300 Shares 2708 views

Che cosa è una favola, e ciò che lo distingue da altri generi letterari

Quando eravamo solo briciole, la madre o la nonna ci ha detto in merito a Hen-Ryaba e kolobok. Quando siamo cresciuti un po ', abbiamo letto da libri illustrati. Poi abbiamo guardato il cartone animato su Biancaneve ei sette nani, Cenerentola e Vasilisa il Saggio. Poi è il momento di venire, e noi avidamente ingoiare "1001 Nights" o "Panchatantra" guardato "Shrek" non è ancora maturo per una fabbrica di tali multi-dimensionali, come "Serate in una fattoria vicino Dikanka". Eppure era una stessa narrazione letteraria aspetto artistico. Allora, che cosa è una favola?


Naturalmente, questa è la storia di un evento che in realtà non lo era. Ma dal genere fantascienza di questo è differente in quanto non pretende di autenticità. Egli predeterminato suggerimenti ci fa capire che non è le informazioni corrette, e nella narrazione e la morale ( "In un certo regno", "Per il re di piselli"). In questo egli si differenzia dal mito che racconta della cosmogonia, teogonia e gesta degli eroi (come Ercole). Epopee, saghe e leggende, nonostante la sua storia fantastica, animali parlanti e simili, raccontano la storia delle persone che li hanno creati. In realtà, è una favola, ma un prodotto delle stesse persone?

Inoltre, in questo genere letterario subito punti per l'inesattezza storica degli eventi, azioni un'altra regola ferrea: buone vittorie e il male subito un fiasco completo. Se la storia finisce male – questo è l'altro, anche se generi simili. Tuttavia, il loro scopo è una narrazione circa fatti d'Eroe bracci (byl, bylina) o morale prepodnesenie (ad esempio, favola del lupo e agnello). Un'altra caratteristica molto caratteristico di questo genere è che la storia è semplice. La narrazione è semplice, un po 'ingenua, vale solo per il personaggio principale. Per capire che cosa una favola, lo stesso tipo di aiuto dei personaggi che sono o unicamente cattivi o assolutamente buono. Nessun meditazioni filosofiche, psicologiche lancio e purificante catarsi in questa letteratura non si verifica.

Filologi ritengono che il primo nella storia del genere umano c'erano storie di animali. Anche quando le persone trovano il loro cibo con la caccia, di generazione in generazione passata minore esperienza di alto livello delle abitudini degli animali. La volpe è sempre difficile, cane – fedele, ma stupido orso, mentre il leone coraggioso e senza paura. Poi è arrivata la gente narrativa fantastica, dove la forma letteraria della storia inventata può vedere la vera morale e costumi del popolo. Tuttavia fiaba preserva l'anonimato dell'autore, è lucidato per secoli e integrare i vari dettagli e rime. La gente viene su con certi personaggi che "vagano" da uno all'altro storia fantastica: Drago tre teste, Baba Yaga, Bag of Bones.

Nel XVII secolo un nuovo genere – letteraria fiaba. La sua novità consiste nel fatto che, oltre ad uno stile brillante individuale dell'autore, questi racconti potrebbero essere poetica, in rima (ad esempio, come le fiabe di Pushkin). Tesoro della letteratura mondiale racconti ornati Sharlya Perro, i fratelli Grimm, Andersen, Hauff e altri. L'opera di autore può essere collegato a un particolare luogo e tempo, (Schwarzwald Grimm, Dikanka Gogol), ma nessuno in testa non arriva a considerare una storia come la descrizione di alcuni eventi. Si interessa, ipnotizza la sua impensabile bella storia.

Per quello che è una favola, e perché si cresce fino a raccontare queste storie nemudrenyh tuoi figli? In essi, nonostante l'apparente primitività, di cui le conoscenze di base sul mondo, imperativi morali, i fondamenti dell'etica. Così il bambino comincia a esplorare l'universo e la società in cui vivrà. Dopo tutto, non c'è da meravigliarsi dicono: "Fairy Tale – una bugia, quindi suggerimento, buoni amici – una lezione." Tra l'altro, fino al XIX secolo, il termine foro di fronte al senso moderno. Hanno designato la lista esatta e corretta descrizione di qualcosa. Un genere che racconta la principessa-rana o che vivono nella paura del bosco, che allora si chiamava favole o koshuna.