737 Shares 5858 views

I lavoratori migranti – Chi è costui? Quanti lavoratori ospite in Russia?

I lavoratori migranti – sono stranieri che lavorano per l'occupazione temporanea. La parola ha origine dal tedesco e letteralmente si traduce come "guest-worker". In Russia, è il gergo e spesso è percepita dalle popolazioni ad avere una connotazione negativa. Nel nostro paese il concetto di "lavoratori ospiti" si è diffusa in quanto alla fine del 1990, prima in media, e quindi nella conversazione.


La storia del termine

In tedesco, la parola è stata coniata per sostituire concetti "fremdarbaytery", che ai tempi del nazismo è stato chiamato il gente ha portato in Germania per lavoro forzato. Il nuovo termine era privo di connotazione negativa inerente al vecchio, e aveva un significato leggermente diverso. Nella comprensione dei lavoratori ospiti tedeschi – sono dipendenti volontari, su invito del governo tedesco a visitare il paese per lavorare.

In russo, la parola è stata usata per la prima, con l'accento sulla seconda sillaba (stile tedesco), ma in seguito l'attenzione si è spostata ad una sillaba più vicino alla fine. Nel CSI non è stato il flusso di migranti, come in Germania, ha chiamato gli inviti del governo, per cui il termine viene percepito ironicamente. Spesso, nei media elettronici si può vedere prendendo in giro di visitare lavoratori video e foto. I lavoratori migranti nella CSI è considerato applicazione abusiva a loro di questa nozione.

I fornitori di lavoratori migranti

In termini generali, i lavoratori migranti – sono da paesi che sono i più poveri in termini economici. Sono a buon mercato, ma allo stesso tempo la maggior parte della forza lavoro non qualificata. In precedenza in Europa, i fornitori di lavoratori stranieri sono stati la Romania, la Bulgaria, la Grecia, la Russia, l'Italia, la Polonia, l'ex Iugoslavia (ad eccezione della Slovenia), Spagna, Portogallo, Irlanda.

Attualmente, la quota maggiore del numero totale dei migranti nei paesi della CSI è tagiko, ucraino, cinese, i lavoratori migranti uzbeki, così come gli immigrati provenienti da Albania, Kirghizistan, Turchia, Moldavia, India. In Europa, il leader CIS del numero assoluto dei migranti, e in tutto il mondo su questo indicatore dà solo gli Stati Uniti, dove i lavoratori migranti sono per lo più messicani e di altri rappresentanti dell'America Latina. Il terzo posto nel numero di lavoratori stranieri è la Germania, dove i turchi vanno in massa, anche se in un prossimo futuro da questa posizione si può assumere la Spagna, dove la maggior parte dei lavoratori migranti sono arabi e latino-americani.

I lavoratori migranti in Russia

Già nel 1970-1980-zioni in URSS è diventato cittadini vietnamiti massicciamente coinvolti a lavorare nella Mosca fabbrica ZIL e AZLK. Con loro è di quattro e shestigodichnye contratti che non possono essere interrotti dal dipendente. I vietnamiti ha lavorato in buona fede, difficilmente bevuto alcolici e beni di consumo acquistati sovietici attivamente, non avendo alcuna domanda da parte della popolazione locale. Quando l'Unione Sovietica crollò e fabbriche è fallita, molti lavoratori hanno lasciato per il CIS e ha iniziato a lavorare in nero. Ma allora, nessuno li ha chiamati i lavoratori migranti. Questo termine è venuto molto più tardi, quando, dopo il 2003-2004. La Russia è diventata una realtà nel fenomeno della migrazione di manodopera flussi dall'Asia centrale.

lavoratori ospiti russi si sentono particolarmente gratis in connessione con l'adozione di una nuova legislazione nel 2007, semplificando notevolmente la procedura di registrazione temporanea nel paese di stranieri che sono venuti per motivi di lavoro. Queste innovazioni principalmente colpiti i migranti provenienti da paesi con i quali la Federazione russa ha un regime senza visti. Come risultato di questi eventi il numero di stranieri legalmente occupati in Russia, FMS ha aumentato da due a tre volte.

