853 Shares 4248 views

Prova della vita dopo la morte esiste? Vita dopo la morte: prova

Bellissimi campi e boschi, fiumi e laghi pieni di pesci, bello, meraviglioso giardino con frutta, non ci sono problemi, solo la felicità e la bellezza – uno dei concetti della vita che continua dopo la morte in tutto il mondo. Molte persone religiose lo descrivono come il paradiso, in cui la persona ha fatto più male durante la sua vita sulla terra. Solo se c'è vita dopo la morte sul nostro pianeta? C'è qualche prova della vita dopo la morte? E ' molto interessante e profondo ragionamento filosofico alle domande.


concetti scientifici

Come è il caso con altri fenomeni religiosi e mistici, gli scienziati sono stati in grado di dare una spiegazione della questione. Inoltre, molti ricercatori prendere in considerazione le prove scientifiche della vita dopo la morte, ma non hanno basi materiali. Una volta che in un secondo momento.

Afterlife (comune anche il concetto di "vita dopo la morte") – la rappresentanza di persone provenienti da punto religioso e filosofico di vista sulla vita, che si verificano dopo la reale esistenza dell'uomo sulla terra. Praticamente tutti questi concetti sono legati l'anima umana, che è nel corpo umano durante la sua vita.

Possibili opzioni per l'aldilà:

  • La vita con Dio. Si tratta di una forma di esistenza dell'anima umana. Molte persone religiose credono che Dio solleverà l'anima.
  • Inferno o il paradiso. La nozione più comune. Questa rappresentazione esiste in molte religioni del mondo, e nella maggior parte delle persone. Dopo la morte dell'anima umana arriva all'inferno o in paradiso. Il primo posto è destinato a persone che hanno peccato durante la vita sulla terra.

  • Nuova immagine in un nuovo corpo. Reincarnazione – definizione scientifica della vita umana in nuove incarnazioni sul pianeta. Uccello, animale, vegetale e di altre forme che possono abitare l'anima dell'uomo dopo la morte del corpo materiale. Alcune religioni prevede anche la vita nel corpo umano.

Alcune religioni sono la prova dell'esistenza della vita dopo la morte nelle sue altre forme, ma quanto sopra sono i più comuni sono elencati.

Afterlife nell'Antico Egitto

Più alte piramidi aggraziati sono state costruite più di una dozzina di anni. La tecnologia antica Egizi usavano che ancora non è stato completamente esplorato. Ci sono molte ipotesi circa la tecnologia di costruzione delle piramidi d'Egitto, ma, purtroppo, nessuno del punto di vista scientifico non è una prova completa.

Gli antichi egizi non ha avuto la prova dell'esistenza dell'anima e della vita dopo la morte. Credono solo in questa possibilità. Così la gente costruito le piramidi e Faraone fornito un eccellente esistenza in un altro mondo. Tra l'altro, gli Egiziani credevano che dopo la morte la realtà è quasi identico al mondo reale.

Si dovrebbe anche prestare attenzione al fatto che, secondo gli egiziani, le persone in un altro mondo non possano cadere o salire nella scala sociale. Ad esempio, il faraone non poteva essere una persona semplice, e di un lavoratore normale non sarà re nel regno dei morti.

I residenti in Egitto mummificato cadavere, e di Faraone, come accennato in precedenza, è stato posto in una piramide enorme. In uno speciale cittadini stanza e parenti di righello defunto elementi che sono essenziali per la vita e la regola nel posto nell'aldilà.

La vita dopo la morte nel cristianesimo

Antico Egitto e la creazione delle piramidi appartengono a tempi antichi, in modo dalla prova della vita dopo la morte questo antico popolo si applica solo ai geroglifici egiziani che sono stati trovati in edifici antichi e piramidi pure. Solo la comprensione cristiana di questo concetto esisteva prima ed esistono a questo giorno.

Giudizio – un tribunale, quando l'anima dell'uomo appare in tribunale davanti a Dio. Perché il Signore determinare il destino dell'anima del defunto – si sentirà terribile tormento e punizione sul letto di morte o camminare con Dio in un vero paradiso.

Quali fattori influenzano la decisione di Dio?

Per tutta la vita della Terra, ognuno fa le cose – buone e cattive. Si dovrebbe dire subito che questo punto di vista con i punti religiose e filosofiche di vista. E 'per queste azioni terrene giudice esamina il Giudizio Universale. Inoltre, non si può dimenticare la fede umana vitale in Dio e nella forza della preghiera e della Chiesa.

