199 Shares 8842 views

Andrei Bely è un poeta russo, scrittore, critico. Biografia di Andrei Bely, creatività

La biografia di Andrei Bely per tutte le sue contraddizioni è un innegabile riflesso di quell'epoca cruciale, che ha rappresentato una parte significativa della vita di questo straordinario pensatore e di una persona versatile dotata. La letteratura russa del primo Novecento, e soprattutto la poesia, non si può immaginare senza di essa. Andrei Bely, la cui breve biografia può solo dare un'impressione molto superficiale del suo posto e significato nel contesto culturale generale dell'epoca, era costantemente al centro della turbolente turbolenza della vita pubblica russa. E una premonizione di grandi cambiamenti si avvicinava alla Russia all'inizio del ventesimo secolo . Oggi nessuno nega il fatto ben noto che l'intera cultura russa di questo periodo è in qualche misura permeata da un presentimento di future guerre e rivoluzioni.


Andrei Bely. Biografia. Cosa lo ha determinato

Non è così raro incontrare il fatto che gli pseudonimi creativi crescano così strettamente per i loro supporti che nessuno ricorda che questi nomi sono fittizi. Qui e il poeta Andrei Bely ha sentito, se non tutti, poi molti. Ma il fatto che questo sia solo il suo pseudonimo, poche persone vengono in mente. Boris Nikolayevich Bugaev – tale è il suo vero nome, patronimo e cognome – è nato il 26 ottobre 1880 nella famiglia di un professore presso l'Università di Mosca. Non sarà una grande esagerazione affermare che questa circostanza ha per molti versi predeterminato la vita futura del futuro noto scrittore. La biografia di Andrei Bely ha iniziato nel centro di Mosca. Appartamento sul Arbat, dove era destinato a vivere per circa un quarto di secolo, oggi ha lo status di un memoriale.

Università di Mosca

Lo stato di questa istituzione non è mai stato interrogato, nell'Impero russo era per primo in tutti i sensi. Boris Bugaev ha studiato presso la Facoltà di Fisica e Matematica, ma le scienze più naturali sono state interessate alle sue questioni di cultura, letteratura, estetica, filosofia, mistica e occultismo. Pertanto, dopo aver conseguito il corso, è entrato nella Facoltà di Storia e Filologia della stessa Università di Mosca. Era nei suoi giorni studenteschi che il percorso verso una grande letteratura iniziò per lui. L'ambiente intellettuale in cui una persona deve sviluppare è spesso cruciale e determina tutta la sua vita futura. E il cerchio di futuri temi poetici è emerso proprio in questi anni.

Alexander Blok

Forse non sarà una grande esagerazione affermare che la biografia letteraria di Andrei Bely inizia con la conoscenza e con la corrispondenza con il grande poeta simbolista russo. Cioè, anche prima dell'incontro con Blok è stato incluso nei circoli della più alta boema artistica di entrambi i capitali dell'impero russo. Anche lo pseudonimo noto lo ha aiutato a trovare il famoso filosofo russo MS Solovyov. Ma solo Alexander Blok riuscì a distinguere e sentire in Andrei Bely un compagno uguale e per molti versi un concorrente. Poi per molti anni erano legati dalle bizzarre relazioni di amicizia e di inimicizia. Andrei Bely (poeta) è in costante concorrenza con il genio della poesia russa. E con un grande uomo si può competere solo in termini uguali. Ma la biografia di Andrei Bely sarà incompleta, per non parlare del suo rapporto con la moglie Alexander Blok, Lyubov Dmitrievna Mendeleeva. C'era di più di loro una semplice conoscenza. E questo triangolo d'amore complicava notevolmente i rapporti tra i due poeti. Ma, naturalmente, si riflettono sul loro lavoro.

all'estero

Partenza da Russia è stato un tentativo del poeta di allontanarsi dal cerchio stabilito della comunicazione e di scoprire nuovi orizzonti per la creatività. E, naturalmente, mettere fine alla prolungata relazione ambigua con Alexander Blok e sua moglie. Il viaggio in Europa ha impiegato più di due anni. Questo periodo del lavoro del poeta era molto fruttuoso. I versi furono spesso dedicati e indirizzati al cerchio di comunicazione lasciato in Russia, tra cui Blok e Mendeleev. Dopo il ritorno dall'Europa, il poeta concorda con A. Turgeneva (registreranno ufficialmente il matrimonio solo cinque anni dopo) e ritorneranno all'estero. Questa volta in un'altra direzione – attraverso la Sicilia in Palestina, Egitto e Tunisia. Tornerà in Russia solo all'altezza della guerra, poco prima della rivoluzione.

Cambiamento delle epoche storiche

Andrei Bely, la cui biografia e creatività sono abbastanza lontane dalla vita quotidiana e, soprattutto, dalla politica, non possono che riflettere nelle sue opere poetiche e articoli critici la crescente turbolenza della vita pubblica e il cataclisma che sta avvicinando alla Russia. Il poeta non può fare altrimenti, anche se pretende che nulla di ciò che sta accadendo intorno a lui ha nulla a che fare con esso. E non era solo. Il tema della catastrofe imminente era uno degli elementi dominanti dell'arte russa. La gamma della sua percezione si inserisce nel divario tra orrore e estasi. Alcune persone hanno visto la rivoluzione come fine del mondo, e altri lo hanno percepito come l'inizio di un nuovo mondo. Entrambi erano proprio a proprio modo. Nella storia della letteratura russa, Andrei Bely è entrato come uno dei rappresentanti più luminosi del simbolismo. Le sue prime collezioni di poesia "Gold in Azure", "Ashes", "Urn" e il romanzo "The Silver Dove" diventano i suoi classici. Al limite della polemica, i suoi saggi su Tolstoj e Dostoevskij erano rilevanti. Il suo romanzo "Petersburg" ha avuto un'ampia popolarità tra il pubblico educato. Il Perù di Andrei Bely appartiene a una serie di articoli giornalistici del periodo della prima guerra mondiale.

Dopo la rivoluzione

Nella storia della Russia nel ventesimo secolo, è arrivato un momento in cui l'inevitabile catastrofe divenne un fatto compiuto. Percepito dai poeti simbolici, uno dei rappresentanti più brillanti di Andrei Bely, come una imminente inevitabilità, la rivoluzione divenne un legittimo avvenire quotidiano. Insieme al sistema sociale è stato sostituito un intero paradigma della visione del mondo dell'intelligentia russa. Prima di molti "coltelli alla gola" è sorta la questione se è possibile vivere in un paese che non è stato chiamato tanto tempo dall'Impero Russo? La biografia di Andrei Bely di questo periodo post-rivoluzionario è caotica e contraddittoria. Il poeta vuole oscillare in diverse direzioni, anche riesce a viaggiare all'estero, che in quei giorni era piuttosto difficile. Esso dura molto tempo. Ma finisce i suoi giorni nell'Unione Sovietica. Morì l'8 gennaio 1934 e fu sepolto al cimitero di Novodevichy a Mosca. È impossibile chiamare il fervido periodo sovietico del lavoro creativo di Andrei Bely, anche con grande desiderio. Il simbolismo, come molte altre scuole e fenomeni poetici, rimase dall'altra parte della rivoluzione. Durante questi anni il poeta cerca di lavorare e molto di lui. Ma molti dei suoi romanzi e molte opere letterarie non hanno più avuto il loro successo passato. Per la letteratura sovietica Andrei Bely non è altro che un frammento di un'epoca passata.