471 Shares 6038 views

Libano: religione e politica – sistema confessionale

La religione ha sempre avuto un ruolo chiave nel sistema politico delle potenze mondiali. Ma se l'Occidente ha per decenni la religione sta rapidamente perdendo la sua influenza su tutti i processi che si svolgono nella struttura della società, in Oriente è impossibile immaginare una tale separazione dello Stato dalla credenze religiose. Particolarmente distintivo a questo proposito, il Libano. La religione in questo paese fortemente associato con tutti i processi politici, e colpisce direttamente il ramo legislativo. Molti scienziati chiamati Libia "un patchwork", che è tessuto da diverse fedi e confessioni.


Che la religione in Libano?

Se non approfondire i dettagli e prendere in considerazione la questione religiosa in termini di fatti asciutti, secondo gli ultimi dati, la popolazione del Libano, circa il sessanta per cento dei musulmani, trentanove per cento dei cristiani, e solo poco più di un per cento del popolo libanese professa altre religioni.

Sembra che questa immagine non si discosta dal solito equilibrio del potere in Medio Oriente. Ma la religione del Libano è in realtà una struttura molto più complessa e multi-layered, che è quello di parlare in modo più dettagliato.

Il Libano, la religione: il contesto storico della formazione di Stato multiconfessionale

Nonostante il fatto che i movimenti religiosi del paese, una quantità sorprendente, il novanta per cento della popolazione è costituito da arabi. Il restante dieci per cento – tappeto colorato dei greci, persiani, armeni, e di altre nazionalità. Queste differenze mai impedito alla popolazione libanese di coesistere pacificamente, soprattutto perché tutti hanno la stessa lingua. Molti libanesi parlano francese molto bene e sono ben istruiti. Tutto questo è possibile creare uno stato speciale che rispetta i diritti di tutte le fedi religiose.

Va notato che la tolleranza di altre fedi sono sempre stati presenti nel sangue dei libanesi. Inizialmente, molti residenti si sono identificati ai Gentili. In tutto il Libano storici sono numerosi santuari e templi dedicati a vari culti. Il più comune è la divinità che era venuto dalla Grecia. Numerosi conquista musulmana della Libia ed europei cristiani erano in grado di cambiare le tradizioni culturali del paese. Ogni volta che una nuova religione è stata sovrapposta credenze del passato e con successo assimilato nella cultura del Libano. Di conseguenza, la popolazione del paese di aderire assolutamente a qualsiasi religione, che è più coerente con le preferenze di una o un'altra comunità.

Entro la metà del XX secolo la religione in Libano penetrato tutte le sfere della vita pubblica e, si potrebbe dire, ha formato un sistema politico del dispositivo, che non ha analoghi in tutto il mondo. La maggior parte dei politici credono che la loro durata e la produttività del modello politico del paese deve la stretta relazione, che può essere rappresentato come una simbiosi di "libanese cultura – religione Libano". Fornisce interoperabilità tra tutte le religioni e l'adozione degli atti legislativi, tenendo conto degli interessi di tutte le comunità religiose.

confessioni religiose in Libano

Musulmani e cristiani non costituiscono una singola struttura nel paese. Ogni religione è diviso in numerose tendenze, rappresentati dai loro capi religiosi, di guidare le comunità.

Ad esempio, i musulmani sono rappresentati principalmente sunniti e sciiti. Esse costituiscono le più influenti, e tra i musulmani possono essere identificati alawita e drusi. Cristiani libanesi professano una particolare direzione, che chiamano se stessi i maroni. Questo movimento religioso è emerso alla fine del XV secolo, i suoi seguaci hanno vissuto nella regione montagnosa, e con attenzione custoditi la sua identità per secoli. Anche l'influenza del Vaticano è riuscito a rompere i maroni, hanno mantenuto le loro tradizioni e rituali. Oltre ai maroniti che vivono nel paese ortodossi, cattolici, protestanti e giacobiti. Un bel paio di cristiani fra i rappresentanti della Chiesa armena.

sistema confessionale del governo

Come abbiamo visto, non c'è nessun altro come ad un paese vario come il Libano. La religione, più precisamente, la sua diversità, ha spinto molte comunità a cercare modi per comunicare e compromessi. Di conseguenza, nel 1943 il leader religioso del Libano hanno firmato un "patto nazionale", che definisce un sistema di struttura politica del paese come un confessionalismo. Secondo questo documento, ogni confessione dovrebbe avere un effetto sul l'adozione di leggi, in modo che il numero di seggi in Parlamento è strettamente regolamentato per ogni movimento religioso.

Molti analisti politici ritengono che il sistema prima o poi distruggere il Libano. La religione, secondo gli esperti, non può incidere in modo significativo la politica interna ed estera dello Stato. Ma mentre la paura e politici degli analisti previsioni non giustificate, il confessionalismo saldamente radicata nella vita dei comuni cittadini libanesi.

Come la religione influenza la distribuzione dei seggi nel parlamento libanese?

Con decisione dei capi delle comunità religiose, la carica di capo persone dello stato dovrebbe prendere i membri delle più numerose denominazioni (secondo l'ultimo censimento). Così ora in Libano, il presidente è un maronita, in qualità di relatore il primo ministro e il parlamento dato sunniti e sciiti. In Parlamento, cristiani e musulmani dovrebbero avere sessantaquattro posti. Essa assicura l'uguaglianza di tutte le tendenze, disegna interessi non sono lasciati incustoditi quando si considera nuove leggi.

Libano: religione ufficiale

Dopo tutto quello che hai sentito la domanda può sorgere circa la religione ufficiale del Libano. Ciò che è davvero? La risposta a questa domanda è la caratteristica più evidente e sorprendente del paese: in Libano non ha alcuna religione ufficiale. Mentre in legge stabilisce che lo Stato non appartiene alla categoria della secolare.

Si scopre che in un paese dove le confessioni religiose occupano un posto così importante, nessuno ha identificato la religione ufficiale.