Come si può vedere nel cristianesimo c'è vita dopo la morte. La prova di questo fatto c'è nella Bibbia, la chiesa e il parere di molte persone che hanno dedicato la loro vita al servizio della Chiesa e, naturalmente, Dio.

La morte nell'Islam

L'Islam non fa eccezione per l'impegno del postulato dell'esistenza della vita dopo la morte. Come in altre religioni, nel corso dell'intera vita commettere certi atti, e da loro dipenderà da come sta andando a morire, che tipo di vita che ci si aspetta.

Se la persona che, al momento della esistenza sulla terra ha fatto cose cattive, poi, naturalmente, è in attesa di un certo rigore. L'inizio di una pena per i peccati diventa morte dolorosa. I musulmani credono che l'uomo morrà in agonia. Anche se una persona con l'anima pura e luminosa lascerà questo mondo con facilità e senza problemi.

La prova principale della vita dopo la morte È nel Corano (libro sacro musulmano) e nell'esercizio delle persone religiose. Dovrebbe essere immediatamente notare che Allah (Dio nell'Islam) ci insegna a non avere paura della morte, perché il credente che fanno il bene sarà ricompensato con la vita eterna.

Se la religione cristiana Dio stesso presente al Giudizio Universale, la decisione di accettare l'Islam da due angeli – Nakeer e Munkar. Producono interrogatori passata di vita terrena. Se le persone non credevano e commettere peccati che non vengono rimborsate al momento della esistenza terrena, che stava aspettando la punizione. Il credente è una persona concesso paradiso. Se sei dietro un credente pecca non riscattati, affronta la punizione dopo di che sarà in grado di entrare nel posto meraviglioso chiamato Cielo. Gli atei sono in attesa del terribile pasto.

Rappresentazioni di buddisti e indù della morte

Induismo non ha un fondatore, che ha creato la vita sulla Terra, e che è necessario per pregare e inclinato. Veda – i testi sacri che sostituiscono Dio. Nella traduzione russa di "Veda" – "saggezza" e "conoscenza".

I Veda può anche essere visto come un dato di fatto che non v'è la prova della vita dopo la morte. In questo caso, la persona (per essere più precisi, l'anima) morirà e attecchire nella nuova carne. lezioni spirituali che devono imparare che l'uomo sia la causa della continua trasformazione.

Nel Buddismo, c'è un paradiso, ma non ha lo stesso livello come in altre religioni, ma diversi. In ogni fase, per così dire, l'anima riceve gli aspetti positivi della conoscenza, saggezza e gli altri e va oltre.

In entrambe queste religioni v'è anche un inferno, ma in confronto con altre credenze religiose, non è una punizione eterna per l'anima dell'uomo. Ci sono molti miti su come le anime dei morti dall'inferno al paradiso passati e hanno iniziato il loro viaggio a certi livelli.

Guarda le altre religioni del mondo

Infatti, ogni religione le proprie idee su vita dopo la morte. Al momento, è semplicemente impossibile nominare il numero esatto delle religioni, in modo quanto sopra sono stati considerati solo la più grande e la più elementare, ma in essi si possono trovare alcune interessanti testimonianze della vita dopo la morte.

Si deve anche prestare attenzione al fatto che in quasi tutte le religioni ci sono somiglianze tra la vita e la morte in Paradiso e Inferno.

Niente non scompare senza lasciare traccia

Doom, la morte, la scomparsa non è la fine. E ', se queste parole sono appropriati, piuttosto, l'inizio di qualcosa, ma non la fine. Come esempio possiamo prendere prugna ossea, che sputò fuori un uomo mangiare frutta direttamente (prugna).

Questa pietra è in calo, e sembra che stava per finire. Solo in realtà si può stese, e la luce sarà un bel cespuglio, bella pianta che darà i suoi frutti e deliziare gli altri con la loro bellezza e la loro esistenza. Quando la boccola moriranno, per esempio, semplicemente si sposta da uno stato all'altro.

Perché questo esempio? Inoltre, la morte di quella persona non è anche la sua fine immediata. Questo esempio può essere visto anche come prova della vita dopo la morte. Aspettativa e realtà, tuttavia, può variare notevolmente.

C'è un'anima?

Durante tutto il tempo di cui stiamo parlando l'esistenza dell'anima umana dopo la morte, ma non c'era questione dell'esistenza dell'anima stessa. Forse non esiste? Pertanto è necessario prestare attenzione a questo concetto.

