576 Shares 4477 views

Equilibrio chimico – sulla base di reazioni chimiche reversibili

Secondo una delle classificazioni utilizzate per descrivere processi chimici, ci sono due tipi di reazioni di fronte – reversibile e irreversibile. reazione reversibile non raggiunge la fine, cioè, nessuna delle sostanze che sono entrate in esso, non si consuma tutto e non cambia la concentrazione. Questo processo si conclude istituzione equilibrio chimico o di equilibrio, che denotano ⇌. Ma la diretta e inversa reazioni procedere ulteriormente, senza fermarsi, così chiamato equilibrio dinamico o mobile. Verrà un equilibrio chimico suggerisce che la reazione diretta avviene alla stessa velocità (V1), e che l'inverso (V2), V1 = V2. Se la pressione e la temperatura sono invariati, l'equilibrio del sistema può durare indefinitamente.


Quantitativamente equilibrio chimico descritto dalla costante di equilibrio che è il rapporto della linea costanti (K1) e reazioni (K2) di feedback. Calcolare può essere secondo la formula: K = K1 / K2. Prestazioni della costante di equilibrio dipenderà dalla composizione dei reagenti e la temperatura.
Spostamento dell'equilibrio chimico basato sul principio di Le Chatelier, che recita: "Se un sistema che è in equilibrio, influenza da fattori esterni, l'equilibrio viene disturbato e spostata nella direzione opposta a questo cambiamento."

prendere in considerazione condizioni di equilibrio chimico e il suo spostamento sull'esempio della formazione di molecole di ammoniaca: N2 + 3H2 ↔ 2NH3 + Q.

Considerando questa equazione reazione, impostare:

  1. risposta diretta – una reazione del composto, come 2 di sostanze semplici si forma complessa 1 (ammoniaca), e viceversa – decomposizione;

  2. reazione diretta procede con la formazione di calore, quindi è – è esotermica, quindi, invertire – endotermica e va con l'assorbimento di calore.

Consideriamo ora l'equazione disponibile modificando alcuni parametri:

  1. variazione di concentrazione. Se la concentrazione di sostanze iniziali aumentare – azoto e idrogeno – e ridurre la quantità di ammoniaca, l'equilibrio si sposta a destra alla formazione di NH3. Se si desidera spostare verso sinistra, aumentare la concentrazione di ammoniaca.

  2. L'aumento di temperatura si sposta l'equilibrio verso reazione in cui il calore viene assorbito e si abbassa – è evidenziato. Pertanto, se l'aumento della temperatura di sintesi dell'ammoniaca, l'equilibrio è spostato verso i materiali di partenza, vale a dire, sinistra, e quando la temperatura – a destra in direzione del prodotto di reazione.

  3. Se l'aumento di pressione, l'equilibrio si sposta sul lato, dove la quantità di sostanze gassose è meno, e quando la pressione diminuisce – nella direzione in cui la quantità di gas aumenta. In sintesi NH3 da N2 e 4 moli di 3H2 si ottiene 2 NH3. Pertanto, se si aumenta la pressione, l'equilibrio si sposta verso destra, alla formazione di NH3. Se la pressione viene ridotta, l'equilibrio si sposterà nella direzione dei prodotti originali.

Concludiamo che l'equilibrio chimico può essere disturbato se l'aumento o la diminuzione:

  1. temperatura;

  2. pressione;

  3. concentrazione di sostanze.

Quando si introduce alcun catalizzatore nella reazione saldo non viene modificato, cioè, equilibrio chimico non è disturbato.