533 Shares 1018 views

L'essenza della legge e le teorie fondamentali del suo contenuto

Anche se l'essenza della legge è un argomento molto serio e complesso, la sua spiegazione e comprensione sono estremamente importanti e necessarie per comprendere l'essenza stessa della scienza legale. Nell'utilizzo scientifico ci sono molte interpretazioni e teorie diverse che determinano le principali categorie su cui si basa la legge. Queste teorie sono reciprocamente contraddittorie e si completano a vicenda.


Nella scienza sovietica la più diffusa è stata la teoria della legge positiva, che individua innanzitutto quelle norme di legge che sono create dallo stato e supportano il suo funzionamento. L'essenza della legge che questa teoria vede nel modo stabilito dallo Stato e, in linea di principio, fissato in leggi scritte, normative e regolamenti giuridici. Anche se questi atti normativi emessi dallo Stato sembrano ingiusti e anti-umani, sono ancora un diritto da seguire. Questa teoria ha guadagnato una popolarità immensa nella XIX e nella prima metà del XX secolo, ma al momento attuale altre teorie competono con successo.

Dal punto di vista dei sostenitori del diritto naturale, che hanno ricevuto la più grande prova nei secoli XVII-XVIII, sebbene le radici di questa teoria risalgano all'era dell'antichità, l'essenza della legge è che nasce dalle proprietà naturali e innate della natura umana. La fonte della legge in questo concetto è la teoria della legge naturale. I suoi rappresentanti più importanti sono i principi assoluti che "vengono fuori" attraverso la coscienza umana e si manifestano nelle credenze su ciò che è giustizia, libertà, uguaglianza. Queste credenze sono codificate come diritti naturali interdipendenti e universali che sono inerenti a una persona per sua stessa natura e che nessuno può prendere da lui, compreso lo stato. Questa teoria, uno dei cui fondatori è il famoso giurista olandese Hugo Grotius, costituisce la base della teoria dei diritti umani. Questa teoria è storicamente il più antico.

Coloro che condividono il concetto di diritto naturale non negano in alcun modo l'esistenza di un diritto positivo, ma non basano l'essenza e il contenuto della legge sull'individuo, e non sulla volontà e sulle necessità dello Stato. Pertanto, ritengono che un diritto positivo che violi i diritti naturali, anche fissati dalla legge, non sia in realtà la legge. Lo Stato può considerare solo le leggi create da esso per essere veramente legali se i criteri di legge naturale sono stati presi in considerazione durante la loro scrittura e codifica. Pertanto, in questo concetto, la differenza essenziale tra legge e legge è molto importante. Se quest'ultima non rientra nelle disposizioni del diritto naturale, lo Stato non può essere considerato legale.

La scuola di giurisprudenza, basata su un approccio storico, ha criticato la teoria della legge naturale, sorta in un momento con essa. Ha origine in Germania. I suoi rappresentanti hanno creduto che la morale ei valori nella società si sviluppano storicamente e non esistono requisiti morali assoluti. Ciò è dimostrato dal fatto che, in momenti diversi, i sistemi assolutamente opposti della morale e dei concetti del bene pubblico si incontrano spesso in diversi stati e regioni . Tuttavia, la formazione e lo sviluppo della società hanno portato alla formazione di alcune norme e costumi sociali pratici, la cui osservanza favorisce la vita e conduce alla stabilità. Quando le persone hanno notato e individuate tali norme, li hanno fissati con certi contratti, il cui rispetto è stato richiesto da tutti. Pertanto, l'essenza della legge è le abitudini locali e nazionali, che hanno assunto la forma di trattati e leggi scritti. Lo stato di questo approccio ha la funzione di un'istituzione sussidiaria, che disciplina solo le abitudini.

Nella moderna giurisprudenza, la teoria fondamentale della legge naturale è ormai molto comune, specialmente nell'ambito che interessa le relazioni internazionali ei diritti umani, anche se molti elementi dell'approccio storico sono usati anche come validi. C'erano anche molte altre teorie che integrano le principali – normative, suggerendo di indagare sul diritto "puro" come una certa emanazione gerarchica della norma dell'obbligo, al di fuori del contesto sociale e storico; Sociologico, che cerca il contenuto della legge nei rapporti di vari gruppi e associazioni sociali; Psicologico, che si concentra sulle emozioni legali del soggetto o dei gruppi di persone come fonte di legge non ufficiale e così via. Infatti, la differenza tra tutti questi approcci è che ciascuno di essi definisce come l'essenza della legge le norme di comportamento stabilite dallo Stato, le relazioni tra le persone che si sviluppano storicamente o la coscienza legale basata sui valori universali.