897 Shares 2086 views

Legislazione obiettiva: il principio di continuità

La filosofia, come condimento di tutte le cose, cerca di capire cosa è impossibile capire e spiegare al livello attuale dello sviluppo della scienza o semplicemente non necessario.


Il tempo e lo spazio sono esempi di tali concetti che sono difficili da immaginare. Tuttavia, alcune delle loro proprietà sono di fondamentale importanza.

La base elementare dell'essere è il movimento

Non è necessario spiegare che una persona non può nascere, quindi interromperla, quindi continuare a muoverti. Anche se gli scrittori di fantascienza usano il frigorifero ideale per congelare la vita, ancora nessun processo può essere fermato. La vita è un movimento in uno dei suoi contesti. Inoltre, il movimento è inerente a tutte le cose e le cose, non importa quanto tempo siano nello stesso posto o in una sola posizione.

Il principio di continuità accompagna ogni movimento. È invisibilmente presente in tutto ciò che circonda la nostra percezione. Egli agisce al di fuori di lui e per molti miliardi di anni da lui.

Uscire dal pubblico

Per lungo tempo è stato consuetudine di non prendere lenzuola sporche dalla capanna, ma è ancora lì. L'umanità, nella sua massa, non può indipendentemente seguire il proprio percorso: ogni società invariabilmente e continuamente partecipa a tutto ciò che appartiene al suo spazio e si trova oltre i suoi confini. A proposito, questo è uno di quei casi in cui le distanze e l'energia non importa. L'idea del pubblico non ha idea che superare la distanza richiede energia e la velocità del movimento è in realtà un parametro molto costoso e costoso.

È per queste circostanze vitali che il principio della continuità è diventato evidente ed è stato riconosciuto nell'antichità antica come principale nel risolvere i rapporti tra i soggetti dei rapporti nella società. Le relazioni storicamente divise in civile e criminale, anche se non sempre e non tutte le leggi aderiscono a questi due poli. Relazioni amministrative, lavorative, economiche ed altre hanno avuto il loro diritto legale alla vita e alla loro nicchia.

Il principio di continuità nel processo civile

Qualsiasi controversia è una procedura costosa. Essere libero per una moltitudine di casi, in tutti i casi conduce a costi sia dallo Stato che da tutti i partecipanti.

Il principio di continuità è la posizione classica nella giurisprudenza in generale. Diverse leggi e atti di legge fissano l'esame obbligatorio di ogni caso continuamente senza distrazioni ad altre questioni.

In realtà, non succede che qualcosa non distrae, e le parti del processo hanno sempre la propria visione di continuità: interrompere il processo è spesso un metodo per raggiungere il risultato desiderato. La legislazione regola questo momento e obbliga ad avviare l'audizione di ogni attività posticipata fin dall'inizio.

La sfera giuridica e la logica degli avvocati non sono caratterizzati da aggettivi e valori universali nelle sue costruzioni e nelle formulazioni, ma in termini di continuità del processo si appella alla nozione di "attenzione del tribunale".

L'attenzione, la percezione, il pensiero non sono concetti legali, ma in questo caso il loro uso con le parole "da non distrarre", "ammette", "percezione intera" è solo "alcune eccezioni". Essi testimoniano il riconoscimento incondizionato: il principio di continuità è decisivo per una chiara, completa e obiettiva chiarezza di tutte le circostanze che sono essenziali per la corretta considerazione e risoluzione del caso.

Istruzione e la nozione di continuità

Devi studiare costantemente, ogni giorno, ogni ora, ogni momento del tempo. Anche la semplice applicazione della conoscenza accumulata porta al loro miglioramento e cambiamento. Ogni processo di studio stretta richiede tempo e richiede adeguati sforzi. Come nuove conoscenze, anche se il pensiero e il pensiero non hanno nulla a che fare con la velocità. Per loro non esistono barriere, distanze e attriti. Tutto nuovo eclisse il vecchio, affinché, per tornare indietro, sarà necessario, come nel processo civile, ripresentarsi.

Il principio della continuità dell'istruzione non è un omaggio alla moda e non una tradizione, è il fondamento fondamentale di ogni processo educativo. Nei programmi di formazione più critici lo studente viene messo in condizioni chiare, in cui non ha ancora alcuna occasione per distrarsi da qualcosa.

