396 Shares 8158 views

Eurovision, bombardamenti del consolato polacco e altri problemi ucraini

Alla fine di marzo si sono verificati eventi che potrebbero sconvolgere qualsiasi cittadino patriottico (nazionalista) dell'Ucraina o una persona al di fuori di questo paese, ma simpatizzando con il corso scelto dalla leadership che è venuto dopo il Maidan, per un'integrazione completa nello spazio culturale ed economico europeo. Altre emozioni, a parte la frustrazione, questi fatti non possono causare persone con queste opinioni politiche. Ognuno degli eventi – questa è una vera "zrada", cioè tradimento, e la parola è usata in Ucraina più di frequente.


Panoramica generale

I problemi riguardanti l'Ucraina si accumularono molto. E 'possibile che tutti gli sforzi eroici per portare la capitale alla festa (per quanto possibile) sia inutile e, come nel vecchio scherzo, dovrà andare "come un pazzo con un collo pulito" e "Eurovision" non lo farà. La Polonia ha chiuso i suoi consolati, e, in generale, dalle norme ucraine, a causa di una piccola sconfitta. Pensi che qualcuno del lanciagranate abbia girato. Inoltre, è probabilmente agenti russi. La tranche del FMI ritarda di nuovo e il visto è rinviato. La Corte Suprema di Londra ha improvvisamente preso una decisione sul "debito di Yanukovich" non a favore di Kiev. Beh, altri problemi. Ora più.

"Eurovision" a Kiev in questione

Un altro giorno fa sembrava che la questione con il concorso internazionale di canzoni venisse risolta definitivamente e in modo irrevocabile, esattamente come voleva la parte mentalista della società. Non solo l'Ucraina trionfa, quindi la Russia è anche imbarazzata. La cantante Samoylova a Kiev non potrà andare in Crimea e l'Unione europea di radiodiffusione sembra essere simpatica per il divieto di entrare nel paese per tre anni interi e all'improvviso il 29 marzo una dichiarazione di Ingrid Deltenre sembrava un tuono nel cielo limpido , Il capo dell'UER. Questo è un ultimatum effettivo. Se prima della fine della prossima settimana (probabilmente il 9 aprile) non viene presa alcuna decisione sulla partecipazione di un rappresentante russo al concorso, l'Ucraina può essere rimosso (un'intervista a Blick, Svizzera). La direzione dell'UER crede che Kiev cerca di utilizzare l'Eurovision per informazioni sui conti politici, creando un'atmosfera di ostilità estranea alla natura stessa della festa musicale. In generale, in questo modo: o Samoilova eseguirà, o a Kiev nessuno canterà a causa della cancellazione totale dell'evento. Poroshenko e Groisman scelgono. Il tempo è andato.

Le missioni diplomatiche polacche sono chiuse

L'agenzia UNIAN il 29 marzo ha riferito la sospensione dell'opera di tutte le cinque istituzioni consolari della Polonia a Kiev, Kharkov, Odessa, Vinnitsa e Lutsk. Queste informazioni sono state confermate dal sito ufficiale del Consolato Generale. La ragione di questo passo era la sgusciatura notturna della costruzione della rappresentazione del RP a Lutsk in strada. Dubnovskaya, 22B. Presumibilmente, un lanciagranate RPG-26 è stato usato per infliggere un attacco a fuoco. Vittime, per fortuna, no, ma i diplomatici polacchi non vogliono aspettare il loro aspetto. L'ambasciatore dell'Ucraina A. Deshchitsa è stato convocato al Ministero degli Esteri per fornire spiegazioni. Nel Servizio di Sicurezza già presentato una versione che non differisce per l'originalità, come, anzi, la plausibilità. Secondo l'assunzione del servizio di sicurezza, il colpo fu licenziato da "sabotatori russi", è la loro scrittura a mano. Poroshenko ha già promesso di punire il colpevole (112.ua) e ha parlato con il presidente polacco. Tenuto conto delle peculiarità delle controversie storiche ucraino-polacche, dell'attività recentemente dimostrata dai nazionalisti e della disponibilità di armi provenienti dall'ATU, la versione SBU sembra molto dubbia. Probabilmente, a Varsavia non è stato preso sul serio.

