iniezione di disinformazione. Il giorno successivo dopo aver saltato il duca Konstantin Romanov e gli altri, in tutto l'Alapaevsk riportato rapimento di Bianchi esiliati. La stessa versione è stata protetta in un telegramma inviato dal comitato esecutivo locale a Yekaterinburg.

Sulla base di queste informazioni si è basata messaggio Sverdlov, Uritskij e Zinoviev. Subito dopo la gerarchia bolscevica formulato la posizione ufficiale dell'incidente. E 'stato riferito che i Bianchi non solo hanno rubato i Romanov, ma anche ucciso una delle guardie. Per drammatizzazioni visivi sulla scuola lasciato il cadavere di uno sconosciuto, che fino a qualche tempo mentito nella camera mortuaria. Dopo la "scomparsa" del Romanov Armata Rossa ad un piano predefinito, hanno aperto il fuoco e hanno dato l'allarme, simulando Bianchi attacco. Un mese dopo le autorità sovietiche svolte un'indagine di questo episodio, che, naturalmente, senza alcun risultato.

Il destino dei resti

Nel mese di giugno 1919 l'Armata Rossa ha lanciato una controffensiva su Ekaterinburg. La Chiesa ortodossa russa ha deciso di inviare bare trovati nelle resti della miniera di alapayevskoy Romanov a est. Quando divenne chiaro che la guerra civile è stato perso, sono stati spostati in Cina. Bare sepolte nel tempio di Pechino. Dopo la seconda guerra mondiale per potere in Cina è venuto ai comunisti. Rettore murato rimane in modo che le loro tracce sono state completamente perduti. templi cinesi della Chiesa ortodossa russa furono presto distrutte. Anche in epoca moderna, esperti russi appositamente venuto a Pechino per trovare i resti dei Romanov, ma tutti i tentativi conclusi nel nulla.

Durante la vita di Elisabetta Feodorovna ha detto che voleva essere sepolto in Terra Santa. Pertanto, nel 1920, i suoi resti volato da Pechino a Palestina. Au Grand Duchessa – Martire Nun Varvara – anche guadagnato l'ultimo pace a Gerusalemme.

canonizzazione

Nel 1981 è morto in una miniera vicino Alapaevsk sono stati canonizzati dalla Chiesa ortodossa russa all'estero. Per lungo tempo c'è stata una domanda su una procedura simile in patria. Chiesa ortodossa russa ha canonizzato solo due martiri Alapayevsk (Elizavetu Fedorovnu e monaca Varvara). La canonizzazione ha avuto luogo nel 1992, dopo il crollo dell'Unione Sovietica.

reinserimento

In seguito il punto di vista ufficiale dell'Unione Sovietica per quanto riguarda il destino dei Romanov è stato ucciso che la loro morte è stata il risultato di arbitrarietà dei bolscevichi Urali e lavoratori. Il governo sovietico tutta la sua esistenza, ha rifiutato di riconoscere il fatto che l'omicidio in Alapaevsk, Perm e Ekaterinburg sono state avviate al vertice del governo. La ricerca moderna e la divulgazione dei documenti hanno mostrato che il problema è stato risolto Romanov personalmente da Lenin e Sverdlov.

Il principe Igor K. e altri uccisi nei pressi Alapaevsk lungo tempo non sono stati riabilitati. Il processo di ritorno della loro reputazione è iniziata quando il capo della Casa dei Romanov Maria Vladimirovna, ha presentato una domanda alla Segreteria della Federazione Russa del Procuratore Generale. Una decisione formale sulla riabilitazione è stata fatta dall'agenzia 8 Giugno 2009. La relazione del procuratore generale ha osservato che i Romanov e la loro approssimativa Ceka divennero vittime di reati.