268 Shares 5979 views

Zen è … Zen Buddismo

Che cosa è Zen? Questo è allo stesso tempo ciò che una persona è, la sua vera essenza, espressa al di fuori del momento dopo il momento e quello che fa, la pratica dell'autodisciplina, attraverso la quale diventa possibile sperimentare la gioia dell'esistenza. Questo non è un sistema di credenze da adottare. In questa pratica spirituale non esistono dogmi e dottrine. Zen è l' esperienza diretta di ciò che a volte è chiamata la realtà più alta o assoluta, eppure non può essere separata dall'ordinario, dal parente. Questa esperienza diretta è accessibile a tutti per nascita. La pratica "zazen" – meditazione – ti permette di comprendere l'ambiguo, luminoso, nascosto dagli occhi del mondo la natura complessa di tutta la vita.


L'origine del buddismo

È stato questo cammino verso la consapevolezza che è stata dimostrata a persone oltre due e mezzo mila anni fa dal principe indiano Siddhartha Gautama, che è diventato famoso sotto il nome di Buddha Shakyamuni. La parola "buddha" ha il significato più semplice – "risvegliato". Il grande insegnamento del principe indiano è che tutti sono in grado di risvegliare, che fondamentalmente tutti sono Buddha – ebraico, cristiano, indù, islamico, secolare.

Con questo atteggiamento flessibile e non contraddittorio a diverse culture e convinzioni, il buddismo ha abbracciato tutti i paesi asiatici in viaggio. In Cina, si fonde con il taoismo e si è evoluto in "chan", il concetto cinese di meditazione, che si è trasformato in "zen" in giapponese. Negli ultimi decenni, il Buddismo Zen si è anche integrato nella cultura occidentale. Come ha detto il famoso storico Arnold Toynbee, uno degli eventi più significativi del ventesimo secolo è stato il viaggio del Buddismo Zen da est a ovest.

Vista mondiale unica

Il Buddismo Zen è una pratica spirituale intenzionale e coerente attraverso la quale una persona ha l'opportunità di rendersi conto: la sua "io" e tutte le altre persone sono una, le condizioni e l'incondizionate si verificano simultaneamente, l'assoluto e il parente sono una stessa cosa. Da questa consapevolezza nasce la simpatia e la saggezza naturali, una reazione pacifica e intuitivamente corretta a qualsiasi circostanza esterna. Zen non è un fenomeno, i buddisti non lo considerano nemmeno una religione. Quando il Dalai Lama ha risposto alla domanda su ciò che è il buddismo, ha semplicemente chiamato la sua gentilezza una religione.

Lo stato dello zen

Eppure, lo stato di Zen – che cosa è? Fermatelo. Smetta di cercare di comprendere per ragione ciò che è impossibile capire intellettualmente – semplicemente perché le profondità razionali non sono disponibili al pensiero razionale. Basta fare un respiro pienamente consapevole. Sentirlo a gustare. Sento grato per il fatto che sei in grado di respirare. Ora espirate lentamente, con comprensione. Lasciare andare tutta l'aria, sentire "niente". Inalate con gratitudine, esalate con amore. Ricezione e donazione – questo è ciò che facciamo con ogni respiro e l'espirazione. Zen è una pratica di trasformazione, consistente nel respiro con piena consapevolezza di ogni momento, che ha una base regolare.

Conosci te stesso

Questa semplice pratica spirituale, ma sorprendentemente profonda, ti permette di liberarsi dalle catene del passato e del futuro, nonché dai divieti e dalle barriere che la gente ha posto per se stessi. L'errore principale della maggior parte dei cittadini è che considerano questi limiti artificiali essere l'essenza della loro personalità e l'individualità invariabile.

E in effetti: chi pensi che tu sia? Se pensi a questa domanda in modo approfondito, si trasformerà in un koan – una frase senza significato che promuove l'immersione nella meditazione e suoni come "chi sono io?". Troverete che le viste condizionate e le caratteristiche compulsive che la società è abituata a considerare l'individualità non hanno una sostanza fissa.

Attraverso uno zazen coerente, si può liberarsi dall'autorevolezza dell'individualità e ottenere il vero sé, un essere aperto e fiducioso, senza ostacoli, che scorre con ogni cosa in ogni momento. Ecco perché è assolutamente naturale che tutte le persone prendano cura dell'ambiente, iniziando con le proprie azioni: impedire lo spreco di risorse preziose del pianeta, rendendo conto che ogni azione comporta conseguenze. Questa consapevolezza si estende intuitamente all'intero mondo circostante. I buddisti Zen tendono a vivere con attenzione a ciascuno, l'integrità, la realtà; Vogliono liberare tutti gli esseri viventi dalla sofferenza.

Le quattro nobili verità

Rinunciando alla vita mondana e sedendosi sotto un albero per meditare, il Buddha raggiunse l'illuminazione. Ha formalizzato gli insegnamenti Zen con un linguaggio accessibile sotto forma di quattro principi, o quattro nobili verità.

La prima verità: la vita significa sofferenza

Fino all'età di 29 anni il principe Siddhartha rimase imprigionato nelle quattro pareti del castello di suo padre. Per la prima volta in strada, vide quattro spettacoli che hanno lasciato una profonda impronta sulla sua anima tenera e ingenua. Erano un neonato, un vecchio paralizzatore, un malato e un morto.

Il principe, cresciuto nel lusso e non sospettava l'esistenza di morte e dolore al di fuori del palazzo, fu colpito da ciò che vedeva.

Durante la meditazione, ha capito che la vita significa sofferenza, perché le persone sono imperfette. Il mondo abitato da persone, rispettivamente, è anche lontano dall'ideale. Per comprendere Zen, questa affermazione deve essere accettata.

Buddha ha reso conto che durante tutta la vita ogni persona deve sopportare molte sofferenze – sia fisiche che psichiche – sotto forma di invecchiamento, malattia, separazione dai propri cari, privazione, situazioni spiacevoli e persone, dolore e dolore.

Tutte queste disgrazie perseguitano una persona semplicemente perché è soggetto a desideri. Se riesci ad ottenere l'oggetto della felicità, puoi sperimentare gioia o soddisfazione, ma queste emozioni sono molto fugace e rapidamente scompaiono. Se il piacere dura troppo a lungo, diventa monotona e preoccupa prima o poi.

Tre verità sui desideri

La seconda verità nobile: la radice della sofferenza è l'attaccamento.

Per evitare la sofferenza, è necessario capire quale sia la loro causa principale. Secondo il Buddha, la ragione principale delle esperienze psicoemotiche è l' attaccamento ai desideri di possedere (desiderio, sete) e non di possedere (rifiuto, avversione).

Tutte le persone tendono ad avere desideri. Poiché è impossibile soddisfarli tutti, le persone diventano irritate e arrabbiate, confermando così la loro suscettibilità alla sofferenza.

La terza nobile verità: puoi raggiungere la fine della sofferenza.

Secondo il Buddha, la fine della sofferenza può essere raggiunta se si pratica regolarmente la mancanza di attaccamento ai desideri. La liberazione dal dolore elimina la mente dell'ansia e dell'ansia. In sanscrito questa condizione è chiamata nirvana.

La quarta verità nobile: è necessario andare alla fine della sofferenza.

Nirvana può essere raggiunto se viviamo una vita equilibrata. Per questo, è necessario seguire l'Ottavo Path, che è un graduale miglioramento di sé.

Zen è il primo passo sull'Ottaperto Percorso.