400 Shares 2410 views

Scrittori dell'era d'argento. Letteratura dell'era d'argento in Russia

La letteratura dell'era d'argento in Russia, creata alla fine del XIX e XX secolo, è una parte importante del patrimonio artistico del nostro Paese. Per questo tempo è stato caratterizzato dalla presenza di molte tendenze e tendenze diverse, le contraddizioni ideologiche inerenti non solo a diversi autori, ma avvengono anche nelle opere di singoli scrittori, compositori, artisti. Durante questo periodo, c'è stato un aggiornamento, un ripensamento di molti tipi e generi di creatività. Come M.V. Nesterov, c'era una "rivalutazione universale dei valori".


Anche tra i pensatori progressisti e le figure culturali, c'è stato un duplice atteggiamento verso il patrimonio creativo lasciato dai democratici rivoluzionari.

decadenza

La cultura dell'arte in generale e la letteratura dell'era d'argento in Russia in particolare alla fine del XIX e del XX secolo sono stati caratterizzati da un'ampia diffusione della decadenza ("decadenza"), proclamando la fede nella ragione, la perdita degli ideali civili, il ritiro alle esperienze personali e personali. Così, una parte dell'intellenzia ha cercato di "allontanarsi" dalle difficoltà della vita in un mondo di inutilità, sogni e talvolta mistici. Questo processo si è svolto, perché a quel tempo si è verificata una crisi della vita pubblica, e la creatività artistica ne ha riflettuto.

La decadenza ha catturato anche i rappresentanti delle tendenze realistiche dell'arte. Tuttavia, più spesso tali idee erano ancora caratteristiche dei rappresentanti delle tendenze moderniste.

Modernismo e realismo nell'arte

Il termine "modernismo" si applica a molte forme d'arte del XX secolo. È apparso all'inizio del secolo, e il suo predecessore era realismo. Tuttavia, quest'ultimo era ancora in passato, grazie all'influenza del modernismo, nascono nuovi elementi: si aprivano le "cornici" della visione della vita, cominciò la ricerca di mezzi di espressione dell'individuo nella creazione artistica.

La caratteristica più importante dell'arte del primo Novecento è la sintesi, l'unione di varie forme.

Letteratura del turno del secolo

Già negli anni '90, nel XIX secolo, la letteratura russa ha mostrato tendenze contrarie al realismo prevalente a quel tempo. Il principale era il modernismo. Molti scrittori dell'era d'argento (l'elenco, le direzioni e i loro principali rappresentanti che considereremo qui sotto) in qualche modo sono usciti dal realismo. Continuarono a creare, creando nuove tendenze e tendenze.

modernismo

La letteratura dell'era d'argento in Russia è aperta dal modernismo. Sono stati uniti da vari poeti e scrittori, spesso molto diversi nel loro aspetto ideologico e artistico. A quel tempo iniziavano ricerche moderniste attive, ispirate in molti modi da F. Nietzsche, così come alcuni scrittori russi, ad esempio A.A. Kamensky, M.P. Artsybashev e altri. Essi proclamarono la libertà della creatività letteraria, si chiamavano sacerdoti, predicavano il culto del "superero", rinunciando agli ideali sociali e morali.

simbolismo

Come una direzione, il simbolismo in Russia ha preso forma alla fine del XIX e del XX secolo. Evidenziare i simboli "anziani", tra cui V. Bryusov, F. Sologub, K. Balmont, Z. Gippius e altri, che furono i primi a creare in questa direzione. Fra i rappresentanti più giovani sono gli scrittori dell'era d'argento A. Bely, V. Ivanov, S. Soloviev, A. Blok e altri. Le fondamenta teoriche, estetiche e filosofiche di questa tendenza erano molto diverse. Ad esempio, secondo V. Bryusov, il simbolismo era una direzione puramente artistica, e Merezhkovsky prese il cristianesimo come base; Vyacheslav Ivanov si basava sull'estetica e sulla filosofia dell'antichità nella rifrazione di Nietzsche e A. Bely apprezzava le opere di Schopenhauer, Nietzsche, Kant e V. Solovyov. L'ideologia dei simbolisti "più giovani" si basa sulla filosofia di V. Solovyov con l'idea della venuta dell'Eterno Femminile e del Terzo Testamento.

I simboli hanno lasciato un'eredità sia della poesia che della prosa, dramma. Ma la poesia era la più tipica, in molti generi di cui molti scrittori dell'era d'argento lavoravano in questa direzione.

