736 Shares 1787 views

Riassunto "Cent'anni di solitudine" di Gabriel Garcia Marquez

Una delle opere dei classici mondiali che abbiamo studiato a scuola è "Cento anni di solitudine" di Gabriel Garcia Marquez, scrittore colombiano che ha creato le sue opere nello stile del realismo magico. Il romanzo è stato rilasciato nel 1967. Per pubblicarlo, lo scrittore ha dovuto raccogliere soldi, come dicono, da tutto il mondo. Nel romanzo c'è una realtà e una finzione. L'autore solleva la questione delle relazioni delle persone, il tema dell'incesto e della solitudine profonda. Così, un breve riassunto di "Un centinaio di solitudine" di Gabriel Garcia Marquez.


Il romanzo è in breve

Riassunto "Cent'anni di solitudine": quasi tutti gli eventi descritti nel romanzo si svolgono in una città chiamata Macondo (città fittizia). Ma per tutta l'irrealtà della città, tutta la storia è piena di eventi piuttosto reali avvenuti in Colombia. La città fu fondata da Buendía José Arcadio, che era un uomo single-minded, impulsivo e forte-voluto, un leader dalla sua natura. Egli era fortemente interessato ai segreti dell'universo, che gli furono aperti visitando gli zingari, tra i quali Melkiaades è particolarmente distinto. Nel tempo, la città inizia a crescere, e il governo colombiano mostra interesse per l'insediamento e invia un nuovo sindaco. Buendía José Arcadio attrae gli inviati Alcádos al suo fianco, lasciando così la città al controllo.

"Cento anni di solitudine": Breve sintesi e ulteriori sviluppi

Il paese è colpito dalla guerra civile, che coinvolge la popolazione di Macondo. Figlio di José Arcadio – Colonnello Buendia Aureliano – raccoglie volontari in città e va con loro per combattere con il dominante regime conservatore del paese. Mentre il colonnello è coinvolto attivamente nella guerra, il nipote (anche Arcadio, come il fondatore della città) prende le redini nelle sue mani. Ma allo stesso tempo diventa un dittatore brutale. Così crudele che otto mesi dopo, quando la città viene catturata dai conservatori, sarà sparato senza alcun dubbio e dispiacere.

Una sintesi di "Cent'anni di solitudine". La guerra e dopo di essa

La guerra si trascina per diversi decenni, svanendo e lampeggiante di nuovo. Il colonnello, stanco dello stato di guerra eterno, decide di concludere un trattato di pace con gli avversari. Dopo aver firmato il "mondo", ritorna ai suoi nativi "penati", dove al tempo stesso arriva una compagnia di banane con un gran numero di stranieri e migranti. La città comincia infine a prosperare, e il nuovo governatore Aureliano II inizia a diventare più ricco e crescente bestiame. Il bestiame rapidamente, anche magicamente, moltiplica, come l'autore suggerisce, grazie alla connessione del righello con la sua padrona. Qualche tempo dopo, c'è uno sciopero dei lavoratori, l'esercito spara gli scioperanti e, immergendo i corpi nei carri, li lancia nell'abisso del mare. Questo evento è stato chiamato una macellazione di banane.

"Cent'anni di solitudine", Marquez. fine romanzo

Dopo lo sciopero sulla città, inizia una pioggia prolungata, durata quasi cinque anni. Durante questo periodo nasce il penultimo rappresentante del genere Buendia, Aurieliano Babylonia. Alla fine della pioggia, all'età di cento vent'anni, morirà la moglie del fondatore della città, Ursula. Dopo di ciò, la città diventa abbandonata. I bovini non sono nati, gli edifici sono distrutti e semplicemente sovrastati.

La Babylonia rimane da solo, studiando le pergamene lasciate da Melkiaes, ma poi li lancia in tempo a causa del romanzo con la zia. Alla nascita, muore, e un figlio nato con una coda di cavallo viene mangiato da formiche. Aurieliano decifere pergamene, e un tornado viene in città. Quando la decodifica termina, la città scompare dalla faccia della terra.

In conclusione

Ecco una breve sintesi di "Cent'anni di solitudine". Infatti, ogni personaggio del romanzo rimane solitario per il resto della sua vita, non ricevendo soddisfazione e risultati positivi dalle sue azioni, e la crudeltà, l'avidità e le connessioni con un'ombra di incesto aggravano solo l'aspetto emozionale e morale già non molto sano delle persone.