362 Shares 7170 views

Ibsen "Casa di bambola", o "Nora"

A cavallo dei secoli 19 e 20, quando quasi tutti i paesi v'è una grave, eventi fatali, è nato dal genio della famiglia Ibsen scrittore. "Casa di bambola" – un lavoro di questo autore, noto anche come "Nora", riflette lo spirito del tempo: i pensieri ribelli, i dubbi, dilemmi morali, cercando di salvare un volto umano, anche nelle situazioni più difficili e controversi.


Molti scrittori del 20esimo secolo riflettuto tali problemi, sentire il vento del cambiamento e importanti eventi imminenti. La gente comune, anche vissuto un difficile periodo di metamorfosi e fatiscenti fondazioni, e le risposte che cercavamo in AMD, uno dei quali è un prodotto di "Casa di bambola". Henrik Ibsen appartiene alla drammaturgo della vecchia scuola, e il suo lavoro è molto organico e semplice flusso della carta sul palco e nella bocca degli attori, così ha preso un sacco di popolarità come l'autore del gioco, diventando in tutto il mondo. In Russia, durante il periodo del suo lavoro collocato principalmente nel Teatro d'Arte di Mosca.

Quindi, che tipo di problemi evidenzia Ibsen "Casa di bambola", che è così palpabile, e di psicologico, che ogni lettore può trovare negli eroi del gioco di se stessi? Devono fare riferimento alla biografia dello scrittore. Il drammaturgo era un vero uomo nel senso classico del termine: una poppa, riservato, onesto, di principio, in grado di sacrificarsi, se le circostanze lo richiedevano. Un elemento cruciale per la società che considerava l'istituzione del matrimonio e della famiglia nel suo complesso, si tratta di una questione di felicità coniugale occupato scrittore. E il primo che non ha esitato a sottolineare i momenti piuttosto personali e profondi nella vita di marito e moglie, che in precedenza erano considerate private, è diventato Henrik Ibsen.

"Casa di bambola" – opera da camera con un piccolo numero di caratteri. Antagonista è una donna di nome Nora, la moglie e la madre dei bambini, abituati a vedere il significato dell'esistenza nella famiglia e il mantenimento di una casa. Ma la sua vita non è un tale onere, perché ama veramente e figli, e suo marito, e tutto andrebbe bene, se non un oscuro segreto. Quando Torvald, il marito di Nora si è ammalato, ha dovuto prendere in prestito denaro in un futuro non troppo pulito nella mano di un uomo che dichiara di colpo e inizia a ricattare la donna. Usuraio vuole prendere il posto in banca dove lavora Torvald, e l'invio di lettere minatorie, una delle quali è su ciò che non sanno il mio marito prima. Era così sconvolto ha rivelato la verità che accusa la moglie di barare, come se lei è un vero criminale – teme per la sua carriera, ha paura di scandalo e non cerca di risparmiare i sentimenti della moglie. Si tratta del fatto che Torvald sta minacciando di togliere il diritto della moglie di educare i propri figli. Quando passioni raggiungono il culmine, l'usuraio abbandona improvvisamente le sue pretese, il pensiero che esige troppo dalla donna spaventata.

Ma se il gioco è finito, quindi non era Ibsen. "Casa di bambola" chiude le sue persiane dietro la quale il vero dramma si svolge. Torvald felice che il ricattatore non sarà più impedirgli di condurre una vita normale e vivere come se nulla fosse accaduto. Ma Nora non poteva dimenticare il comportamento di suo marito e di perdonarlo. Lei capisce che ha costruito un castello in aria su una menzogna, ed ora cade a pezzi sotto i nostri occhi, perché si è scoperto che il sacrificio non significa nulla in confronto con il dovere di essere moglie "corretta". Una donna decide di lasciare la casa e pronuncia la fatidica e scioccante per il tempo delle parole che lei, prima di tutto, un uomo, non una madre o una moglie. Così Henrik Ibsen proclama la tesi di un nuovo tempo che le tradizioni hanno bisogno di farsi da parte, che la gente ha bisogno di vivere in modo diverso, e le donne – di essere membri uguali della società.