394 Shares 4703 views

Temperatura di colore

Il concetto fatto nel titolo dell'articolo è ampiamente utilizzato in campi di scienza e attività pratiche come l'astrofisica, la produzione di vari tipi di lampade e filtri leggeri. La natura fisica dei fenomeni che caratterizza la temperatura del colore è che crea ragioni oggettive per la percezione dei colori da parte dell'occhio umano. In un'interpretazione più complessa, essa mostra la struttura spettrale delle radiazioni emanate da una particolare fonte. Poiché la percezione del colore dell'occhio è in gran parte determinata dalle caratteristiche soggettive del corpo umano, lo stato del sistema nervoso, i parametri del sistema visivo, quindi per l'oggettivazione delle proprietà spettrali, vengono utilizzate scale speciali di distribuzione del colore a seconda della temperatura delle sorgenti.


Così, per esempio, la temperatura del colore dell'insorgenza della percezione visiva dell'occhio umano per le sostanze oi corpi incandescenti è di 800 K.

Questo indicatore caratterizza l'intensità della radiazione di origine entro l'intervallo ottico. I suoi valori sono misurati in Kelvin.

Secondo standard sperimentali, la luce della fiamma candela diventa visibile alla sua temperatura di 1500-2000 K e l'incandescenza di una semplice lampada ad incandescenza con potenza di 40 watt diventa osservabile a 2000 K. In generale, la temperatura dei colori delle lampade a incandescenza è determinata dalla loro potenza ed è compresa tra 2000 K Fino a 3000 K, per gli standard più comuni per i consumatori (40 – 200 W). Le lampade più comuni utilizzate nella tecnologia di produzione cinematografica e di produzione cinematografica hanno temperature di 3200-3250 K. Il sole, quando si avvicina all'orizzonte, è visibile, se la sua temperatura di colore è di 3000 K, a mezzogiorno – 5000 K, ma le nuvole, per essere visibili, dovrebbero " Riscaldare "già fino a 5500 K.

Tra i fenomeni naturali e climatici, il più chiaro cielo blu invernale con una temperatura di 15.000 K ha la massima temperatura e anche lo stesso fenomeno nelle latitudini settentrionali, dove la temperatura del colore può raggiungere un valore di 20.000 K.

Il caso più frequente in cui una persona può valutare questo indicatore è ovviamente l'uso di vari tipi di apparecchi di illuminazione dotati di lampade. Ad esempio, le lampade fluorescenti ampiamente utilizzate nella vita quotidiana e in altre sfere hanno temperature molto più elevate. Secondo i dati, la temperatura del colore delle lampade fluorescenti, a seconda delle sue altre caratteristiche, può essere da 2700 a 7700 K alla loro uscita massima.

Il parametro della temperatura colore è ampiamente utilizzato nella fotografia e nella cinematografia. Ad esempio, qualsiasi pellicola a colori viene prodotta con valori di temperatura di colore completamente fisse. Questo raggiunge il rendering di colore di alta qualità. Se stai scattando una ripresa o un tiro negativo, o tiro a grandi focali, hai bisogno di un film che utilizza un fattore di bilanciamento della temperatura di colore di circa 5600 K per la luce del giorno e 3200 K per i colpi di serata.

Nelle moderne fotocamere digitali viene applicato anche l'effetto di bilanciamento, solo questo è possibile grazie alla regolazione automatica del dispositivo fotografico stesso o all'opzione di preinstallazione.

Nell'industria della stampa, al fine di garantire prodotti di alta qualità, viene applicata anche la tecnologia di adeguamento della temperatura del colore in tutte le fasi del processo produttivo. Il valore ottimale è 6500 K. A questo valore, la sorgente luminosa forma nella sua struttura un componente ultravioletto che non viene percepito dall'occhio umano. Ma alcuni oggetti con questo valore della temperatura del colore cominciano a brillare, rendendo i prodotti di stampa attraenti e originali. Inoltre, con l'aiuto di tali tecnologie, si ottiene un effetto in cui il "bianco" di un bianco può superare il valore del cento per cento.