VY Bruce

Creatività V.Ya. Bryusov (1873-1924 gg.) Contrassegnato da molte ricerche ideologiche. Gli eventi rivoluzionari del 1905 hanno suscitato la sua ammirazione e hanno segnato l'inizio della partenza del poeta dal simbolismo. Tuttavia, Bryusov ha scelto una nuova direzione non contemporaneamente, mentre ha formato il suo atteggiamento verso la rivoluzione, che è stato molto contraddittorio. Il poeta ha accolto con piacere le forze che, a suo avviso, dovevano purgare la Russia dei vecchi principi e credenze e porre fine al vecchio mondo. Tuttavia, nel suo lavoro ha anche notato che questa forza elementare porta in se stessa la distruzione. "Breaking – sarò con te! Costruisci – no!" – ha scritto V.Ya. Bruce.

Il suo lavoro creativo è caratterizzato da un desiderio di una comprensione scientifica della vita, una ripresa dell'interesse nella storia, condivisa da altri scrittori dell'età dell'argento (l'elenco dei rappresentanti del simbolismo è stato menzionato in precedenza).

realismo

Le contraddizioni ideologiche caratteristiche dell'epoca nel suo complesso hanno anche influenzato alcuni scrittori realisti. Ad esempio, nelle opere di LN. Andreev rifletteva una partenza dai principi realistici.

Ma in generale il realismo non è scomparso. La letteratura dell'età dell'argento, i cui poeti sono venuti fuori dal realismo, ha mantenuto questa tendenza. Il destino di una persona ordinaria, i vari problemi sociali, la vita in molte delle sue manifestazioni, si riflettevano ancora nella cultura. Uno dei più grandi rappresentanti del realismo in quel periodo era lo scrittore A. Bunin (1870-1953 gg.). In un periodo difficile pre-rivoluzionario, hanno creato la storia "Village" (nel 1910) e "Sukhodol" (nel 1911).

Acmeism

Nel 1910 c'era una polemica attorno al simbolismo e la sua crisi fu delineata. Questa successione viene gradualmente sostituita dall'acmeismo ("acme" in traduzione dal greco – il grado più alto, tempo di fioritura). I fondatori della nuova corrente sono solitamente NS. Gumilyov e S.M. Gorodetsky. Questo gruppo comprendeva anche scrittori dell'era d'argento OE. Mandelshtam, MA Kuzmin, V. Khodasevich, A.A. Akhmatova, MA Zenkevich e altri.

A differenza di qualche oscurità, la nebulosità del simbolismo, gli acmeisti proclamarono la loro esistenza terrena come sostegno, "una visione chiara della vita". Inoltre, la letteratura acmeista dell'era d'argento (i cui poeti e scrittori sono appena stati elencati) hanno portato all'arte una funzione estetico-edonistica, cercando di allontanarsi dai problemi sociali della poesia. Nel acmeismo, motivi decadenti sono chiaramente ascoltati e l'idealismo filosofico è diventato il supporto teorico di questa tendenza. Alcuni scrittori russi dell'era d'argento sono andati ulteriormente nel loro lavoro, che ha acquisito nuove qualità ideologiche e artistiche (ad esempio AA Akhmatova, MA Zenkevich, SM Gorodetsky).

Nel 1912 è comparsa una collezione di "Hyperboreys" nel mondo, in cui è apparsa una nuova tendenza letteraria. Gli acmeisti si consideravano come successori del simbolismo, di cui Gumilev disse che aveva "completato il suo ciclo di sviluppo" e proclamò la rinuncia della ribellione, la lotta per cambiare le condizioni di vita che la letteratura dell'era d'argento spesso esprimeva.

Gli scrittori – i rappresentanti di acmeismo hanno cercato di rilanciare la concretezza, l'oggettività dell'immagine, per liberarla dal misticismo. Tuttavia, le loro immagini sono molto diverse da quelle realistiche, come dice S. Gorodetsky, sembrano essere "… nati per la prima volta" e appaiono come qualcosa di finora senza precedenti.

AA Achmatova

Nel lavoro di questa direzione, AA assume un posto speciale. Achmatova. La prima collezione delle sue poesie "Sera" apparve nel 1912. È caratterizzato da intonazioni restrittive, psicologismo, temi collocati, emozionalità e profondo lirismo. AA Akhmatova era chiaramente basata sull'idea del "primato Adam", proclamato dagli Acmeists. Il suo lavoro è caratterizzato dall'amore per l'uomo, dalla fede nelle sue capacità e dalla forza spirituale. La maggior parte dell'opera di questa poetessa cade negli anni sovietici.

Le prime due collezioni di Akhmatova, la suddetta "Sera" e "Il Rosario" (1914), hanno portato la sua grande fama. Riflettono un mondo intimo e stretto in cui si apprezzano le note di tristezza e di tristezza. Il tema dell'amore qui, il più importante e unico, è strettamente legato alla sofferenza causata da fatti biografici dalla vita della poetessa.

