632 Shares 7283 views

Caratteristiche della filosofia antica

Prima di impegnarsi nell'analisi di alcune caratteristiche e le tendenze di sviluppo di tutta l'immagine scientifica, dovrebbe essere con il grado di precisione richiesto impostare il quadro storico di queste tendenze. Solo un tale approccio prevede la continuità con le condizioni di analisi che hanno accompagnato lo sviluppo del fenomeno scientifico.


Il termine "filosofia antica" sintetizzato patrimonio filosofico di Grecia e di Roma.

Per più di due millenni la formazione permanente e lo sviluppo delle principali scuole e le tendenze del mondo antico filosofiche, e durante questo periodo ha acquisito una grandezza fenomenale e significato della quantità di sapienza umana, la conoscenza, e sopravvalutare il cui valore non è semplicemente possibile. Nella aspetto storico nello sviluppo della filosofia antica sono quattro, chiaramente distinguibili, punto.

periodo pre-socratica della filosofia antica, soprattutto, caratterizzato dal fatto che a suo tempo, infatti, è stato l'emergere e la formazione del fenomeno che chiamiamo "filosofia antica". I rappresentanti più noti sono Talete, Anassimandro, Anassimene, che si trovava alle origini della famosa scuola di Mileto. Allo stesso tempo, abbiamo lavorato e atomisti – Democrito, Leucippo, posto le basi della dialettica. Dispone di spazi luminosi della filosofia antica manifesta nelle opere dei rappresentanti della scuola eleatica, prima di tutto, Eraclito di Efeso. Questo periodo è stato formulato e il primo metodo di conoscenza filosofica – di dichiarare le loro opinioni e il desiderio di giustificarli come un dogma.

Tentativi di spiegare i fenomeni naturali, la conoscenza dell'essenza del cosmo e il mondo umano, la logica dei principi fondamentali dell'universo – questi sono i problemi della filosofia antica, che era interessato a "pre-socratico".

Classic, o come viene chiamato – periodo socratico – è una fioritura della filosofia antica, in questa fase tratti del pensiero filosofico antico più chiaramente manifestata.

I principali "attori" di questo periodo sono stati i grandi sofisti, Socrate, Platone, Aristotele. Le caratteristiche principali di filosofia antica di questa fase è che i pensatori hanno tentato di penetrare più a fondo nel cerchio dei problemi che sono stati scoperti dai loro predecessori. Prima di tutto, va notato il loro contributo allo sviluppo della metodologia, invece di conoscenza dichiarativa-dogmatica hanno usato il metodo del dialogo e le prove, che ha portato al rapido sviluppo nel quadro di una sola conoscenza filosofica di intere aree, che successivamente scorporata in una scienze indipendenti – matematica, fisica, geografia e altri. I pensatori del periodo classico (quindi anche nella letteratura è chiamato il periodo socratico, lo sviluppo della filosofia) un po 'meno parlato di questioni di principi fondamentali del mondo, ma tirando una visione idealistica del mondo, ha segnato l'inizio di un grande dibattito circa la priorità degli insegnamenti di materialismo e idealismo. Nei loro insegnamenti soprattutto filosofia antica manifesta nel fatto che permette l'inserimento degli dei nella interpretazione scientifica delle idee di creazione e della natura. Platone e Aristotele sono stati i primi che hanno mostrato un interesse per i problemi del rapporto della società e dello Stato.

Avanti, la storia della filosofia antica è stata continuata dai rappresentanti della dottrina stoica, l'Accademia di Platone, Epicuro creazioni filosofiche. Questo periodo è stato conosciuto sotto il nome del periodo della civiltà greca – ellenica. Si caratterizza per l'indebolimento del ruolo nello sviluppo del sapere filosofico è in realtà la componente greca.

Segni particolari della fase ellenistica consiste nel fatto che la crisi dei criteri di valore ha portato alla negazione e il rifiuto delle autorità anche prima, tra cui gli dei. Filosofi chiamano la persona a cercare le fonti della sua forza, fisica e morale, guardare dentro di sé, talvolta portare questo desiderio di all'assurdo, che si riflette negli insegnamenti degli stoici.

periodo romano, alcuni ricercatori chiamano la distruzione fase della filosofia antica, che di per sé sembra abbastanza assurdo. Tuttavia, dobbiamo riconoscere il fatto di una certa decadenza della filosofia antica, la sua diluizione nelle dottrine filosofiche di altre regioni e popoli. I rappresentanti più importanti di questa fase sono stati Seneca e successivamente Stoici, Mark Avrely, Tit Lukretsy Carus. A loro avviso, in particolare filosofia antica manifesta nella maggiore attenzione alle questioni di estetica, la natura e le priorità dei problemi di stato sui problemi del singolo. Durante questo periodo, emerge la posizione di leadership immagine idealistica del mondo in relazione al materialismo. Con l'avvento del Cristianesimo, filosofia antica si fonde a poco a poco con essa per formare a seguito di un principio fondamentale della teologia medievale.

Naturalmente, ciascuno di palco considerata aveva le proprie caratteristiche. Ma la filosofia antica possiede anche proprietà che hanno carattere trans-temporale – tipica di tutti i periodi. Tra questi possono essere chiamati alienazione di antica pensiero filosofico dalle particolari problemi di produzione materiale, il desiderio dei filosofi di posizionarsi nella società come portatori di verità "assolute" cosmocentrismo, e nelle ultime fasi – mescolandolo con l'antropocentrismo. Antica filosofia in tutte le fasi del suo sviluppo è strettamente legato alla visione del mondo teologica.