699 Shares 8251 views

Facebook – la crescente cimitero digitale

Immaginate la situazione: un uomo vive per se stesso, e improvvisamente muore amata zia. Il giorno dopo la sua morte, scopre l'iscrizione sul risguardo del libro, che lei gli aveva dato, "Io so come parole importanti per voi, ecco il mio regalo a voi. L'amore, la zia Jackie. "


Vivo o morto sul "Facebook"?

Naturalmente, ha toccato un uomo fino al midollo, e ha aperto il suo computer portatile a cercare la mia pagina zia nel social network Facebook. Dopo tutto, se hai letto quello che ha scritto quello che ha scritto, che registra la sua tenuta sul muro, sarebbe utile per lui. Ciò potrebbe avere un effetto calmante. Ultimo messaggio sul muro era un video di suo nipote, in cui due elefanti che giocano in acqua (la mia zia era molto appassionato di elefanti). Qui di seguito potete trovare un messaggio di addio dai suoi ex studenti, così come un necrologio messo la sua sorellastra. Guardando al di sopra, le persone hanno trovato la seguente: la zia Jackie studiato inglese a Frostburg Università pubblica, è stato capo del dipartimento delle scuole di lingua Inglese a Baltimora e vive a Baltimora, nel Maryland. "Io vivo?" – il pensiero dell'uomo. Lei non vive più, è morta. Ma se vi capita di essere sulla sua pagina nel "Facebook" e scorrere verso il basso per il suo necrologio, non si sa che. E 'in un certo senso viva, lei sarà qui sul "Facebook".

corpo di morte e la vita nel social network

Naturalmente, questo porta alla mente il giorno in cui tutta la famiglia è un valore di circa zie, collegati da fili alle macchine, e sembra che lei sta morendo … Ed è molto strano per essere testimone di questo fenomeno – in un istante l'uomo che ami è vicina si, si parla di lui, tenendogli la mano, grato che lui era lì. E nel momento successivo è andato … Un dispositivo ha dimostrato frequenza cardiaca – e si è spento come un risultato. La stessa cosa è successa con un altro dispositivo – incredibile "computer" che memorizza tutti i pensieri, i ricordi, la comunicazione. E mentre una persona non è in grado di utilizzare l'alta tecnologia per continuare a vivere dopo la morte del corpo, alta tecnologia permettono di vivere in forma di ricordi nella rete. Ma in che modo la presenza di conti di persone decedute che cambia nelle reti sociali, le persone stanno morendo? E cosa importa per coloro che rimangono dopo che i loro cari morire?

cimitero digitale

Il numero di persone morte sul "Facebook" sta crescendo molto velocemente. Entro il 2012, cioè dopo solo otto anni dopo il lancio della piattaforma, 30 milioni di utenti del social network erano già morti. E questa cifra è cresciuta fino ad oggi. Alcune fonti sostengono che circa otto milioni di utenti di "Facebook" muoiono ogni giorno. Verrà un tempo in cui il social network saranno persone più morto che vivere. "Facebook" – è il cimitero digitale sempre crescente.

Capacità di leggere i messaggi ushedschih

Molti dei profili sul "Facebook" segnato i propri cari che sono morti, guadagnando lo status memoralised, – appare l'ingresso nel tuo profilo che questa persona si ricorderà e piangono come su di esso, e cessa di apparire in varie forme di ricerca. Per esempio, non si offrono come un profilo di "persona che si può sapere" e non si dispone di un ricordo del suo compleanno. Tuttavia, non tutti gli utenti del social network che sono morti, ha ricevuto lo status di memoralised.

identità digitale

Una persona di cui al presente articolo, era morto da poco un ex compagno di classe, Carrie. Si è suicidato a pochi anni fa, ma la moglie e gli amici periodicamente scrivere il suo messaggio digest, mettendo i messaggi e così via. Né profilo Kerry o profilo della zia Jackie non hai lo status memoralised. Così, la morte di queste persone sono di nessuna importanza per il social network, così come per quegli utenti che accidentalmente si trovano sulle loro pagine. La loro "identità digitale" continuano ad esistere.

Autobiografia allora e di oggi

I media hanno mostrato il popolo "il potere del momento" – essi sono autorizzati a seguire la cerimonia, spettacoli televisivi, partite di calcio e di altre situazioni simili in aria, qui e ora. Ma ora è il momento di pensare a quello che succederà dopo tutto questo – il patrimonio. In precedenza persone eccezionali hanno lasciato dietro di sé un'eredità, perché dopo le prove sono state scritte delle loro azioni, o le cifre più recenti è esplorato da soli facevano i loro predecessori. Tuttavia, le alte tecnologie stanno cambiando le regole del gioco. Ora, molte persone passano circa 12 ore alla settimana, secondo recenti studi, per la scrittura la sua autobiografia nella rete sociale.

patrimonio

I suoi pronipoti saranno in grado di scoprire su di te, studiando la pagina nella rete sociale. Se assumiamo che le reti sociali non spariranno e rimarranno in questo formato, i discendenti saranno in grado non solo di conoscere i principali eventi nella vostra vita, come accade in queste autobiografie. Essi saranno inoltre in grado di scoprire un po ', molto piccoli dettagli della vita quotidiana – immagini che ti fanno ridere, post che condividi con i tuoi amici, i ristoranti, dove cenare battute cari che ti diverti. E, naturalmente, a loro disposizione è una quantità enorme di foto. Studiando queste informazioni, i tuoi pronipoti saranno in grado di conoscere più di quanto si sa sui loro antenati.