585 Shares 3207 views

"Zadonshchina": l'anno della creazione. Monumento della vecchia letteratura russa del tardo XIV – XVI secolo

Lo scopo di questo articolo è quello di fornire informazioni su un così grande monumento dell'antica letteratura russa come "Zadonshchina". L'anno della creazione, l'autore, le caratteristiche compositive e artistiche – tutte queste domande che discuteremo con te.


Condizioni storiche

Nel 1380 è avvenuto un evento che ha giocato un ruolo importante nella vita non solo della Russia, ma del mondo intero. Ciò si riferisce alla battaglia di Kulikovo, in cui i tatari furono sconfitti. Questo evento ha sparito per sempre le voci sull'invincibilità del nemico e la Russia sperava di sbarazzarsi del giogo di lunga data. Serviva anche come prerequisito per l'unificazione dei principati attorno al centro, Mosca, che segnava l'inizio dello stato futuro. Quindi non sorprende perché la grande vittoria fosse così spesso coperta nei monumenti letterari dell'era vecchia russa. I ricercatori parlano del ciclo di Kulikovo, che include il lavoro di interesse per noi.

"Zadonshchina": l'anno della creazione, informazioni generali

Un glorioso monumento della letteratura, una creazione altamente artistica … Una prova innegabile dell'autenticità della "Parola …" – tutte queste caratteristiche sono applicabili alla storia militare chiamata "Zadonshchina". Chi l'ha scritto – una questione controversa e difficilmente risolvibile. Ci sono suggerimenti che l'autore era Sofoniy Ryazantsev. Questo testo è indicato dal testo della Zadonshchina e da un'altra opera – "Racconti della battaglia di Mamai". Gli studiosi di letteratura non hanno altre informazioni su Ryazantsev. Ma un riferimento al suo nome suggerisce che Sofonius ha creato un monumento letterario che non ci ha raggiunto. Un autore sconosciuto è stato guidato da lui, da cui è uscito il "Zadonshchina". L'anno della creazione di questa storia militare non è esattamente conosciuto (cosa che non sorprende per la vecchia letteratura russa). Supponiamo che: il prodotto è una risposta diretta agli eventi, il che significa che la creazione di "Zadonshchina" è alla fine degli anni '80 e '90 del XIV secolo.

La storia è rappresentata da sei elenchi. Il più presto, sopravvissuto a noi, gli scienziati arrivano a 1470 anni. Un altro nome per lui è l'elenco di Efrosin. La variante è un accorciamento di un testo originale lungo e viene quindi distinto da un gran numero di errori, distorsioni, omissioni. A proposito, solo nell'elenco di Euphrosyn viene utilizzato il nome "Zadonshchina". Anche l'anno della creazione dell'ultima versione della storia non è stabilito (intorno al XVII secolo), e lì il lavoro è designato come "La Parola di … Principe Dmitri Ivanovich". Lo stesso vale per tutte le altre varianti del monumento letterario. Sono anche difettosi, ma consentono agli studiosi letterari di ricostruire il testo originale.

Composizione e trama

Glorificazione della vittoria delle truppe russe sopra il nemico – una tale tela di trama è "Zadonshchina". L'autore disegna consapevolmente un parallelo con la "Parola …", ma l'appello al grande monumento non è dovuto all'imito cieco, ma ad un confronto deliberato del presente e del passato (e non a favore di quest'ultimo). La menzione di "Parole …" rende chiaro che l'eccezionalmente disaccordo dei principi ha provocato guai sulla terra russa. Ma questo è rimasto in passato e una vittoria sui conquistatori è stata immediatamente vinta. Le chiamate in rotolo con "Word …" si trovano al livello di singole tecniche (trasferimento in un istante del narratore da un punto geografico all'altro) e le componenti della trama. Ad esempio, Dmitry Donskoy sulla strada prima della battaglia il sole splende – come narra la "Zadonshchina". L'autore di "The Words …" (a proposito, anche senza nome) menziona l'eclissi come un cattivo vantaggio.

La storia è composta da due parti. Esse sono precedute da un'introduzione attraverso cui l'autore imposta il lettore ad uno speciale e solenne mood e gli comunica anche i veri obiettivi perseguiti dalla creazione della Zadonshchina. L'introduzione sottolinea anche la modalità ottimistica della storia, sottolinea che Mosca – come centro attuale di stato – è la continuazione di Kiev, ecc. La prima parte del lavoro è "pietà". Il narratore raffigura la sconfitta delle truppe russe, il lutto delle principesse e dei ragazzari che sono morti. Tuttavia, la natura suggerisce: presto "sporco" sarà sconfitto. Così è accaduto in "lode", quando i nemici si precipitarono a correre, e il Rusich ricevette un bottino ricco.

Caratteristiche artistiche

La poetica "Zadonshchina" è in gran parte determinata dalla sua somiglianza con la "Parola …". Il lettore incontra le stesse immagini antropomorfiche, epiteti, che hanno un'origine chiaramente folkloristica. Allo stesso tempo, qui ci sono più immagini di significato religioso, e riferimenti al paganesimo sono assolutamente assenti. Questa storia è molto diversa dal pretesto. Il lavoro "Zadonshchina" è molto eterogeneo nello stile. Quindi, insieme ai testi poetici ci sono frammenti, che ricordano veramente la prosa aziendale. Le sue tracce appaiono anche in dettaglio cronologico, con particolare attenzione ai titoli dei principi.

"Zadonshchina" e "La Parola …"

Come già accennato, "Zadonshchina" è anche prezioso in quanto è una prova dell'autenticità della "Parola". Quest'ultimo è messo in discussione non solo perché prima dell'improvviso scoperta del monumento di Musin-Pushkin nel 1795, "La Parola …" nessuno ha visto negli occhi, ma anche per lo straordinario valore artistico della poesia. Questo ha spinto l'idea di un falso (e ci sono stati precedenti). La sua menzione nel Zadonshchina doveva porre fine alla disputa, ma … C'erano speculazioni che questa "Parola …" è stata creata seguendo l'esempio di un monumento presumibilmente successivo. Ebbene, la questione dell'origine di entrambe le opere della vecchia scrittura russa rimase irrisolta.