364 Shares 1528 views

I ricercatori in Africa e la loro apertura

In questo articolo, ci ricorderemo il contributo dato allo sviluppo di ricercatori geografia Africa. Le loro scoperte hanno cambiato completamente l'idea del continente nero.


I primi studi in Africa

Il viaggio prima conosciuta in tutto il continente africano è stata effettuata già nel 600 aC. e. ricercatori dell'antico Egitto per ordine del faraone Neco. pionieri africani fece il giro del continente, e hanno scoperto sconosciuto a questa terra.

E nel Medioevo, questa parte del mondo ha cominciato a causare grave preoccupazione in Europa, che ha portato al commercio attivo con i turchi, rivenduti a un enorme costo merci cinesi e indiani. Ciò ha spinto i navigatori europei per cercare di trovare la propria strada per l'India e la Cina al fine di evitare che la mediazione turca.

ricercatori africani apparvero, e la loro scoperta fortemente influenzato la storia del mondo. La prima spedizione organizzata dal portoghese Prints Genri. Durante il primo viaggio marinai scoprirono Boyador mantello, che si trova sulla costa occidentale dell'Africa. I ricercatori hanno stabilito che questo è il punto più meridionale del continente. Gli studiosi moderni ritengono che i portoghesi semplicemente paura di indigeni neri. Gli europei hanno creduto che il sole era appeso così in basso sulla nuova terra, la gente del posto bruciano al nero.

Portoghese Korol Huan II dotato di una nuova spedizione, guidata da Bartolomeo Diaz, e il Capo di Buona Speranza è stato scoperto nel 1487 – un vero e proprio punto più meridionale del continente. Questa scoperta ha aiutato gli europei aprire la strada ai paesi dell'Est. Nel 1497-1499 Vasco Da Gama prima raggiunto l'India e tornò in Portogallo.

Sistematizzare le conoscenze acquisite aiuterà tabella "I ricercatori in Africa", qui di seguito.

Dopo questa scoperta, gli europei versato in Africa. Nel 16 ° secolo iniziò la tratta degli schiavi, e il 17 la maggior parte delle aree del continente nero è stato sequestrato e colonizzato. La libertà conservato solo la Liberia e l'Etiopia. Nel 19 ° secolo iniziò ricerca attiva in Africa.

David Livingstone

esploratore scozzese dell'Africa David Livingstone fu il primo scienziato europeo che è riuscito a sud a nord per attraversare il deserto del Kalahari. Ha descritto il paesaggio del deserto, la popolazione locale – l'alieno-Tswana sistemato e boscimani nomadi. Nel nord del Kalahari ha trovato foreste a galleria che crescono lungo le rive del fiume, e progettato per esplorare i grandi fiumi dell'Africa.

Inoltre, gli scienziati hanno studiato il lago Ngami, fiume Zambesi, ha descritto le tribù Boscimani, e bakalahari Makololo e scoperto Lago Dilolo, il deflusso occidentale, che alimenta il Congo e ad est – Zambesi. Nel 1855 ha aperto una cascata enorme, che prende il nome dal britannico regina Vittoria. Livingstone si ammalò gravemente e se ne andò per un po '. Ha trovato il viaggiatore Genri Morton Stenli, e insieme hanno esplorato il lago Tanganica.

La maggior parte della sua vita dedicata ricercatore d'Africa, era un missionario e un umanista, ha cercato di fermare il commercio degli schiavi. Scienziato morì durante una delle sue spedizioni.

Mungo Park

Mungo Park ha fatto due spedizioni al continente nero. Lo scopo era quello di studiare in Africa occidentale, in particolare il suo interno, le sorgenti dei fiumi Gambia e Sinegal. E 'anche obiettivo auspicabile è stato quello di stabilire la posizione precisa della città di Timbuktu, che gli europei fino a quel momento aveva solo sentito parlare dalla gente del posto.

Sponsor della spedizione ha preso Dzhozef Benks, che hanno partecipato al primo viaggio di James Cook. Il bilancio è stato piuttosto modesto – a soli 200 chili.

La prima spedizione è stata intrapresa nel 1795. E 'iniziato con la foce del Gambia, dove anche allora c'erano l'insediamento inglese. Da uno di loro, un ricercatore con i tre assistenti salì Gambia. Il Pisani è stato costretto a fermarsi per due mesi, come con la malaria.

Più tardi, è andato più in alto la Gambia e dei suoi affluenti NERICA, lungo il confine meridionale del Sahara, dove è stato catturato. Pochi mesi dopo lo scienziato riuscì a fuggire e raggiungere il fiume Niger. Qui ha fatto una scoperta – Niger non è la fonte del Gambia e Senegal, anche se prima che gli europei credevano che è diviso. Qualche tempo ricercatore viaggia in Nigeria, ma ancora una volta malato e restituito alla foce del Gambia.

