93 Shares 6425 views

Elena Chukovskaya: biografia, vita personale, famiglia, funerale

Elena Tsukarevna Chukovskaya ha guadagnato fama come critico letterario e chimico. La sua vita è stata influenzata dalla seconda guerra mondiale, dalla perestroika e da altri periodi complessi brillanti nella storia della Russia.


L'infanzia iniziale

Il 6 agosto 1931, una figlia è nata nella famiglia di Cesare Samoilovich Volpe e Lydia Korneyevna Chukovskaya, che è stata nominata Elena. Qualche anno dopo la nascita, i miei genitori si sono divorziati, mia madre prende quasi immediatamente Matvey Bronstein.

Elena è nata a Leningrado. Tuttavia, nella sua prima infanzia ha trascorso un po 'di tempo in questa città. Nel 1937, un fisico teorico sovietico fu arrestato, dopo un breve processo fu condannato a morte. La politica del partito di governo per quanto riguarda le persone colpevoli ha determinato la possibilità di arresti e parenti stretti, in questo caso la madre di Elena. Ecco perché Lydia Korneyevna Chukovskaya ha deciso di lasciare Leningrado e è andato a vivere per un tempo con suo padre Korney Chukovsky.

Vita a Tashkent

Nel periodo di guerra, Elena Tsezarevna, insieme a sua madre, è stata quasi immediatamente evacuata a Tashkent. Insieme a loro va anche la cugina.

Anni degli studenti

Come principale linea di attività professionale, Elena sceglie la chimica e dopo la guerra nel 1948 entra nel dipartimento di chimica dell'Istituto di Stato a Mosca. In questo momento, suo nonno sta lavorando al manoscritto "Chukokkala", in cui la nipote lo aiuta durante la malattia.

Era il nonno che ha avuto molta influenza sul futuro critico letterario. Nel suo diario personale Korney Chukovsky ha notato che la sua nipote è ben organizzata e chiaramente separa il bene dal male.

Attività professionali

Dopo 6 anni di formazione, Elena Chukovskaya, la cui famiglia stava attraversando tempi duri, si è laureata all'università nel 1954. Quasi immediatamente è stata reclutata presso l'Istituto di Ricerca dei Comuni di Organoelement, dove ha lavorato fino al 1987.

Durante il suo tempo, si è presentata come un chimico di talento. Sotto la direzione di R. Kh. Freidlinoy nel 1962, Chukovskaya difese la sua tesi relativa all'ottenimento del grado scientifico di candidato delle scienze chimiche.

Nel corso dello sviluppo della carriera sono state scritte numerose opere scientifiche che si occupano della chimica organica, Elena è diventata coautrice della monografia.

Scelta della Facoltà di Chimica

In una delle sue interviste Elena Chukovskaya ha raccontato come è diventata un chimico. Secondo lei la scelta era in gran parte casuale. Era associato al fatto che la scuola era finita nel 1949, un tempo terribile per le scienze umanistiche. Molti problemi sono stati vissuti da sua madre e da nonno, che sono stati espulsi da tutto il mondo ei loro scritti non sono stati pubblicati. Le circostanze attuali hanno spinto la scelta di un campo di attività pratico.

Per Elena, il lavoro del nonno "Chukokkala" è diventato veramente fatale. Fu dopo la morte dello scrittore e l'eredità dell'almanac che la casa editrice "Art" si rivolse a lei, e la preparazione del lavoro è iniziata per la pubblicazione. A quel tempo, il lavoro letterario è diventato un favorito: un chimico per professione è diventato interessato a lavorare con archivi e note, ripristinare le opere. Fu durante questo periodo che si avvicinava a Solzhenitsyn. Per qualche tempo dopo la confisca degli archivi, Alexander Isaevich vive prima nella casa di campagna, e poi nell'appartamento di Chukovsky.

Un fatto interessante è che durante la vita del nonno Elena Chukovskaya non era impegnata nei suoi affari. Dopo l'eredità archivistica, ha dedicato la sua ulteriore vita alla sua conservazione e pubblicazione. Molta esperienza del critico letterario è stata ricevuta al momento della pubblicazione e diffusione indipendenti delle opere di Solzhenitsyn, residente in Ryazan. Anche sotto la minaccia di arresto e di espulsione dal paese, le opere furono pubblicate su base privata e circolavano segretamente nella capitale e nelle altre città dell'URSS.

Il critico letterario

Nonostante il grande entusiasmo nel campo della conoscenza della chimica, così come un'attiva attività professionale, Elena Chukovskaya rivolge molta attenzione alla letteratura. Come fu notato in precedenza, quando era una bambina era influenzata dal nonno, formò l'amore di Elena per la letteratura di vari generi.

Dopo la conoscenza con Solzhenitsyn e le sue opere, Elena Chukovskaya comincia a rendergli vari tipi di aiuto. Cominciarono a comunicare nei primi anni '60 e continuarono anche dopo l'espulsione di Solzhenitsyn dall'URSS.

Solzhenitsyn su Elena Tsezarevna Chukovskaya

Nel saggio "Il vitello con la quercia stava mangiando", Solzhenitsyn in una sezione separata chiamata "invisibile" raccontò l'aiuto di varie persone in un momento difficile. In questa sezione parla del suo rapporto con Elena al momento del suo soggiorno nell'URSS in pericolo di arresto.

