421 Shares 5394 views

Ilya Averbakh, regista sovietico: biografia, vita personale, film

Ilya Averbakh è un regista, sceneggiatore e cameraman sovietico. Nella sua personalità si concentravano tutti i tratti tipici dell'intellettuale di Leningrado: onestà umana e creativa, stoicismo morale, un atteggiamento tremolante e altruistico verso la sua professione. Apparteneva a quelle persone per le quali la verità e la verità valevano più di tutti i valori materiali.


Biografia di Ilia Averbakh

Averbakh Ilya Alexandrovich è nato a Leningrado nel 1934. I suoi genitori erano discendenti della nobiltà. Madre – Xenia Kurakina – attrice, padre – Alexander Averbakh – economista. Entrambi ruotano in cerchi intellettuali, le connessioni letterarie, teatrali, musicali sono state mantenute da loro per tutta la vita. Ilya è cresciuto in un'atmosfera artistica, il desiderio di bellezza è stato infuso in lui da una prima età.

Nonostante le apparenti inclinazioni creative, secondo l'ordine di suo padre, Ilya Alexandrovich è entrato nel Primo Leningrad Medical Institute. L'insegnamento gli è stato dato facilmente grazie a un'eccellente memoria e ad una mente tenace, ma sempre più si sentiva che la medicina non fosse nella sfera dei suoi interessi. I confronti con Chekhov, Bulgakov, che erano anche medici per istruzione, non hanno aiutato a lungo.

Dopo la laurea, nel 1958, Averbakh fu inviato alla distribuzione Sheksna. Qui beveva una tazza piena di vita del villaggio scomoda: una stanza con sei letti, un comodino, una sedia, servizi nel cortile e acqua dal pozzo.

Trovare se stessi

Dopo aver soddisfatto i tre anni, Averbakh ha deciso di ritirarsi totalmente dalla medicina. Sono iniziati anni duri durante il quale ha cercato di scrivere poesie, storie e sceneggiature per programmi televisivi. Sua moglie Aba Norkute ha ricordato che durante questo periodo Averbakh aveva spesso attacchi di disperazione e di disperazione. Per mantenere la famiglia si è rivelata male, oltre a Sheksna non ha avuto ottimismo. Infine, uno degli amici ha annunciato che i corsi di Scenario Superiore stavano aprendo a Mosca. Nei requisiti per i candidati c'era solo un punto – la disponibilità di opere pubblicate. In breve tempo Ilya Averbakh ha stampato più relazioni e un articolo. Nel 1964 si iscrive a questi corsi nel laboratorio di E. Gabrilovich.

I primi passi del cinema

Quasi subito dopo la fine dei Corsi Superiori di Scriptwriters sotto il Comitato di Stato dell'URSS di Film, nel 1967, sullo schermo apparvero il film "La vita personale di Valentina Kuzyaev". Era composta da tre storie brevi, due dei quali "Out" e "papà" – Ilya Averbah rimossi. Nel film, la storia di uno studente di scuola superiore Valentina Kuzyaeva sulla battuta di Kuzya, invitata a partecipare al programma "Chi voglio diventare". La critica vigorosa ha valutato negativamente il film, avendo visto calunniare contro la gioventù sovietica, il personaggio principale è stato marcato come una caricatura di un giovane moderno e il direttore è stato accusato di aver cercato di annullare la realtà.

successo

Il primo film a piena lunghezza è stato girato da Averbakh secondo il suo script. "Grado di rischio" è il lavoro di un maestro completamente maturo, gestendo con fiducia il materiale. Gli attori sono anche eccellenti: B. Livanov come principale eroe del chirurgo di Sedov, I. Smoktunovsky come il matematico Kirillov, il suo paziente. Il dramma della linea di trama è costruito sul confronto tra queste due persone assolutamente diverse – il filosofo e il cinico. Sedov, dotato di potere illimitato sulle persone a causa della sua professione, è costretto a prendere decisioni vitali ogni giorno e non ha il diritto di commettere un errore. Lui è concentrato e non inclini all'eccesso di filosofia. Kirillov, gravemente malato e consapevole di questo, non si fida della medicina, chiede domande ingannevoli e mette in discussione le capacità dei medici.

Questa volta, la critica ha favorevolmente preso il film, notando l'incredibile abilità che Ilya Averbakh ha dimostrato. Il direttore, però, era insoddisfatto del risultato. Più tardi ha detto che nel film medicina si è rivelata, e la filosofia – no. Tuttavia, il "Grado di Rischio" è stato assegnato nel 1969 con il Gran Premio per la divisione di lungometraggi al Festival Internazionale dei Film sulle attività della Croce Rossa.