In questo caso è necessario passare dal discorso religioso ai fatti scientifici. Il mondo intero – la terra, l'acqua, gli alberi, lo spazio, e tutto il resto – è costituita da atomi, molecole. Solo nessuno degli elementi è in grado di sentire, la ragione e il progresso. Se si parla di se c'è vita dopo la morte, la prova può essere presa sulla base di questo ragionamento.

Naturalmente, si può dire che ci sono corpi, che sono le cause di tutti i sensi del corpo umano. Non dobbiamo dimenticare il cervello umano, perché è responsabile per la mente e la mente. In questo caso, è possibile effettuare un confronto tra l'uomo con il computer. Quest'ultimo è molto più intelligente, ma è programmato per alcuni processi. Fino ad oggi, i robot sono stati creati è attiva, ma non hanno sentimenti, anche se fatta da un simile agli uomini. Sulla base della discussione, possiamo parlare l'esistenza dell'anima umana.

E 'anche possibile, come un'altra prova delle parole di cui sopra causa la comparsa di pensiero. Questa parte della vita umana non ha inizio scientifica. Può essere per anni, decenni e secoli di studiare varie scienze e "scolpire" il pensiero di tutti i mezzi materiali, ma non succede nulla. Il pensiero non ha alcun fondamento materiale.

Gli scienziati hanno dimostrato che c'è vita dopo la morte

Parlando circa l'uomo aldilà, non si deve solo prestare attenzione al ragionamento in religione e filosofia, in quanto, a parte questo, ci sono la ricerca e, naturalmente, i risultati necessari. Molti scienziati perplessi e perplessi su, per vedere cosa succede a una persona dopo la sua morte.

Sopra abbiamo accennato Veda. In queste scritture parlano della trasmigrazione dell'anima da un corpo all'altro. E 'questa domanda posta un'Ian Stevenson – psichiatra noto. Va subito detto che la sua ricerca della reincarnazione hanno dato un grande contributo alla comprensione scientifica della vita dopo la morte.

Lo scienziato ha iniziato a prendere in considerazione una vita dopo la morte, la vera prova che avrebbe potuto trovare su tutto il pianeta. Lo psichiatra è stato in grado di esaminare più di 2.000 casi di reincarnazione, dopo di che sono state apportate alcune conclusioni. Quando una persona rinasce in un'altra forma, quindi tutti i difetti fisici vengono salvati. Se il defunto aveva alcune cicatrici, e poi in un nuovo corpo, saranno anche presenti. Questo fatto ha le prove necessarie.

Durante lo studio, i ricercatori hanno utilizzato l'ipnosi. E durante una sessione ragazzo ricorda la sua morte – è stato ucciso con un'ascia. Tale caratteristica potrebbe essere riflessa in un nuovo corpo – il ragazzo che è stato studiato dagli scienziati, ha registrato una crescita di massima sulla parte posteriore della sua testa. Dopo aver ottenuto le informazioni necessarie psichiatra comincia a cercare per la famiglia, che potrebbe essere stato l'omicidio di un uomo con un'ascia. E il risultato non si fece attendere. Ian è riuscito a trovare persone con una famiglia in passato vicino, hacked a morte un uomo con un'ascia. La natura delle ferite era simile alla conseguenza del bambino.

Questo non è un esempio che può indicare che ha trovato la prova della vita dopo la morte. Così si dovrebbe prendere in considerazione un paio di occasioni durante il ricercatore e psichiatra.

L'altro bambino aveva un difetto sulle dita come se avesse tagliato fuori di loro. Naturalmente, uno scienziato interessato a questo fatto, e non invano. Il ragazzo era in grado di dire Stevenson che aveva perso le dita durante il lavoro sul campo. Dopo aver parlato con il bambino ha iniziato la ricerca di testimoni che possono spiegare questo fenomeno. Dopo un po ', la gente parlava della morte di un uomo durante il lavoro sul campo sono stati trovati. Questo uomo è morto a seguito della perdita di sangue. Dita mozzate trebbiatrice.

Considerando queste circostanze, si può dire che c'è vita dopo la morte. La prova potrebbe portare Ian Stevenson. Dopo il lavoro pubblicato degli scienziati, molte persone hanno cominciato a interrogarsi sulla reale esistenza della vita dopo la morte, che è stato descritto da uno psichiatra.

morte clinica e reale

Tutti sanno che la morte clinica può avvenire a traumi forti. In questo caso la persona smette di cuore, c'è una fermata di tutti i processi vitali, ma i corpi anossia non può causare effetti irreversibili. Durante questo processo, il corpo è in fase di transizione tra la vita e la morte. morte clinica non dura più di 3-4 minuti (molto rare 5-6 minuti).

