662 Shares 991 views

Casco tedesco: la storia del cambiamento

È difficile sovrastimare l'importanza dei caschi per i soldati ordinari, talvolta è l'unica possibilità di salvezza. Dopo tutto, il casco è in grado di proteggere la testa da frammenti di bombe, conchiglie e in alcuni casi anche da proiettili. Particolarmente attraente era il suo uso durante la prima guerra mondiale: le azioni furono spesso condotte nelle trincee che coprivano i corpi dei soldati, ma la testa era un ottimo bersaglio.


Dal 1916, le truppe tedesche sono state massicciamente equipaggiate con speciali caschi in acciaio M-16. Il prototipo per la loro creazione era il casco dei francesi, alla quale i tedeschi attirarono l'attenzione nel 1915. Fu questo il modello che è diventato il più riconoscibile e memorabile. Il casco tedesco della prima guerra mondiale è stato realizzato sotto forma di cilindro, che copre la testa, dotato di un cofano conico, il cui scopo era quello di proteggere le orecchie da onde sonore e schegge.

Questo modello era dotato di una balaclava, attaccata ad un particolare cerchio in pelle con rivetti. Alla fine sono stati sostituiti da clameri – bottoni con gambe – vitelli, che si estendono dopo aver montato l'attaccamento nel casco. Ma questa fissazione non era molto affidabile e nel tempo la pelle veniva sostituita da metallo. Il casco tedesco, dotato di un nuovo cerchio metallico, è stato chiamato M-17. Un anno dopo è stata rilasciata un'altra versione del casco, in cui le orecchie sono state aperte, ma in connessione con la fine del combattimento si è diffusa, non ha ricevuto.

La prima apparizione dei caschi tedeschi che i soldati avevano durante la Seconda Guerra Mondiale risale al 1931. Era in questo momento che un prodotto speciale per il casco fu installato sul prodotto, senza la sua funzionalità limitata. Solo con l'avvento di questo dispositivo, il casco tedesco ha iniziato ad appendere la testa durante la corsa, il salto e anche la caduta.

I nuovi modelli M-35, prodotti nel 1935, erano già in grado di proteggere anche il soldato da pallottole che volavano tangenzialmente. Riducendo le gronde, che non proteggevano la testa, aumentando lo spessore del metallo, cambiando la tecnologia di creazione di fori di ventilazione aumentava solo la forza dei caschi. Naturalmente, questi caschi tedeschi leggeri, confortevoli, ma allo stesso tempo affidabili del secondo mondo dai puntini diretti a testa non hanno risparmiato, ma comunque potrebbero aiutare a sopravvivere ariani.

Ma non era la versione finale del casco protettivo. Nel 1940, i tedeschi crearono il modello M-40, che divenne il principale per l'intero periodo della seconda guerra mondiale. A differenza dei suoi predecessori, questo casco tedesco era più pesante, ma grazie a questo, è meglio protetto contro colpi diretti di frammenti di gusci o miniere. Un'altra novità era l'aspetto dei fermi metallici sulle cinghie del casco. Inoltre, i fori di ventilazione sono stati stampati (in precedenza erano il produttore come rivetti cavi separati e inseriti in fori forati preparati).

I costruttori hanno prestato attenzione non solo alla forma, alla funzionalità, alla composizione della lega da cui è stato realizzato il casco tedesco, ma anche al suo colore. Se durante le parate si potevano vedere caschi opachi di colore grigio-verde, il colore cambiò sul davanti a seconda dell'ora dell'anno, del luogo delle operazioni di combattimento e, naturalmente, del tipo di truppe. Solo a metà della guerra usavano speciali copertine e reti di camuffamento.