"Monologo" e "Fantasia di Faryatyev" (Ilya Averbakh): film che ti fanno pensare

Nella filmografia di Averbakh ci sono solo sette lungometraggi, probabilmente perché ciascuno di loro ha lasciato un segno indelebile nella memoria del pubblico. Uno di loro è "monologo" secondo lo scenario di E. Gabrilovich, pubblicato nel 1972. Al centro della trama – il rapporto del famoso scienziato e accademico Nicodemus Sretensky e sua figlia. Lasciando il posto di direttore dell'istituto, affronta il suo volto a casa. Si scopre che, nonostante l'amore reciproco, alcune delle caratteristiche che non possono tollerarsi tra loro. L'intolleranza porta a numerosi conflitti che portano all'alienazione. In questo film hanno suonato Marina Neyolova, Stanislav Lyubshin, Margarita Terekhova, Mikhail Gluzsky. Nel 1973, il dipinto ha partecipato al Festival di Cannes, ha ricevuto un diploma onorario al Festival Internazionale del Cinema di Georgetown.

"Fantasia di Faryatyev" è, naturalmente, il miglior film di Ilya Averbakh. Una delle recensioni su questa immagine è chiamata "sentire il dolore di qualcun altro". Questo nome è la quintessenza di non solo il significato del film, ma dell'intero lavoro di Averbakh. Alexandra, o Shura (Marina Neelova), è un insegnante di musica che vive con sua madre e non riesce a trovare un linguaggio comune con lei. Anche qui il tema dell'impossibilità di una comprensione reciproca tra persone vicine sente. Shura è irrimediabilmente innamorata del criminale Bedhudov, che non può farla felice, perché lui stesso non è capace di sentimenti profondi. Quando Farajev appare nella famiglia di Shura, un sognatore, un idealista che parla di alcune cose inesistenti come qualcosa di evidente, un punto di svolta si inserisce nella vita delle principali eroine. Sono aperti un nuovo mondo, hanno l'opportunità di guardare dove l'armonia e l'amore sono i valori definiti. Il ruolo di Farjatiev è stato eseguito da Andrei Mironov. Improvvisamente, vede il compagno e il burlone allegro, con il quale la canzone sulla farfalla è associata, all'immagine di un sognatore brutto e timido. Tuttavia, l'attore si è affrontato con un ruolo così drammatico e complesso.

"Alien Letters" (1979)

Questo film evoca le associazioni con l'immagine "We'll Live To Monday". Qui stiamo parlando del rapporto di un giovane insegnante e del suo studente. Vera Ivanovna (I. Kupchenko) ritiene di dover partecipare attivamente all'educazione morale di Zina Begunkova (S. Smirnov). Tuttavia, la realtà mostra che i suoi studenti sono veri barbari, per i quali i sentimenti di altre persone sono solo causa di risate. Questo è uno shock per l'insegnante, il significato del suo lavoro sta vedendo il nutrimento dei migliori in una mente debole. Con orrore si rende conto che non ama più le sue accuse. "Alien Letters" è un magnifico dramma da camera con un ottimo cast e un'azione faticosa.

Malattia e morte

Nel 1985, Averbah è andato in ospedale. Aveva un'operazione sulla vescica, come pensavano tutti i suoi amici. All'inizio era allegro, scherzoso, interessato alle partite di scacchi. Tuttavia, dopo la prima operazione si è completamente distrutto da tutti gli amici e le conoscenze. Nessuno di loro poteva attraversarlo. Ben presto si accorse che un'altra operazione era avvenuta. Ilya Averbakh lottava con la malattia per due mesi. La causa della morte, probabilmente, era che il corpo emaciato del regista non poteva far fronte all'assalto della malattia. Morì nel suo nativo Leningrado l'11 gennaio 1986.

Averbakh era sposato due volte. Il primo coniuge è Aba Norkute (uno specialista dell'iconografia a scena), dal quale ha una figlia Maria, la seconda – sceneggiatrice Natalia Ryazantseva . Nel secondo matrimonio il regista non aveva figli.

Ilya Averbakh ha fatto dei film sui drammi personali delle persone. Nel suo lavoro non esiste posto per le frasi generali, gli slogan ad alta voce e le banali verità triviali. I suoi eroi cercano persistentemente di trovare un linguaggio comune in questo mondo, spesso sordi ai loro sentimenti. Nei suoi quadri una voce empatia con questi drammi, costituiscono il fondo d'oro non solo del cinema russo ma anche del mondo.