Le persone che sono sopravvissuti questi tempi, parlare del "tunnel" di "luce bianca". Sulla base di questi fatti, gli scienziati sono stati in grado di scoprire nuove prove della vita dopo la morte. Gli scienziati che hanno studiato questo fenomeno, rendono il rapporto necessario. A loro avviso, la coscienza è sempre lì nell'universo, la morte fisica del corpo non è la fine per l'anima (mente).

crionica

Questa parola si riferisce al congelamento del corpo umano o animale per garantire che in futuro è stata l'occasione per rilanciare i morti. In alcuni casi, non sottoposto a tutto il corpo, ma solo la testa o il cervello in uno stato di profonda raffreddamento.

Fatto interessante: Gli esperimenti sono stati condotti su animali congelare in XVII secolo. Solo dopo circa 300 anni, gli esseri umani hanno più a pensare seriamente a questo metodo, è necessario ottenere l'immortalità.

E 'possibile che questo processo sarà la risposta alla domanda: "La vita dopo la morte" La prova può essere presentata in futuro, perché la scienza non si ferma. Ma per il momento rimane un mistero crionica con la speranza di sviluppo.

La vita dopo la morte: la prova recente

Una delle ultime prove in materia è stato lo studio dello scienziato fisico teorico americano Robert Lanza. Perché è uno degli ultimi? Perché questa scoperta è stata fatta nell'autunno del 2013. Quale conclusione ha fatto lo scienziato?

Va subito notato che lo scienziato è un fisico, in modo da questa prova si basa sulla fisica quantistica.

Fin dall'inizio, lo scienziato ha prestato attenzione alla percezione del colore. Come esempio ha citato il cielo blu. Tutti eravamo abituati a vedere il cielo appena questo colore, ma in realtà tutto è diverso. Perché un uomo vede rosso rosso, verde – verde e così via? Dalle parole di Lanza, tutta una questione di recettori del cervello, che sono responsabili della percezione dei colori. Se l'impatto su questi recettori, i cieli possono improvvisamente diventare rosso o verde.

Ognuno è usato come detto il ricercatore, per vedere la miscela di molecole e carbonati. La ragione di questo è la percezione della nostra mente, ma la realtà può essere diversa dalla comprensione comune.

Robert Lanza ritiene che vi siano universi paralleli, in cui tutti gli eventi sono sincroni, ma allo stesso tempo diverso. Sulla base della morte di quella persona è solo un passaggio da un mondo all'altro. Come prova, il ricercatore ha condotto l'esperimento di un giovane. Per gli scienziati, questo metodo è la prova del fatto che la luce – non è nulla come un'onda che può essere misurato.

L'essenza di questo esperimento: Lanz passa luce attraverso due fori. Quando il fascio viene fatto passare attraverso la barriera, è stato diviso in due parti, ma se egli è al di là dei fori, ha nuovamente fuso ed è diventato ancora più luminoso. In quei luoghi dove le onde di luce non sono uniti in un unico fascio, diventa opaca.

Di conseguenza, Robert Lanza è giunto alla conclusione che l'universo non ha creato la vita, ma piuttosto il contrario. Se la vita finisce sulla Terra, come nel caso della luce, continua ad esistere altrove.

conclusione

Probabilmente, è innegabile che c'è vita dopo la morte. I fatti e le prove, naturalmente, non al cento per cento sono, ma esistono. Come si può vedere dalle informazioni di cui sopra, l'esistenza della vita dopo la morte non è solo nella religione e nella filosofia, ma anche negli ambienti scientifici.

Per citarne questa volta, ogni persona può solo speculare e pensare a cosa accadrà con lui dopo la morte, dopo la scomparsa del suo corpo su questo pianeta. Ci sono molte domande su questo, un sacco di dubbi, ma nessuno vive al momento non riesce a trovare la risposta giusta ad esso. Ora non ci resta che godere di ciò che abbiamo, perché la vita è la felicità di ogni persona, ogni animale, deve essere bello vivere.

E 'meglio non pensare alla vita dopo la morte, perché la questione del senso della vita è molto più interessante e utile. Rispondi può quasi tutti, ma questo è un altro argomento.