Essendo un chimico di successo, Elena Chukovskaya, la cui biografia non era mai facile e senza nuvole, ha passato pacchi, ha organizzato incontri con le persone giuste, ha intervistato diversi testimoni per pubblicizzare le azioni illegali del governo contro Solzhenitsyn, ristampato cinque volumi entro 3 anni. Secondo lo scrittore, era moralmente pronta per il suo arresto, che potrebbe riflettersi in tutto il suo vicino cerchio di comunicazione, ma niente era impaurito. In caso di arresto, ha anche preparato per sé una certa politica di comportamento, basata sul fatto che la cosa principale non è confondersi nella testimonianza e niente da negare. Nel saggio è stato osservato che, in caso di arresto, Elena, come motivo della sua assistenza, avrebbe indicato assistenza alla letteratura russa.

Un fatto interessante è che non sono d'accordo su molte questioni, ma nonostante questo Chukovskaya ha aiutato Solzhenitsyn quando possibile.

La morte di KI Chukovsky

KI Chukovsky è morto nel 1968. Tutti i diritti per gli archivi e le opere letterarie sono state ereditate dalla figlia e dalla nipote. Tuttavia, nonostante il trasferimento dei diritti, parecchi problemi per gli eredi sono stati con la pubblicazione di "Chukokkaly", nella cui scrittura Elena ha partecipato durante gli anni degli studenti. La prima edizione è stata rilasciata nel 1979 e solo alla fine degli anni '90 l'almanac è stato ristampato in pieno.

La storia della lotta per la pubblicazione è trascinata da molti anni. Questo periodo è stato dedicato al saggio "Memorie su Chukokkala". Riflette come le persone che hanno circondato lo scrittore negli ultimi anni di vita hanno cercato di sfidare i diritti all'almanac e la decisione di Chukovsky di tradire il lavoro della figlia con la sua nipote.

Casa-Museo di Korney Chukovsky

A Peredelkino, dove venne l'autore di "Chukokkaly", è stato creato un museo dedicato alla sua vita e al suo lavoro. Al momento della morte e oltre, le autorità non hanno prestato attenzione al desiderio delle persone di preservare il lavoro e la storia del maestro, ma sua nipote e figlia hanno fatto molti sforzi per aprire e mantenere il museo. Ancora oggi, dopo la morte della nipote, continua a lavorare.

Le prime guide erano la nipote e Klara Izrailevna Lozovskaya – la segretaria personale dello scrittore.

Nel 1996, la madre di Elena Tsezarevna Chukovskaya muore. Dopo la sua morte, inizia il suo lavoro sul suo archivio e la pubblicazione di opere. In questo aiuta Zh. Khavkin.

Pubblicazioni di Elena Tseksarevna Chukovskaya

Le opere più famose che cominciarono a essere stampate dal 1974 sono le seguenti:

  1. "Ritorno di Solzhenitsyn alla cittadinanza dell'URSS". L'edizione è stata rilasciata nel 1988. Si basa sulla comunicazione personale con lo scrittore, valutazione del suo carattere e della sua visione del mondo.
  2. Raccolta di articoli su Solzhenitsyn, scritti insieme a Vladimir Gloriser. La raccolta "La parola rompe il suo modo" è stata rilasciata nel 1998.
  3. Memorie di Boris Pasternak (1988).

Come già accennato, la vita di Chukovskaya è stata fortemente influenzata dalla comunicazione con Solzhenitsyn. Questo si riflette nella sua attività creativa.

La maggior parte degli anni negli ultimi anni della sua vita si dedica alla preparazione e alla pubblicazione di opere scritte da sua madre e nonno. Il suo atteggiamento riverente all'archivio ha portato alla pubblicazione di opere quali "Casa del Poeta", "Procher", "Diario" di Korney Chukovsky, nonché la corrispondenza personale tra padre e figlia, che riguardava l'attività creativa.

Sono state pubblicate molte opere, che sono state commentate alla creatività dei loro parenti. Per capire alcune delle opere, è necessario sapere quale periodo di vita sono stati scritti.

Elena Chukovskaya: la vita personale

Circa la vita personale di Elena Tseksarevna Chukovskaya, praticamente nulla è conosciuto. Tutte le interviste che ha dato negli ultimi anni della sua vita erano legate solo al suo lavoro di critico letterario. Elena Tsezarevna Chukovskaya, la cui vita privata è coperta da un velo di segretezza, dopo la morte del nonno e della madre, ha investito tutti i suoi sforzi nella restaurazione dell'archivio familiare. È noto solo che lei non ha figli, non è ufficialmente sposata.

Elena Chukovskaya: funerale

Elena Tsezarevna è scomparso il 3 gennaio 2015 a Mosca all'età di 83 anni. È stata sepolta al cimitero di Peredelkino, accanto alle tombe di sua madre, nonna e nonno. L'addio è caduto sulla festa ortodossa di Natale, la cerimonia è stata organizzata nella Casa di russa all'estero. Anche con Solzhenitsyn, Elena non era d'accordo su questioni legate alla fede. Forse, pertanto, o per la festa ortodossa, non c'era servizio funebre in chiesa.