164 Shares 8738 views

Domenica sanguinosa


Spaventoso Domenica di sangue nel 1905 non è accaduto all'improvviso. Essa è stata preceduta dal movimento e gli operai ei contadini in molte regioni del paese durante tutta del 1904. Nel mese di dicembre, lo sciopero a Baku ha portato alla conclusione del contratto con i proprietari della fabbrica. Si discute gli aumenti salariali, riduzione dell'orario di lavoro, ferie annuali e di altre questioni. Al Putilov sciopero iniziato il 3 gennaio 8 gennaio acquisito scala universale.

E gli eventi del giorno successivo, il 9 gennaio, e conservati nella storia come "Domenica di sangue", ha segnato l'inizio della rivoluzione, che è durata due anni e mezzo. Il suo sviluppo coinvolge diversi passaggi.

Così, il prologo della rivoluzione è stata la Domenica di sangue e lo sciopero generale di San Pietroburgo. Sotto la guida di Gapon, cercando di ripagare in qualche modo la rivolta, gli operai delle fabbriche di San Pietroburgo sono stati pari a una petizione che conteneva la richiesta di migliorare la loro situazione finanziaria (per rendere riduzione dell'orario di lavoro, ferie annuali e fornire altri benefici). Erano le sue esigenze e politica: per introdurre democratiche libertà (la coscienza, il discorso, immunità), l'Assemblea costituente di convocare con voto segreto e uguale.

Con questa petizione i lavoratori andarono dal re, fiducioso nella sua misericordia e la giustizia. I socialdemocratici sono stati in grado di dissuadere qualsiasi Giappone South dal concepimento, né i soldati di non sparare ai lavoratori. Le autorità erano a conoscenza della preparazione della marcia, circa il contenuto della petizione, ma non hanno interferito con tutto questo apertamente. Tuttavia, il 7 e l'8 gennaio in occasione della riunione il capo della città, si è discusso in dettaglio la posizione delle truppe reali. Svyatopolk-Mirsky ha riferito a Nicola II sulle misure che vengono prese, dopo di che andò a Tsarskoye Selo.

Colonne capeggiati da Gapon, ci sono 140 mila lavoratori. Hanno mantenuto le icone, un ritratto del re, cantando le preghiere e si è trasferito al centro di San Pietroburgo. soldati catena incontrato i manifestanti davanti al Palazzo d'Inverno prima raffiche vuote, e poi sparare alla gente "armati" solo le icone, ma i banner.

In altre zone dei lavoratori della città, troppo, non sono stati risparmiati. cinquemila – un risultato di oltre un migliaio di persone e feriti sono stati uccisi nella Domenica di sangue. Questo crudele e insensata violenza con le persone che andò dal re con fiducia e intenzioni pacifiche (tra cui donne, bambini e anziani), ha provocato l'indignazione di vita russa all'estero. Accuse che il re non era nella capitale e ha dato l'ordine di sparare non, non ha aiutato. E la sera 9 gennaio Domenica di Sangue era una continuazione: gli operai nel pomeriggio ha cominciato a costruire barricate sono stati eretti su Vasilyevsky Island. I manifestanti, ancora abbastanza tranquilli al mattino, alla sera ha aggressivamente attaccato i negozi di armi, stazioni di polizia, carabinieri. Il processo è sviluppata molto rapidamente. Era chiaro che la Domenica di Sangue nel 1905 – solo l'inizio di una grande rivoluzione.

La risposta delle autorità del crimine ha iniziato le proteste con i manifestanti già 440.000. Il loro slogan principale era la chiamata di "Abbasso l'autocrazia!". Gli scioperi hanno avuto luogo in tutte le principali città. In Ivanovo-Voznesensk è stato creato dal Consiglio dei commissari di Montecitorio. Inoltre, la rivolta di massa delle città diffuse ai villaggi. Contadina Union, ha avanzato le loro richieste è stato creato.

Governo sotto pressione per far crescere il movimento rivoluzionario ha dovuto fare delle concessioni. E ', come promesso, ha convocato il Bulygin Duma, è stato nominato dopo che il ministro degli Interni, essendo al potere in quel momento. Tuttavia, il tentativo è fallito una volta come il corpo zakonosoveschatelnogo che voleva stabilire un diritto di voto troppo limitati e le opportunità della gente comune. Così la prima fase della rivoluzione.