369 Shares 8305 views

Dei giapponesi e demoni. dei giapponesi di felicità, buona fortuna, la morte e la guerra

Terra del Sol Levante – Giappone – si culturalmente a parte il resto del mondo. Essendo un territorio relativamente piccolo, il Giappone è riuscito a creare il suo stile unico, la sua tradizione, non solo simile, non solo in Occidente, ma anche nelle vicine stati orientali. Fino ad ora, per il gran numero di persone che un mistero è una tradizione religiosa dei giapponesi e gli dei giapponesi.


Il mondo religioso del Giappone

Pittura religiosa in Giappone è costituita principalmente da due componenti – buddismo e shintoismo. Se il primo di questi lettori di lingua russa qualcos'altro può essere conosciuto, il tradizionale giapponese Shinto è spesso un completo mistero. Ed è proprio da questa tradizione provengono quasi tutti tradizionalmente venerato dei e demoni giapponesi.

Si dice che il Buddismo formale e shintoismo si associa con la stragrande maggioranza della popolazione del Giappone – fino a che il novanta per cento più, secondo alcuni studi. E quasi tutti in una volta professano due religioni. Questa è una caratteristica della religione giapponese – tende ad essere fusione sincretica di diverse tradizioni, combinando i vari elementi sia pratica e dottrina. Ad esempio, gli dei giapponesi derivati da Shinto sono state percepite metafisica buddhista, onorando li hanno continuato nel contesto religioso buddista.

Shinto – la via degli dei

E 'necessario raccontare brevemente le tradizioni che hanno dato vita al pantheon giapponese degli dei. Il primo di questi, naturalmente, è lo Shinto, che significa "via degli dei". La sua storia va indietro nella storia fino ad ora, che oggi è impossibile stabilire in modo inequivocabile qualsiasi momento, né la natura della sua origine. L'unica cosa che si può dire con assoluta certezza – è che Shinto originato e sviluppato in Giappone, pur rimanendo la tradizione inviolabile e unica, fino all'espansione buddista, non ha avuto alcun impatto su se stessa. mitologia shintoista è molto particolare, culto unico e visione del mondo molto difficile per una comprensione più profonda.

In generale, Shinto centrato sul culto del kami – l'anima o qualche essenza spirituale dei vari esseri, fenomeni naturali, luoghi e non-viventi (nel senso europeo) le cose. Cami potrebbe essere dannoso e simpatico più o meno forte. Tipo di spiriti guardiani o kami città troppo. Questo, così come il culto degli spiriti ancestrali è simile ad un tradizionale animismo Shinto e sciamanesimo, insita in quasi tutte le culture e religioni pagane in una certa fase della formazione. Kami – una divinità giapponesi. I loro nomi sono spesso molto complesse e, a volte molto voluminosa – fino a un paio di righe di testo.

buddismo giapponese

La dottrina del principe indiano in Giappone ha trovato terreno fertile e la radice profondamente preso. Dal VI secolo, quando il Buddismo entrò in Giappone, ha trovato molti clienti a fronte di aristocratici potenti e influenti della società giapponese. Ma dopo trecento anni è stato in grado di raggiungere la posizione di una religione di Stato.

Per sua natura, il buddhismo giapponese non è uniforme, non un singolo sistema o di una scuola, ma divisa in molte sette differenti. Ma è ancora possibile postulare il coinvolgimento della maggior parte di loro alla direzione del Buddismo Zen.

Storicamente, il buddismo si caratterizza per l'integrazione religiosa. In altre parole, se, ad esempio, cristiana o islamica missione suggerisce che i credenti di una religione per passare a un altro, poi il buddismo non entra in questo tipo di confronto. Molto spesso, le pratiche buddiste e gli insegnamenti di denaro versando in culto, il riempimento, buddiziruya esso. Questo è successo con l'induismo in India, la religione del Bon in Tibet e molte altre scuole religiose, tra cui lo shintoismo in Giappone. Oggi, quindi, è difficile rispondere in modo inequivocabile che rappresentano dei e demoni giapponesi – se Bodhisattva buddisti, o spiriti della natura pagani.

Effetto sulla buddhista Shinto

Dalla metà del primo millennio, e soprattutto dal IX secolo, lo shintoismo è stata fortemente influenzata Buddismo. Questo ha portato al fatto che il primo kami si rivolse al Buddismo difensori spiriti. Alcuni di loro si sono fusi con il santo buddhista, e in seguito è stata proclamata la dottrina che anche i kami bisognoso di salvezza attraverso il sentiero della pratica buddista. Per lo shintoismo è idee non convenzionali – da tempo immemorabile non esisteva il concetto di salvezza, peccato. Non c'era nemmeno una corretta presentazione del bene e del male. Servire il kami, gli dei hanno portato il mondo all'armonia, alla bellezza, alla consapevolezza e lo sviluppo dell'uomo, se stesso, la comunicazione spirituale con gli dei, di decidere ciò che è bene e cosa è male in ogni situazione. L'incoerenza interna delle due tradizioni portato a quello che sembrava il movimento abbastanza presto per la purificazione dei prestiti Shinto buddisti. I tentativi di ricostruire la tradizione originale si è conclusa con il cosiddetto restauro dell'imperatore Meiji nel XIX secolo, che ha diviso il buddismo e shintoismo.

