762 Shares 6237 views

Ossido di cromo

Diversi composti chimici, composti da due elementi semplici – Cr e O, – appartengono alla classe di composti inorganici – ossidi. Il loro nome comune è l'ossido di cromo, quindi tra parentesi si accetta di indicare la valenza del metallo in numeri romani. Altri nomi e formule chimiche:


  • Cromo (II) ossido – ossido di cromo, CrO;
  • Cromo (III) ossido – verdi di cromo, sesquioxido di cromo, Cr2O3;
  • Ossido di cromo (IV) – ossido di cromo, CrO2;
  • Cromo (VI) ossido – anidride cromica, triossido di cromo, CrO3.

Un composto in cui il metallo è esavalente ed è il più alto ossido di cromo. Questa sostanza solida è inodore, in apparenza è cristalli rossi scuri (nell'aria si diffondono a causa di una forte igroscopicità). La massa molare è di 99,99 g / mol. La densità a 20 ° C è pari a 2,70 g / cm³. Il punto di fusione è 197 ° C e il punto di ebollizione è di 251 ° C. A 0 ° C, 61,7 g / 100 si dissolve in acqua, 63 g / 100 ml a 25 ° C e 67,45 g / 100 ml a 100 ° C L'ossido si scioglie anche in acido solforico (una miscela di cromo utilizzata nella pratica di laboratorio per il lavaggio di piatti chimici) e acido nitrico, alcool etilico, etere etilico, acido acetico, acetone. A 450 ° C si decompone a Cr2O3.

L'ossido di cromo (VI) viene utilizzato nel processo di elettrolisi (per la produzione di cromo puro), per la cromatura di prodotti galvanizzati, in cromo elettrolitico, come un forte ossidatore (per la produzione di indaco e isatina). L'ossido di cromo più alto viene utilizzato per rilevare alcool nell'aria espirata. La reazione procede secondo lo schema: 4CrO3 + 6H2SO4 + 3C2H5OH → 2Cr2 (SO4) 3 + 3CH3COOH + 9H2O. Per la presenza di alcool indica un cambiamento nel colore della soluzione (acquisisce un colore verde).

L'ossido di cromo (VI), come tutti i composti Cr esavalentali, è un veleno forte (dose letale – 0,1 g). A causa della sua elevata attività, CrO3 provoca l'accensione (con esplosioni) di sostanze organiche quando entrano in contatto con loro. Nonostante la bassa volatilità, l'ossido di cromo più alto è pericoloso per inalazione, in quanto causa il cancro ai polmoni. A contatto con la pelle (anche con la sua imminente rimozione) provoca irritazione, dermatite, eczema, provoca lo sviluppo del cancro.

L'ossido con cromo tetravalente CrO2 in apparenza è una sostanza solida sotto forma di cristalli ferromagnetici tetraedri neri. L'ossido di cromo 4 ha una massa molare di 83,9949 g / mol, densità di 4,89 g / cm³. La sostanza si scioglie, mentre si decompone, ad una temperatura di 375 ° C. Non si dissolve in acqua. Viene utilizzato in supporti magnetici di registrazione come sostanza di lavoro. Con la popolarità di CD e DVD, l'utilizzo di ossido di cromo (IV) è diminuito. È stato sinteticamente sintetizzato nel 1956 da un chimico di EI DuPont, Norman L. Cox, decomposto il triossido di cromo in presenza di acqua a una temperatura di 640 ° C e una pressione di 200 MPa. In patente, DuPont è prodotto da Sony in Giappone e BASF in Germania.

L'ossido di cromo 3 Cr2O3 è una sostanza cristallina fine e solida dal colore verde chiaro a scuro. La massa molare è uguale a 151,99 g / mol. La densità è di 5,22 g / cm³. Il punto di fusione è di 2435 ° C e il punto di ebollizione è di 4000 ° C. L'indice di rifrazione di una sostanza pura è 2.551. Questo ossido non si dissolve in acqua, in alcool, acetone, acido. Poiché la sua densità si avvicina alla densità del corindone, viene introdotta nelle formulazioni di agenti lucidanti (ad esempio, pasta GOI). Questo è uno degli ossidi di cromo di base , che viene utilizzato come pigmento. Per la prima volta in tecnologia segreta, è stato ottenuto nel 1838 come forma trasparente idratata. In natura si presenta sotto forma di FeO • Cr2O3 minerale di ferro di cromo.

L'ossido di cromo bivalente è un solido di colore nero o rosso con un punto di fusione di 1550 ° C. Si fonde con la decomposizione. La massa molare è di 67,996 g / mol. L'ossido di cromo (II) di colore rosso non è piroforico, e questa stessa sostanza di colore nero è piroforica. La polvere è auto-accesa in aria, quindi può essere immagazzinata solo sotto uno strato d'acqua, in quanto non interagisce con esso. L'ossido di cromo nero è molto difficile da ottenere in forma pura.

Per gli ossidi di cromo con una valenza inferiore, le caratteristiche principali sono caratteristiche, e per un ossido con una maggiore valenza, le proprietà acide sono caratteristiche.