680 Shares 8946 views

Anidride carbonica, le sue proprietà fisicochimiche e il suo significato

L'anidride carbonica, o anidride carbonica, è sinonimo di ben noto biossido di carbonio. Secondo la classificazione chimica, questa sostanza è monossido di carbonio (IV), CO 2 . In condizioni normali questo composto è nello stato gassoso, non ha colore e odore, ma ha un sapore acido. Si dissolve in acqua, formando un acido carbonico (carbonato). Una caratteristica dell'anidride carbonica è che a norma pressione atmosferica (101 325 Pa o 760 mm Hg) non esiste nello stato liquido, ma solo sotto forma di gas o cosiddetto ghiaccio secco. Il liquido di anidride carbonica può essere formato solo se la pressione atmosferica è aumentata. In questa forma può essere trasportato in cilindri e utilizzato allo scopo: saldatura, produzione di bevande gassate, congelamento e raffreddamento di prodotti alimentari e estintori. Questa sostanza è usata e come conservante E 290, polvere di cottura per pasta e refrigerante.


L'anidride carbonica è un ossido acido, in modo da poter reagire con alcali e ossidi di base, formando carbonati di sale o carbonati di idrogeno e acqua. Una reazione qualitativa alla determinazione del CO 2 è la sua interazione con l'idrossido di calcio. La presenza di questo gas sarà indicata dalla torbidità della soluzione e dalla formazione di un precipitato. Alcuni metalli alcalini e alcalini (attivi) possono bruciare in un'atmosfera di anidride carbonica, portando via l'ossigeno. Anche il biossido di carbonio entra in sostituzione chimica con reazioni di aggiunta Elementi organici.

Si verifica in natura e fa parte della busta aerea della Terra. Nell'ambiente è isolato da organismi viventi durante la respirazione e le sue piante vengono assorbite in fotosintesi e utilizzate nei processi fisiologici e biochimici.

A causa della sua elevata capacità di calore, rispetto ad altri gas dell'atmosfera, l'anidride carbonica, quando la concentrazione nell'ambiente aumenta, porta al suo surriscaldamento, a causa del più basso trasferimento di calore allo spazio esterno. Un aumento della temperatura porta alla fusione dei ghiacciai e, di conseguenza, il cambiamento climatico sul globo. Gli scienziati hanno calcolato e concluso che le piante verdi possono contribuire a risolvere questo problema (nella lotta contro l'effetto serra), che sono in grado di assorbire molto più CO2 di quanto sia emesso ora.

Nonostante il fatto che l'anidride carbonica partecipa al metabolismo delle piante e degli animali, il suo contenuto aumentato nell'atmosfera può causare sonnolenza, debolezza, mal di testa e persino soffocamento. Al fine di evitare l'ipercapnia, è necessario ventilare le camere, soprattutto in luoghi dove un gran numero di persone sono raccolte.

Così, l'anidride carbonica è un ossido acido, che si trova nella natura ed è un prodotto del metabolismo dei rappresentanti della flora e della fauna. Il suo accumulo nell'atmosfera è il meccanismo d'innesco dell'effetto serra. L'anidride carbonica, quando reagisce con l'acqua, forma un acido carbonico instabile che può decomporsi in acqua e CO2.