109 Shares 4217 views

Il campo magnetico e le sue caratteristiche principali

Una delle più importanti caratteristiche fisiche dell'ambiente umano sia naturale che artificiale è il campo magnetico. Si tratta di una forma di esistenza del campo elettromagnetico. La caratteristica principale di questa forma è che il campo magnetico agisce solo sulle particelle e organismi, che, da un lato, sono in continuo movimento, e dall'altro – comprendono una carica elettrica specifica.


Un altro corso di fisica sappiamo che per generare un campo magnetico necessario conduttore portatore di corrente alternata campi elettrici. Le caratteristiche più importanti di questo campo sono l'induzione magnetica e la forza magnetica.

Il campo magnetico costituisce una delle grandezze vettoriali studiati in fisica, che consiste della elettromagnetica differenza vettore induzione e il vettore di magnetizzazione. Poiché l'intensità magnetica ha il vettore valore, allora la sua unità di misura nel convenzionale e più comune SI è considerato ampere per metro. Per ricevere l'intensità del campo elettromagnetico e la grandezza di 1 / m, è necessario che in un filo rettilineo estesa con un diametro più piccolo possibile fluisca sezione corrente elettrica 2π amplificatore. In questo caso tutti i punti formati da tale corrente di campo magnetico di 1 metro e un'intensità di campo elettromagnetico è pari a 1 A / m.

Il campo magnetico, in altre parole, il numero di linee di forza del campo può essere stimato. In particolare, per determinare la direzione di queste linee, è possibile utilizzare il noto sopra la regola della mano destra. Questa regola – uno dei capisaldi dell'intera ingegneria elettrica. Si precisa che in tal caso, se l'orientamento generale del moto pollice completamente identica con la direzione della corrente elettrica in un conduttore particolare, il senso di rotazione del pollice è identica alla direzione delle linee di campo magnetico.

Concentrandosi su questa regola, è facile dimostrare che le linee magnetiche che si verificano nelle spire della bobina sono dirette nella stessa direzione. Da questo si può concludere che il campo magnetico all'interno della bobina sarà molto più forte l'intensità prodotta da un giro. Ciò è dovuto al compreso il fatto che le linee di forza di spire adiacenti sono paralleli tra loro, ma in direzioni diverse, quindi, l'intensità del campo magnetico tra loro diminuirà continuamente.

È naturale che il campo magnetico di ogni bobina è direttamente proporzionale alla forza della corrente che passa attraverso le spire. Inoltre, l'intensità del campo magnetico dipende da quanto queste avvolgimenti sono disposti uno rispetto all'altro. Empiricamente, è provato che le due bobine in cui la corrente elettrica scorre la stessa forza, e il numero di giri completamente coincidono, il campo magnetico è più forte di quello in cui la bobina ha una lunghezza assiale minore, cioè le spire sono molto più vicini gli uni agli altri.

Una caratteristica molto importante del campo magnetico è un valore numerico di amperspire, che può essere calcolato moltiplicando il numero di spire della bobina dalla potenza della corrente che scorre in esse. e la forza magnetomotrice dipenderà dal valore di amperspire. Sulla base di questo concetto, è facile dimostrare che il campo magnetico dello studio della bobina è direttamente proporzionale al numero di amperspire per unità di lunghezza assiale. In altre parole, l'intensità del campo elettromagnetico è maggiore, maggiore è la grandezza della forza magnetomotrice generata nella bobina di prova.

Oltre ai campi magnetici generati artificialmente, v'è una naturale campo magnetico terrestre, che è formata principalmente nel guscio esterno del nucleo. Le principali caratteristiche di questo settore, tra cui tensione, variano nel tempo e nello spazio, ma tutte le leggi fondamentali caratteristici dei campi creati artificialmente, e operano nel campo geomagnetico.