La seconda spedizione è stata dotata di meglio, 40 persone hanno partecipato in essa. L'obiettivo era quello di indagare il fiume Niger. Tuttavia, il viaggio non ha avuto successo. A causa della malattia, e scontri con la gente del posto per Bamako sono stati in grado di ottenere solo 11 persone vive. Parco è andato in una spedizione, ma prima della partenza ha inviato un assistente tutti i loro dischi. ricercatori africani non sono sempre in grado di tornare a casa da luoghi pericolosi. Park è stato ucciso vicino alla città di Busa, in fuga dalla gente del posto.

Genri Morton Stenli

Esploratore inglese africano Genri Morton Stenli – il famoso viaggiatore e giornalista. Andò alla ricerca del Livingstone manca accompagnato da un distaccamento dei nativi e lo trovò gravemente malato in Ujiji. Stanley ha portato forniture mediche, e ben presto ha continuato a Livingston emendamento. Insieme hanno esplorato la costa settentrionale del Tanganica. Nel 1872 è tornato a Zanzibar e ha scritto un famoso libro, "Come ho trovato Livingstone". Nel 1875, accompagnato da un folto gruppo di scienziati ha raggiunto il lago Ukereve.

Nel 1876, con un distacco di 2.000 persone, che ha dotato il re di Uganda, Genri Morton Stenli viaggiato molto, mappa fisso del lago Tanganica, scoperto lago Albert Edward, ha raggiunto Nangve, ha esplorato il fiume Lualaba e completato una spedizione fino alla foce del fiume Congo. Così, ha attraversato il continente da est a ovest. scienziato viaggio descritto nel libro "Attraverso il continente nero."

Vasiliy Yunker

ricercatori russi in Africa hanno dato un grande contributo allo studio del continente nero. Vasiliy Yunker è considerato come uno dei principali ricercatori del Nilo superiore e la parte settentrionale del bacino del Congo. Il suo viaggio ha cominciato in Tunisia, dove ha studiato l'arabo. L'oggetto del ricercatore ha scelto l'Africa equatoriale e orientale. Viaggiato attraverso il deserto libico, fiumi Barak, Sobat, ruolo, iuta, Tonzhi. Mitt ha visitato Paese, Kalika.

Junker non solo ha raccolto una rara collezione di flora e fauna. I suoi studi cartografici erano accurate, ha fatto la prima mappa del corso superiore del Nilo, anche uno scienziato ha descritto la flora e la fauna, in particolare il dettaglio scimmie hanno scoperto sconosciuto animale – shestokryla. dati preziosi ed etnografici, che sono stati raccolti Juncker. Ha compilato un dizionario delle tribù Negro, ha raccolto una ricca collezione etnografica.

Yegor Kovalevsky

I ricercatori sono giunti alla continente africano e su invito delle autorità locali. Egor Petrovich Kovalevsky ha chiesto di venire in Egitto viceré locale Muhammad Ali. Gli scienziati hanno condotto in Africa nord-orientale, varie studio geologico ha scoperto depositi in oro placer. Egli è uno dei primi a sottolineare la posizione della sorgente del Nilo Bianco, ha studiato in dettaglio e mappata una vasta area del Sudan e l'Abissinia, ha descritto la vita dei popoli dell'Africa.

Alexander Eliseev

Aleksandr Vasilevich Eliseev tenuto sul continente per diversi anni, 1881-1893. Ha esplorato il nord Africa e nord-est. Egli ha descritto in dettaglio la natura della popolazione e la Tunisia, il Mar Rosso e il corso inferiore del Nilo.

Nikolai Vavilov

ricercatori sovietici spesso visitato l'Africa il continente nero, ma tra loro Nikolai Ivanovich Vavilov spicca di più. Nel 1926 ha fatto una importante spedizione scientifica. Ha esplorato l'Algeria, Biskra oasi nel deserto del Sahara, regione della Cabilia, Marocco, Tunisia, Somalia, Egitto, Etiopia ed Eritrea montagna.

Botanica interessati soprattutto sacche di coltura emergere. Un sacco di tempo ha dedicato in Etiopia, dove ha raccolto più di seimila esemplari di piante coltivate e ha trovato circa 250 specie di grano. Inoltre, è stato ottenuto un sacco di informazioni sulla flora selvatiche.

Nikolai Vavilov viaggiato in tutto il mondo, esplorando e raccolta di piante. ha scritto "Cinque Continenti", un libro sui suoi viaggi.