Non solo la conoscenza che costituisce il soggetto studiato, ma il movimento deve essere portato all'automismo inconscio. лежит в его основе. Ma anche se non stiamo parlando della formazione di cosmonauti, i chirurghi e gli insegnanti, anche la formazione in scuola materna, scuola, presso l'istituto viene calcolata in tempo e il principio della continuità sta alla base.

Se un risultato qualitativo è posto al centro dell'applicazione giuridica, nell'educazione questo risultato è rafforzato dal fatto che una persona cresce e in ogni fase del suo sviluppo le sue capacità di apprendimento sono molto diverse. L'età e la fisiologia, così come l'ambiente oggettivo – sono leggi che non possono essere prese in considerazione è assolutamente impossibile. In ogni caso, ciò non ha mai portato a niente di buono.

Vita e lavoro, riposo

Ogni persona osserva sempre il principio della continuità dell'attività, ma non sempre è adeguatamente percepita dagli altri, più precisamente spesso contraddice i propri piani e idee su come vivere e cosa fare.

Ci sono sempre state opere che non possono essere fermate e vengono fornite non solo con articoli nel codice del lavoro, ma anche con molti atti di legislazione e regolamenti delle imprese.

Nel mondo di oggi, quando la realtà tende alla virtualità, quando le tecnologie dell'informazione diventano disponibili a un numero crescente di persone, la programmazione come attività è diventata una professione di massa. È venuto rapidamente nel mondo del lavoro, ma immediatamente firmato per una varietà di opzioni completamente diverse.

Anche se non si tiene conto dei numerosi linguaggi di programmazione, la specificità di ogni task richiede per la sua soluzione non solo il codice, che non è solo la partecipazione del programmatore.

Prima che il programmatore debba fare qualcosa, dopo aver finito qualcosa, bene, nel processo è necessario controllare e specificare cosa fare. Dobbiamo continuamente monitorare ciò che sta facendo. Dobbiamo disegnare, analizzare, generalizzare.

Più complesso è il programma, più unica è l'attività, più profondamente si deve tuffarsi nel processo decisionale. Questo è un disastro, perché si può semplicemente dimenticare il riposo. Nella programmazione, il principio della continuità di processo non può essere semplicemente osservato – si prende cura di se stessa. Il compito moderno è costoso, ma molto più costoso è il processo di immersione in esso.

Classici della scrittura e della programmazione orientata agli oggetti

существовало еще до компьютеров. La programmazione esisteva prima dei computer. La scienza informatica semplicemente accelerò i processi naturali. La scrittura classica, cioè la creazione di programmi come i papiri antichi, è da tempo la competenza dei musei e dei negozi generali.

Lo stile moderno nella programmazione è molto colorato, ma la direzione orientata agli oggetti nello spettro corrente è evidenziata. Il principio di continuità qui è una procedura molto commovente, creativa e "dolorosa". Quest'ultimo non si riferisce a quelli del caso, ma a quelli che lo circondano.

La programmazione a livello di oggetto, quando ci sono decine di oggetti, richiede già l'immersione nell'operazione e questo è il momento. Ma un compito raro manipola una dozzina di oggetti, il solito livello di lavoro è cento, l'altro – più ricorsione. Cioè, un oggetto può esistere in numerose implementazioni, quando si muove contemporaneamente lungo diverse traiettorie. È come l'Universo in una sola coscienza.

Il programmatore dovrebbe pensare non solo al livello di attività, non solo al livello del sistema degli oggetti in costruzione, ma anche alla traiettoria temporale in cui si nascono oggetti, trasformano, iniziano i processi, scompaiono.

Un caso raro quando il principio della continuità del processo si prende cura di sé. Beh, naturalmente, se il dipendente stesso non sopporta queste condizioni di lavoro, o il suo ambiente sociale contribuisce ad esso – questa è anche un'opzione. Ma il lavoro fermato in questo modo non si fermerà mai. Una volta che il compito è sorto, deve essere risolto. E compiti che non hanno senso mettere, semplicemente non hanno una soluzione.