103 Shares 1073 views

Sindrome di Parigi: perché è la città dell'amore diventa la causa della malattia mentale?

"Città della Luce" è accecante, anche se a tal punto che alcuni di essi possono farti impazzire.


Aspettative e realtà

Rappresentazioni di turisti sul capitale francese spesso formano un quadro della fantasia dei film di Hollywood, le opere degli impressionisti e la pubblicità delle donne ben vestite in bicicletta. Ma quando lasciano l'aereo, vengono accolti da nuvole grigie, i graffiti, i tassisti maleducati e bambini di strada. Essi improvvisamente conto: Parigi – non è solo Sartre, "Chanel" e sigari. Come tutte le città, Parigi – un luogo di contrasti. Ma per alcuni turisti impreparati come il quartiere ha un impatto così significativo che può anche portare alla sindrome di Parigi.

disturbo mentale

Questo fenomeno è caratteristico solo della capitale francese, e nella maggioranza dei casi si riscontra turisti giapponesi. Improvvisamente iniziano ad avere le vertigini, sudorazione, palpitazioni cardiache, psicosi, allucinazioni, manie di persecuzione e disorientamento nello spazio. Forse questa è una qualche forma diretta e in esclusiva di shock culturale. Tali messaggi sicuramente intrigante, ma tutto potrebbe essere vero?

studio di 16 anni

In precedenza, la sindrome di Parigi più volte balenò nei titoli di pubblicazioni importanti, e anche divenne oggetto di uno studio della rivista Nervure psichiatrico francese nel 2004, che è stato condotto dal professor Hiroki Ota, uno psichiatra giapponese, ha lavorato in Francia. Lo studio, che è stato condotto tra il 1988 e il 2004, ha dimostrato che 63 turisti giapponesi sono stati ricoverati in ospedale con una condizione acuta nel Dipartimento di Psichiatria. Gli autori hanno anche osservato i fattori che, a loro parere, hanno influenzato questa condizione insolita. I loro risultati suggeriscono che provocare tale stress potrebbe avere visitatori, molto probabilmente, voli a lungo raggio, jet lag e cambiando il viaggio estenuante.

Un ambiente nuovo e sconosciuto può inoltre fungere da fattore di stress. Come già accennato, la sindrome di Parigi può essere associato con disappunto e avversione nel nuovo ambiente. Parigi in una giornata di pioggia può apparire molto diversa, come nel film "Amelie", e, naturalmente, i turisti qui non si sentono come nel film "Un americano a Parigi". Inoltre, la barriera della lingua e le differenze culturali possono causare ai visitatori un senso di isolamento e disorientamento.

shock culturale

Per quanto riguarda la sindrome di Parigi, è ovvio che non tutte le persone che viaggiano per lunghe distanze, possono far fronte bene sia con il viaggio stesso, e con i cambiamenti nell'ambiente culturale, sociale e fisico. Questo è stato detto dal Dr. Nicolas Dzhiraert – uno psicologo presso l'Università di Essex in Gran Bretagna, che ha effettuato una ricerca approfondita sul shock culturale tra gli studenti stranieri. E 'possibile che un tale evento può essere un "meccanismo di innesco" per disturbo mentale diagnosticato in precedenza, o addirittura causato.

Tuttavia, va sottolineato molto importante sfumatura. E 'dubbio che il viaggio stesso può causare alcun tipo di disturbo mentale. Tuttavia, si può presumere che è stato il proverbiale "ultima goccia" per le poche persone che hanno sofferto di sindrome di Parigi.

Perché Parigi ha una tale reputazione?

Forse il motivo è che è la capitale della Francia è spesso romanzata come simbolo d'oro della cultura europea, anche se in realtà lei vive come una normale metropoli occidentali. Parigi, come molte altre città in Europa, è un freddo, grigio, impersonale, indipendente e ostile a molti turisti. Il risultato è uno scontro di culture e non v'è una depressione, quando queste aspettative non sono soddisfatte.

Il fatto che i turisti giapponesi si trovano ad affrontare la sindrome di Parigi nella capitale francese è anche sorprendente. Giappone e Francia sono culturalmente molto diversi. V'è abbondanza di prove che l'adattamento alla vita all'estero diventa più difficile quando c'è un enorme "distanza culturale" tra il paese di origine e il nuovo luogo.

alcune statistiche

Naturalmente, lo scontro di culture può essere particolarmente grave per i turisti giapponesi a Parigi, ma il numero relativamente piccolo di casi di questa sindrome ha confermato che non si tratta di un disturbo psichiatrico affrontato da tutti i visitatori indiscriminatamente. A Parigi, solo un sacco di stress per le persone a rischio di problemi di salute mentale. Ma questi fattori hanno in altre città.

Nonostante i titoli dei giornali, sembra che i turisti giapponesi stanno vivendo problemi di salute più mentale che le persone di qualsiasi altra nazionalità, che vengono inviati verso l'altro lato del mondo. Le statistiche ufficiali in materia è molto piccola, ma come esempio, è possibile utilizzare i dati del Servizio Sanitario Nazionale della Gran Bretagna, che spende milioni per i visitatori stranieri, guasti mentali in vacanza. Lo studio Hiroaki Ota studiato un totale di 63 persone per 16 anni, affetti da alcuni sintomi, inoltre, molti dei quali già avuto problemi di salute mentale. Tenuto conto del fatto che ogni anno in Francia parla di 600 mila turisti giapponesi, queste cifre non sembrano troppo significativo.

Bias e l'esagerazione

Naturalmente, non dobbiamo sottovalutare la distorsione nella descrizione di questi fenomeni, soprattutto quando sono riportati dai media. Spesso l'informazione è distorta in modo tale da farci interpretare o ignorarlo per confermare esistente nelle nostre convinzioni.

Non v'è alcun dubbio che la notorietà della sindrome di Parigi è benefico per la stampa, perché suona misteriosa, e, quindi, è un ottimo materiale per la sensazione. Alla fine, sembra che lo script del bilancio del film di basso grado che la nebbia della follia spazzato lungo gli Champs-Elysees. In realtà, la situazione non è probabilmente così insolito e sorprendente.

Naturalmente, è importante ricordare che il viaggio non può essere una cosa negativa per voi, tutto il contrario. A meno che, naturalmente, non si perde il passaporto e tutto può pianificare in modo intelligente, esso contribuirà a espandere la vostra mente e cambiare la tua percezione del mondo.

Come Mark Tven ha detto: "Il viaggio è fatale al pregiudizio, intolleranza, e le limitazioni … Ampio, utile, viste caritatevoli di uomini non possono essere acquistati, la vita vegetare in un piccolo angolo della terra."