554 Shares 5000 views

L'odio – è l'incapacità di amare

L'odio – una sensazione di opprimente, non lascia spazio per la loro filantropica pacifica opposizione. Naturalmente, l'odio ha una componente razionale, richiede una giustificazione costante, alimentata dai ricordi e proiezioni di fantasia infiammate nel futuro. Questa sensazione è non solo interessata, ma per soggiogare l'intera mente dell'uomo. Non c'è da stupirsi Orazio cui la rabbia, l'odio emozionale della mania di breve durata.


Lettera e l'intento

In contrasto con la rabbia, come uno stato di breve durata fulmine, l'odio – una sostanza che può produrre residuo secco tossico per essere immortalato in libri, opere d'arte, rituali e di culto degli oggetti. Basti ricordare il "Mein Kampf" di Adolf Hitler, manifesti di propaganda tempi di guerre tra nazioni, che divenne simbolo di nominale Ku Klux Klan.

Arte, non solo, ma che rappresenta traduce l'odio, continua a non andare a qualsiasi confronto con i media artigianato usa e getta. E 'stato con la loro assistenza è programmata, coltivato e impiantato nella mente di milioni di persone in acciaio a freddo l'idea di odio.

Perché alcuni altri odio?

odio nazionale – questa è una diretta conseguenza della collisione di interessi della gente, quando uschemlonnoe identità di uno è compensata umiliazioni inizialmente verbale e mentale, e poi – e la vera privazione dei diritti degli altri. E non è affatto l'altra parte di un nazionalismo sano, ma è un attributo essenziale del nazismo.

I tedeschi alla vigilia della ascesa di Hitler al potere non ha ancora sopravvissuto l'umiliazione della nazione, ha perso la prima guerra mondiale. Questo inizialmente ha spinto a cercare non tanto esterno come nemici interni, alla differenziazione degli ariani e persone con non così il carattere nordico, e in tal modo risveglia lo stato d'animo della società disfattismo. Ha chiesto di tornare al Führer di potenza di breve durata ma sanguinosa.

Negazione di contraddizione, e la paura dell'ignoto

Quello che noi non facciamo, ma il più interessato a qualcun altro, spesso inquietante, è la protesta inconscia. Non è nemmeno l'invidia, e la differenza nei confini del lecito, assorbito con il latte materno. L'irritazione è colui che non si può solo "andare in giro" a noi, ma farlo in modo inaccettabile per noi. Per esempio, se una parte del inganno del coesistenti "straniero" nella stessa ciarlataneria società territorio considerato penalmente irricevibile e in altri giustificato e considerato normale, curvatura e lo stress delle relazioni sociali è quasi inevitabile.

Avviso tratti di singoli rappresentanti del popolo diventano gradualmente una parola familiare. Per molto tempo Ebreo-odio ovunque alimentato protesta laico contro l'usura, il sostegno reciproco dei membri della comunità ebraica durante la sostituzione di posizioni lucrative nei campi della scienza, dell'arte, e le istituzioni finanziarie. L'odio – una caldaia, riscaldata e molto altro argomento oscuro, nedogovoronnogo sconosciuta. Caratteristica complessivo di società segrete, se logge massoniche, chiuso clan mafiosi suggerimenti diaspore o riunioni catacomba di cristiani nel primo secolo, da Nerone a Costantino.

Radici storiche e culturali della reciproca ostilità

Il fondamento su cui poggia l'odio – è anche la storia di quei tempi quando motivati dall'odio religioso o nazionale sparso grande sangue. Il divario tra i cristiani orientali e Roma non è iniziata con la pergamena del Papa, cui sull'altare di Santa Sofia, ma orge avidi organizzato dai crociati nei villaggi "scismatici", con il saccheggio di chiese e massacri. Armeni è improbabile che sentire l'amore dei turchi, memore del genocidio polutoramillionnom contro il suo popolo, annessa con la forza le terre della patria, tra cui il sacro monte Ararat.

L'odio – è, tra le altre cose, a seguito della tensione nella zona di relazioni culturali. Mancanza di rispetto le tradizioni, i valori, i gruppi etnici indigeni porta gli estranei, se non la guerra, poi al confronto apertamente ostile in campo politico, economico, la convivenza domestica. Così, la tensione tra gli europei e il mondo arabo è in crescita con il flusso di migranti che non vogliono assimilare, integrare nel mondo culturale del Vecchio Mondo.

È la tolleranza antidoto?

i teorici moderni del mondo senza conflitti sono sempre più chiedono per la coltivazione della tolleranza come un mezzo universale di contrastare l'odio. Tuttavia, se si capisce l'essenza del metodo sostenuto, non è difficile da vedere: l'indifferenza, l'indifferenza per le molteplici manifestazioni di vivere accanto a voi è improbabile per spegnere il fuoco della passione, sulla base delle cause profonde di reciproco rifiuto. In realtà, gli aderenti di tolleranza chiamata solo per un nuovo tolstoiana, di resistere al male da un altro, segno diavolerie.

L'odio del popolo – è, infatti, la sublimazione di inferiorità. Il sentimento di rabbia viene generato spinto nel senso subconscio di inferiorità, quest'ultima è spesso compensata per l'auto-esaltazione, su falsi motivi spuri.

Fumante malcontento – l'eterno compagno di misantropia. Come dice la Scrittura, "I giusti tutti felici." È per questo che l'antidoto all'odio può servire solo come consapevolezza robusta di autostima e lavorare sui propri difetti, senza cercare i colpevoli sul lato.

L'odio – è la mancanza di amore

Lui ama il suo popolo non odiare gli altri gruppi etnici, ma non consente a quest'ultima di deridere, umiliare, exploit, per mostrare rispetto per la vostra negligenza famiglia, l'arroganza, i segni di superiorità immaginaria.

Nel senso religioso di odio – è un peccato, in quanto finalizzata alla condanna di qualcun altro, e non cambiare te stesso per il meglio, potenzialmente – sulla violazione della libertà di un individuo. Questa sensazione è reciprocamente distruttiva, inestirpabile, senza acquisire la pace della mente, senza il servizio di amore a dispetto delle proprie passioni, sospetti, vecchi conti.

Rabbia, Horace chiamato "follia" è considerato nel cristianesimo uno dei sette peccati capitali. Nel detto popolare ha definito "una cattiva consigliera". La psicologia descrive lo stesso fenomeno come stato affettivo dolorosa acuta. Eliminazione di odio sui modi religiose o secolari – una condizione necessaria per l'umanità è stata una speranza per il futuro, senza guerre e conflitti interni.