523 Shares 2836 views

La cultura popolare – è buono o cattivo?

Che cosa è la cultura popolare? Questa è la musica che versa da stazioni radio popolari; è un libro di autori contemporanei; Questo di designer di moda abbigliamento. L'elenco, ovviamente, è lungi dall'essere completa.

Se si dà una definizione, la cultura di massa – una cultura generata dal progresso tecnologico a cavallo dei secoli XIX-XX, incentrata sulla società di massa cosiddetta – la società, i singoli elementi che sono quasi perso identità, compresa nella scelta dei prodotti di consumo (culturali, sociali, economica). Il concetto è caratterizzata da una media che si applica sia gli oggetti e fenomeni di questo tipo di coltura, e alle persone a cui sono destinati.

La cultura popolare: pro e contro

Cominciamo con i professionisti.

Uno dei vantaggi della cultura di massa è la sua accessibilità. Molte fonti di informazione da riviste a Internet – basta scegliere.

sviluppo attivo della tecnologia e l'introduzione di nuove tecnologie.

E, naturalmente, la cultura popolare – è una riduzione significativa o completa assenza di censura nei media, in modo da un pubblico più ampio possibile accedere problemi che si verificano nel mondo e nella società.

Svantaggi, purtroppo, di più.

Disponibilità è stata la causa della cosiddetta "dominio sessuale". I bambini sotto i 10 anni sanno già che cosa il sesso. Al interesse degli studenti delle scuole medie spesso diventa un'azione aggressiva che contribuisce alla diffusione della gravidanza, così come la pedofilia.

Ovvio degrado culturale della società. Per esempio, le opere classiche – musica, letteratura, arte – i giovani assolutamente non riconoscono. La formazione dei loro trasportatori influenza mondiale film di Hollywood, rap, riviste di stile di vita e un basso grado di romanzi rosa e polizieschi. E 'chiaro che questi prodotti della cultura popolare determinano atteggiamenti dei consumatori per la vita. Gioventù catturato su un gruppo sociale chiamato "major". Come regola generale, è gli alunni delle classi superiori e gli studenti, la spesa per tutti i tipi di intrattenimento (come macchine di lusso o un locale notturno) i soldi dei genitori.

Oltre al consumismo onnipresente, le persone non sono in grado di un semplice attività analitiche. Si trasformano in una massa grigia e senza volto che crede quello che dicono conducono dalla TV, la politica, i venditori, e così via. D.

Il predominio di Internet riduce l'importanza della comunicazione in diretta. E se una massa della cultura del 20 ° secolo ha assunto l'interazione umana diretta, oggi, nel 21 ° secolo, una varietà di reti sociali sono diventate un habitat importante per un gran numero di persone. Sì, sono diventati importanti solo per il numero di "Mi piace" e commenti positivi sotto le foto. Il livello di alfabetizzazione nella maggior parte di questi commenti è scarsa.

In generale, naturalmente, è ovvio che la cultura di massa ha più negativo che positivo. D'altra parte, voglio ricordare quelle gemme del cinema sovietico ed europeo, che ci ha dato del 20 ° secolo (i film di Chaplin, Hitchcock, Ryazanov), i molti scrittori di talento (Grossman, Bulgakov, Platonov), un grande compositore (Tariverdiev, Pakhmutova, Glier). Pertanto, la cultura di massa – non è necessariamente una cosa negativa, solo bisogno di essere in grado di trovare un veramente buono e degno cose nel guscio mare.