Quanti lavoratori ospiti in Russia

A partire dal dicembre 2014 sul territorio del nostro paese, in base alle informazioni a disposizione del Servizio federale della migrazione, ci sono stati 11,07 milioni di cittadini stranieri. Ogni anno in Russia proviene circa 1,3 milioni di lavoratori migranti di lavorare legalmente, ma da qualche parte 2,5 milioni di persone stanno lavorando illegalmente. Il permesso di soggiorno o di un permesso di soggiorno temporaneo ogni anno ricevono circa 450 mila. Stranieri. Ora si può immaginare quanti lavoratori stranieri in Russia! I principali fornitori di manodopera nel nostro paese – è l'Uzbekistan, il Kirghizistan, l'Ucraina, il Tagikistan, la Moldavia.

professioni primarie

I lavoratori migranti in Russia hanno formato una sorta di casta per tipo di lavoro svolto. Così, nello stadio inferiore sono migranti che esercitano qualificato in pesante lavoro fisico: scavare trincee, pozzi di scavo, movimentazione. Muratori, pittori, stuccatori, piastrellisti sono considerati lavoratori più qualificati. Un best-pagato lavoratori migranti – saldatori ed elettricisti esso.

In generale, il lavoro dei lavoratori migranti mal pagato, sporco e duro. Spesso gli stranieri che sono venuti a lavorare nelle loro famiglie sono i soli capifamiglia, e il loro stipendio è a casa diversi volte inferiore che in Russia. I lavori che prendono i lavoratori migranti, la popolazione locale non causano interesse a causa del basso reddito e le condizioni di lavoro pesanti. Nella sola Mosca, secondo il Servizio federale della migrazione per l'anno 2013, ci sono 800 mila. I lavoratori migranti, anche se gli esperti indipendenti dicono che questa cifra è notevolmente sottostimato, e dei lavoratori migranti nella capitale, circa 2 milioni di persone.

L'atteggiamento della società

Riguardanti i lavoratori stranieri in Russia circolare una serie di punti di vista diversi. L'opinione prevalente che i lavoratori migranti – persone indigenti e sfortunato, che le circostanze della vita hanno costretto a guadagnare denaro sporco, pesante, il lavoro non di prestigio. Vivono come vagabondi, in condizioni disumane, che soffrono di non ricevere il loro ambiente sociale ostile, subiscono l'umiliazione e l'atteggiamento aggressivo. Russi credono che i lavoratori migranti sono persone di basso livello intellettuale e culturale, e quindi può sopportare dure condizioni di vita e di lavoro. cittadini russi spinge scarsa conoscenza dei lavoratori stranieri russi, il che complica il processo di comunicazione, trascuratezza esterna e dimostrazione aperta di un mancanza di cultura. Tuttavia, alcuni russi celebrano le capacità di comunicazione positivi dei lavoratori migranti. Per quanto riguarda l'ottenimento di cittadinanza russa da parte dei migranti, ci sono opinioni molto diverse.

insomma

lavoratori ospiti in Russia chiamato "Dzhamshuta", "cunei", "tagiko". Essi sono cacciati da skinhead, loro datori di lavoro imbrogliare, non mangiano e dormono un po ', ma allo stesso tempo per un soldo svolgere il lavoro più sporco e duro. Nei villaggi lontani nel vasto Uzbekistan, Kazakistan e Tagikistan, non hanno alcuna possibilità di guadagnare, e per sfamare le loro famiglie, se ne vanno nel nostro "benvenuto" la Russia e lavorare per il nostro bene. Molti russi hanno difficoltà a rispondere alla domanda di cosa lavoratori migranti della maggiore: beneficio o danno. Questo è veramente questione discutibile, ma in ogni caso non si dovrebbe consentire la xenofobia e parlare di lavoratori migranti dispregiativo e offensivo.