492 Shares 5067 views

Cratere è cosa?

I vulcani sono creature maestose e potenti della natura. Essi, agendo e inattivi, esistono sin dall'inizio del tempo fino ad oggi, come forzando l'umanità a "ascoltare" i cambiamenti che si verificano all'interno della Terra stessa. Dopo tutto, più di una volta già nella storia del mondo, intere città sono state sepolte sotto la spessa cenere vulcanica e magma, e le civiltà sono destinate a perire! Ogni vulcano ha un cratere. Si tratta di una scanalatura in forma di imbuto che si trova sulla sua cima o sul pendio.


Origine e struttura

La parola stessa proviene dall'antica greca "ciotola, vaso per mescolare vino e acqua". Per analogia, la forma dell'istruzione è simile a una ciotola o un imbuto. Attraverso di esso, il magma si erge all'interno del vulcano. Il cratere è una formazione naturale, avente un diametro di diversi metri a diversi chilometri. Il suo scopo è quello di dedurre il magma. Nei vulcani temporaneamente inattivi, il cratere è una sorta di presa per il ritiro delle miscele gassose accumulate nelle viscere. Questa formazione è dotata di canali speciali che conducono al centro e al basso del vulcano, permettendo una libera eruzione. Nei vulcani "estinti", i canali a volte "sovrastano", e il cratere diventa piuttosto una formazione decorativa, a volte utilizzata dalle persone per scopi riti e altri.

Sulla Luna

Con la possibilità dell'umanità di esplorare la luna con l'aiuto di potenti telescopi, il sogno si è reso più vicino ad esso. Si è scoperto che ci sono anche crateri qui. Il cratere lunare è, infatti, una montagna a forma di anello. Questa depressione a forma di tazza ha un fondo relativamente piatto ed è circondata da un albero a forma di anello. Secondo i dati della scienza moderna, quasi tutti i crateri lunari hanno un'origine "shock". Cioè, sono stati formati a causa di un impatto meccanico sulla superficie dei meteoriti della luna, caduti, soprattutto nel passato lontano. Solo una piccola frazione di crateri terrestri sono ancora considerati da alcuni scienziati per essere di origine vulcanica.

Un po 'di storia

È noto che Galileo ha scoperto le formazioni lunari con l'aiuto del suo telescopio (un piccolo, di circa un triplice aumento). Ha anche appropriato il nome del cratere. Questa definizione è rimasta in uso scientifico e fino ad oggi. Ma le opinioni degli scienziati sull'origine dei crateri cambiano drasticamente: dall'impatto dello spazio ghiaccio e della formazione vulcanica a "scossa". La scienza moderna determina accuratamente quest'ultimo come un modo di origine della grande maggioranza dei crateri sulla Luna. A proposito, simili formazioni si trovano sugli altri pianeti del nostro sistema, ad esempio su Marte.