826 Shares 6630 views

Il principio antropico: il campo di applicazione della

Questo è molto difficile da capire il principio, è stato formulato in primo luogo come un argomento per spiegare alcune delle complesse relazioni tra i fenomeni che si verificano in tutto il mondo, compresa una spiegazione per il fatto della sua nascita e lo sviluppo. L'ipotesi iniziale di spiegarlo è l'affermazione che il mondo ci appare è esattamente lo stesso come lo vediamo, perché in essa abbiamo sorte e siamo presenti in qualità di osservatore. Dal punto di vista delle scienze naturali principio antropico destinato a spiegare cosa dovrebbe sorgere il rapporto fra i parametri fisici e chimici fondamentali per promuovere l'emergere di vita intelligente.


Il termine "principio antropico" è stato utilizzato nel 1973 dal fisico britannico B. Carter. Tuttavia, dopo la sua pubblicazione, molti studiosi hanno sottolineato che una simile idea qualche altra interpretazione è stata formulata in precedenza. In particolare, prima di tutto, che è stato annunciato come il principio antropico in cosmologia nel 1955 in Unione Sovietica durante la conferenza scientifica di astronomia extragalattica. Tra gli scienziati che hanno suggerito questa idea, sono stati gli scienziati sovietici G. M. idlis, A. L. Zelmanov, americano Robert Dicke.

Ma è stato il lavoro di Carter è diventato oggetto di attenzione generale e ha avviato una dettagliata comprensione scientifica di questo principio e il suo ruolo nella cognizione. Allo stesso tempo, la comunità scientifica non ha trovato un punto di vista comune sulla possibilità di applicare le idee nella scienza pratica. Solo tenuto una conferenza a Venezia, dove per la prima volta una considerazione importante nel 1988 è stato il principio antropico, e ha attirato l'attenzione di una vasta gamma di interessi – dalla fisica alla filosofi religiosi. Dopo di che, il tema è stato discusso in numerosi incontri scientifici, e un modo o nell'altro, anche in occasione delle conferenze sulla stretta questioni scientifiche, una discussione delle questioni coinvolte che mantiene il principio antropico. Oggi il suo utilizzo è esteso a una vasta gamma di questioni – dalla teologia alla ekstrapolyarnoy cosmologia.

B. Carter, nel suo famoso articolo ha identificato due varianti di manifestazione del principio – forti e deboli. versione più debole presuppone che nell'universo ci sono alcune costanti in grado di monitorare una persona solo perché lui è lì. E il contrario: ci sono diversi da quelli a noi familiari, i valori delle costanti universali, in cui l'osservatore (persona), non ci non è più attivo. percezione intuitiva e domestico di questo principio in qualche saggezza convenzionale espressa dicendo: "beh, in cui non lo facciamo."

Forte comprensione delle opzioni manifestazioni del principio di necessità segue la conclusione – l'universo di potenzialmente dispone di parametri che consentono di sviluppare l'intelligenza.

Il principio antropico in una forte manifestazione di un ben formulato G .. Wheeler, affermando che "gli osservatori sono tenuti a guadagnare l'universo di essere."

La differenza tra le versioni forti e deboli è che la forte caratterizza il mondo in tutte le fasi della sua esistenza, e solo quelli in cui la mente può essere concepito solo ipoteticamente i deboli.

L'espressione concreta del principio antropico è il presupposto che la realtà e le sue leggi che abbiamo osservato non sono gli unici, ma perché c'è una probabilità dell'esistenza di realtà con altre leggi. A quel tempo, il principio antropico in questa interpretazione è emersa in apertura della geometria non euclidea, dove le leggi non sono classiche. La manifestazione del antropico può essere assunta in situazioni descritte da Einstein: il passare del tempo in funzione della velocità.

I fisici che hanno studiato le varianti della ipotetica esistenza nel tempo e nello spazio di altri universi, è venuto alle seguenti conclusioni:

– a continui cambiamenti che si verificano nell'universo, i parametri sono costantemente cambiando, e pertanto vi può essere una combinazione di questi parametri, in cui la comparsa della vita intelligente è inevitabile;

– lo stesso può accadere in un unico universo, in quei luoghi dove le sue proprietà si svilupperanno in un rapporto favorevole;

– non si può negare l'ipotesi dell'esistenza di una sorta di "multiverso" per il fatto che noi non osserviamo.

Così, viene fatto un tentativo utilizzando il principio antropico per espandere il campo di conoscenza scientifica, portandola oltre le leggi vigenti della natura e le usuali metodologie per la loro spiegazione.