NS Gumilev

Grande e significativo patrimonio artistico di NS. Gumilev. Nell'opera di questo poeta, i temi principali erano storici ed esotici, e anche cantò "una forte personalità". Gumilev ha sviluppato la forma del versetto, ha reso più preciso e inseguito.

Gli acmeisti della creatività non erano sempre contrari ai Simbolisti, perché nelle loro opere si possono trovare "mondi diversi", desiderosi di loro. Gumilev, prima accogliendo la rivoluzione, un anno dopo sta già scrivendo poesie sulla morte del mondo, la fine della civiltà. Capisce improvvisamente le devastanti conseguenze della guerra, che possono essere disastrose per l'umanità. Nella sua poesia "Lavoratore" sembra prevedere la sua scomparsa dal colpo del proletario, un proiettile che "mi separerà dalla terra". Nikolai Stepanovich è stato girato per presumere che partecipa a una cospirazione contro-rivoluzionaria.

Alcuni poeti e scrittori dell'era d'argento, successivamente, emigrarono rappresentanti di acmeismo. Altri non sono stati in grado di farlo. Ad esempio, Anna Andreevna Akhmatova, moglie di NS. Gumilev, non accettò la Grande Rivoluzione d'Ottobre, ma si rifiutò di lasciare il suo paese natale. Questi eventi hanno lasciato una grande traccia nella sua anima e la poetessa non poteva immediatamente tornare al suo lavoro. Tuttavia, lo scoppio della Grande Guerra Patriottica ha suscitato nuovamente in lei un patriota, un poeta fiducioso nella vittoria del suo paese (opere "Coraggio", "Giuramento" e altri).

futurismo

Allo stesso tempo, come con l'acmeismo (cioè nel 1910-1912), sorge il futurismo. Lui, come altre aree, era eterogeneo, evidenziando diverse correnti. Il più grande di loro, cubofuturismo, unì i poeti V.V. Mayakovsky, V.V. Khlebnikov, D.D. Burliuk, V.V. Kamensky, A. Kruchenykh e altri. Un altro tipo di futurismo era l'ego futurismo, rappresentato dall'opera di I. Severyanin. Il gruppo "Centrifuga" comprendeva principianti in quel periodo poeti NN. Aseev e B.L. Pasternak, così come altri scrittori e scrittori dell'era d'argento.

Il futurismo ha fatto una rivoluzione di forma che ora è indipendente dal contenuto, ha proclamato la libertà di parola, abbandonando completamente la continuità letteraria e le tradizioni. Manifesto dei futuristi "Slap contro il gusto del pubblico", pubblicato nel 1912, ha chiesto il rovesciamento di grandi autorità come Tolstoy, Pushkin e Dostoevsky dal piedistallo.

Scrittori dell'era d'argento della letteratura russa Kamensky e V. Khlebnikov sono riusciti a condurre esperimenti di successo con la parola, che hanno influenzato l'ulteriore sviluppo della poesia russa.

VV Majakovskij

In mezzo ai futuristi, il grande poeta V.V. Mayakovsky (1893-1930 gg.). Nel 1912 furono pubblicate le sue prime poesie. Mayakovsky non solo era contro "tutti i tipi di spazzatura", ma ha anche proclamato la necessità di creare un nuovo nella vita pubblica. Vladimir Vladimirovich ha anticipato la rivoluzione di ottobre, ha denunciato il regno del "grasso", che è stato riflesso nelle sue poesie Guerra e Pace, Cloud in Pantaloni, Uomo, Flauto-Spina, in cui l'intero sistema capitalistico è stato negato e la fede in persona.

Altri poeti e scrittori dell'era d'argento

Negli anni precedenti la rivoluzione c'erano altri poeti e scrittori luminosi dell'era dell'argento della letteratura russa, che sono difficili da attribuire a questa oa quella direzione, per esempio, MA. Voloshin e M.I. Cvetaeva. La creatività di quest'ultima è caratterizzata dall'indipendenza dimostrativa, nonché dal rifiuto di norme e concetti comportamentali generalmente accettati.

La cultura russa di questo tempo era il risultato di un percorso grande e complesso. Le sue caratteristiche intrinseche sono rimaste invariabilmente l'alto umanesimo, la nazionalità e la democrazia, nonostante l'alta pressione della reazione del governo. Informazioni più dettagliate possono essere trovate in qualsiasi libro di testo ("Letteratura", 11 ° grado), l'età d'argento è necessariamente inclusa nel curriculum scolastico.