Ancora una volta la tranche ritardata

La quarta tranche del Fondo Monetario Internazionale, che è già stato ripetutamente annunciato dai principali leader dell'Ucraina per essere fatto compiuto, trasferito all'ultimo momento dal 20 marzo al 7 aprile, non saranno considerati in quel giorno. Il Consiglio di Amministrazione del FMI non l'ha inserita nell'ordine del giorno. All'inizio furono spiegazioni del Ministro della Politica Sociale Andrei Reva, che ancora una volta ha convinto al pubblico la necessità di studiare l'effetto del blocco sugli indicatori finanziari dell'economia ucraina, in cui, per quanto detto, Kiev era estremamente interessato. Non è noto se il fondo fosse impegnato in tali studi, o la situazione sembra ovvio senza di essa. In ogni caso, il risultato è estremamente deplorevole. La speranza per la ricezione di 5,4 miliardi di dollari è ancora molto ipotetica.

La decisione della Corte Suprema di Londra sul "debito di Yanukovich"

Il 29 marzo è stato reso noto della decisione della High Court di Londra di considerare la causa della Federazione russa contro l'Ucraina nella cosiddetta procedura accelerata. Tradotto da una giurisprudenza internazionale a una lingua ordinaria, questo significa che i numerosi argomenti dell'impresa Quinn Emanuel Urquhart & Sullivan, che rappresentano gli interessi di Kiev in arbitrato, il giudice William Blair ha rigettato come insolvente. L'essenza della motivazione per il rifiuto dell'Ucraina di pagare con eurobond è che la Russia presumibilmente forzò forzatamente l'allora leadership a prendere questi soldi (tre miliardi) e poi illuminò la guerra nel Donbass e allegò la Crimea. Kiev ha rifiutato di pagare immediatamente, e dopo qualche riflessione, cioè, in realtà, "il debito di Yanukovich" riconosciuto. La penalità giornaliera in base all'accordo è di 683 mila dollari. Il 20 marzo il debito è stato di 3,137 miliardi di dollari (portale "Paese"). La dichiarazione del ministro delle finanze dell'Ucraina, Alexander Danilyuk, dopo la riunione del governo che la presunta decisione giudiziaria è già stata sospesa, suscita dubbi. A Londra, di solito non si balla.

Sul divieto di trasferire denaro in Ucraina

L'approvazione del Consiglio federale del divieto di invio di denaro in Ucraina tramite sistemi di pagamento internazionali è difficile da definire come un tradimento. Innanzitutto, se a Kiev credere che la Russia sia un aggressore e un nemico, allora sarebbe ingenuo aspettarsi qualche soluzione amichevole e, in secondo luogo, questa misura sia reciproca. Le sanzioni contro le banche ei sistemi di pagamento di Sberbank, Golden Crown, Unistream, Leader, Anelik RU e altri, l'Ucraina ha introdotto la prima e allo stesso tempo resa più difficile per i propri cittadini che lavorano in Russia e inviano soldi alle loro famiglie. Tuttavia, è impossibile affermare di essere privati di tutti i mezzi di trasferimento di fondi. Alcuni canali sono rimasti, ma richiedono l'apertura di un conto bancario per il loro utilizzo. Nel gennaio di quest'anno, più di mezzo miliardo di dollari sono stati ritirati dalla Federazione Russa all'Ucraina "Zarobitch".

E ancora, viaggio senza visto

Il 27 marzo il vice capo dell'amministrazione presidenziale dell'Ucraina K. Eliseev ha segnalato il possibile rinvio della data di adozione di una decisione per un regime senza visto con l'Unione europea "per un paio di settimane". La presentazione delle informazioni è stata sostenuta in intonazioni ottimistiche. Abbiamo aspettato più a lungo, un anno intero (e qualcuno, forse, più di tre anni), in modo da poter aspettare un po 'più a lungo. Il percorso è già vicino al completamento, e questo è riconosciuto non solo dai partner, ma anche dagli scettici. Se non si verifica una forza maggiore particolare, in estate sarà possibile viaggiare in Europa senza alcun visto. Oggi solo Francia è oggetto, ma è comprensibile: ci sono elezioni sul naso. E in generale, e nell'Unione europea capire che è il momento di dare un visto e poi puoi perdere fiducia. Promessa, promessa …

La partenza del business russo

Questa situazione è difficile da dare una valutazione inequivocabile. È possibile che questa sia una vittoria, ma quando gli investimenti lasciano il paese, di solito peggiora. Il 29 marzo, una dichiarazione è stata fatta dal presidente della Camera di Commercio e Industria della Federazione Russa Sergey Katyrin, che contiene un consiglio per gli imprenditori per limitare l'attività commerciale in Ucraina. A favore di una tale decisione, dire la costante sanzione di pressione e oltraggio di gruppi radicali, l'economia non capisce nulla. Non esiste praticamente alcuna speranza per eventuali miglioramenti nel prossimo futuro.