Supreme dei giapponesi

mitologia giapponese include molte storie sulle gesta degli dei. Il primo di essi c'era un gruppo di tre kami chiamato Takamagahara. Si trio sintoistkaya incluso il dio supremo di Ame-no Minakanusi no Kami, la potenza di Dio Takamimusuhi-kami e la nascita del dio Kamimusuhi-kami. Con la nascita del cielo e della terra per lui di aggiungere due Kami – Umasi Ashikabi Hikoyi-kami e Ame, ma Tokotati-kami. Questa divinità Pyateritsa chiamati kotoamatsukami e venerato in Shinto come una sorta di suprema kami. Sotto di loro si trovano gli dei giapponesi iererahii, il cui elenco è in realtà infinita. Su questo tema nel folklore giapponese, c'è anche un detto che "il Giappone – un paese di otto milioni di dei."

Izanagi e Izanami

Subito dopo la kotoamatsukami seguito da sette generazioni di Kami, di cui il più venerato ultimi due – coppia Izanagi e Izanami, che è accreditato con la creazione di Oyasima – isole giapponesi. Sono stati i primi del Kami, che ha avuto la capacità di dare vita a nuove divinità e ha dato alla luce un sacco di loro.

Izanami – la dea della vita e della morte

Tutti i fenomeni del mondo sono soggetti alla kami. E le cose materiali e fenomeni immateriali – il tutto gestito da divinità giapponesi influenti. La morte si concentra anche su un certo numero di caratteri giapponesi nel divino. Ad esempio, una leggenda interessante, che racconta la storia della comparsa della morte del mondo. Secondo lei, Izanami morì dando alla luce il suo ultimo figlio – dio del fuoco kagutsuchi – e si è trasferito negli inferi. Izanagi la seguì giù, trovare, e anche convinto a tornare. Moglie chiede solo circa la possibilità di un periodo di riposo prima del viaggio e rimosso la camera da letto, chiedendogli di non disturbare il marito. Izanagi viola richiesta e ritrova a letto un corpo brutto decomposto del suo ex amante. Inorridito, corre al piano di sopra, riempito l'ingresso con le pietre. Izanami, infuriato in modo da agire marito giura che si vendicherà su di lui, assumendo un migliaio di anime umane nel suo regno su base giornaliera. Così, ironicamente, i giapponesi dei della morte iniziano la loro dinastia con la dea madre, la grande kami, ha dato a tutta la vita. Izanagi si tornò al suo posto e andò purificazione rituale dopo aver visitato il mondo dei morti.

Dei giapponesi di guerra

Quando Izanami morì dando alla luce il suo ultimo figlio, Izanagi è andato su tutte le furie e lo uccise. mito Shinto dice che, di conseguenza, è venuto alla luce un paio di kami. Uno di loro era Takemikadzuti – il dio della spada. Probabilmente, è stato il primo, con il quale ha avuto origine gli dei giapponesi di guerra. Takemikadzuti, tuttavia, non è percepita come un guerriero. Egli è stato strettamente associato con la spada e incarna il significato sacro, che rappresenta, per così dire, l'anima della spada, la sua idea. E di conseguenza, Takemikadzuti contattato guerre. A seguito di Takemikadzuti kami relative a lotte e battaglie, è il dio Hachiman. Questo carattere opere di vecchi soldati frequentati. C'era una volta, nel Medioevo, è anche venerato come patrono dei samurai Clan Minamoto. Poi la sua popolarità è aumentata, ha iniziato a patrocinare la classe dei samurai nel suo insieme, allo stesso tempo, che occupa un posto di rilievo nel pantheon shintoista. Inoltre, Hachiman ha agito in qualità di custode della fortezza imperiale e l'imperatore insieme alla sua famiglia.

Patroni di felicità e fortuna

dei giapponesi di felicità costituiscono un gruppo di sette kami chiamato Sitifukudzin. Origine sono abbastanza tardi e sono le immagini elaborate da uno dei monaci sul materiale di buddisti e taoisti divinità in una miscela di leggende tradizionali giapponesi. In realtà, gli dei giapponesi di buona fortuna – solo Daikoku e Ebisu. Gli altri cinque sono importati o introdotti dall'esterno, anche se perfettamente abituato alla cultura giapponese. Oggi, ognuno dei sette ha la propria sfera di responsabilità e di influenza.

dea del sole

Non si può dire di uno dei più importanti rappresentanti della mitologia giapponese – la dea del sole Amaterasu. Il sole ha sempre occupato una posizione di rilievo nella religione dell'umanità, perché è organicamente collegata con la vita, la luce, il calore, il raccolto. In Giappone, per questo è stata aggiunta la convinzione che l'imperatore è letteralmente un discendente diretto della dea.

Amaterasu emerse dalla occhio sinistro del Izanagi nel momento in cui si è esibito il suo bagno purificatore. Insieme con lei è venuto alla luce un paio di kami. Ma due di loro occupano un posto speciale. In primo luogo, Tsukuyomi – dio della luna, nato dell'altro occhio. In secondo luogo, Susanoo – dio del vento e del mare. Pertanto, ciascuno dei trio ricevuto la loro eredità. Ulteriori miti raccontano Susanoo esilio. Dei giapponesi lo bandì per una serie di gravi mancanze in relazione alla sua sorella e il padre.

Amaterasu è anche venerato come patrono dell'agricoltura e della seta di produzione. E in tempi più recenti si venne identificato con venerato in Giappone Buddha Vairochana. Amaterasu in realtà erano a capo del pantheon giapponese.